Convivenza: come gestire le spese

0
76

Andare a vivere insieme significa anche iniziare a condividere la vita di tutti i giorni e le relative spese. Scopri come gestirle al meglio nella vita a due.

convivenza: come gestire le spese
coppia che fa calcoli con difficoltà – Fonte: Adobe Stock

Quando si decide di andare a vivere insieme, gli aspetti da prendere in considerazione sono tanti e vari. Tra questi ci sono, ovviamente, le spese di tutti i giorni. Perché anche se in un primo momento non ci si pensa, iniziare una vita insieme comporta anche tutta una serie di spese che in ogni caso coinvolgeranno entrambi.

Dalle bollette agli acquisti di tutti i giorni, ci sono uscite delle quali si dovrà sempre parlare e che è preferibile capire come gestire il prima possibile. Scopriamo quindi quali strategie seguire per trovare il modo corretto di affrontare l’argomento soldi in modo che non rappresenti mai un problema per la coppia.

Convivenza: come gestire i soldi

convivenza: come gestire le spese
giovane copia che fa i conti – fonte: Adobe Stock

Se prima di andare a vivere insieme si era soliti pagare ognuno per se o contribuire in modi diversi ai vari acquisti, nella vita a due le cose si complicano. Le uscite sono infatti diverse e può capitare che con il tempo ci siano momenti economicamente più difficili da affrontare. Momenti che, ovviamente, possono portare la coppia a discutere di soldi.

Prima di tutto va quindi stabilito un piano d’azione e tutto ricordandosi che non esiste una scelta migliore di altre e che per trovare quella più adatta alla coppia è indispensabile parlarne e scegliere quella che fa sentire entrambi a proprio agio. Volendo considerare le più diffuse, ecco alcune opzioni fattibili per gestire le spese quando si va a convivere.

Dividersi le spese. Una delle opzioni più gettonate è quella di mantenere entrambi il proprio conto e dividere le spese di casa. In questo caso in genere la coppia sceglie di dividersele in base alle entrate che si hanno. Questo però può portare a discussioni per di vario tipo. Ad esempio, chi paga la luce potrebbe iniziare a notare se il partner la tiene accesa anche quando non serve, iniziando a farglielo notare. E tutto con relative tensioni. Di contro ci sarebbe la comodità di non cambiare nulla e di non dover pagare conti bancari aggiuntivi.

Aprire un conto in comune. Un’altra possibilità è quella di aprire un conto in comune dove versare tutti i soldi di entrambi per poi pagare le spese con quelli. In tal caso si andrebbero a chiudere i conti individuali ottenendo così un conto bancario in meno da gestire e pagare. Perché la cosa funzioni, però, la coppia deve essere molto affiatata e vivere un rapporto basato sulla fiducia. In tal caso il tutto filerà liscio salvo la mancanza di privacy e il rischio di rovinare eventuali sorprese. Ogni acquisto online o ogni prelievo, magari per comprare un regalo, sarebbe infatti subito sotto gli occhi dell’altra persona.

Fare cassa comune. Una terza opzione è quella di mantenere i propri conti aprendone un altro per le spese in comune. In questo modo ognuno potrebbe versare una quota personale in base a quanto prende ogni mese. Si manterrebbe una certa autonomia avendo al contempo un fondo comune. In questo caso, però, bisogna far bene i conti perché eventuali spese extra andrebbero coperte con i conti personali. E ciò porterebbe ai problemi già esposti. Inoltre c’è da considerare l’apertura di un terzo conto che andrebbe mantenuto e che quindi sarebbe un costo aggiuntivo per entrambi.

Scegliere la modalità più idonea non è semplicissimo ma con un po’ di impegno si può arrivare a capire cosa è meglio per la serenità della coppia. Ciò che conta è mantenersi sempre aperti ed essere pronti anche sperimentare varie possibilità al fine di trovare quella che calza a pennello.

Quando si vive insieme, infatti, una delle cose più spiacevoli è proprio quella di dover litigare per i soldi. A tal proposito, una volta stabilito un piano d’azione è importante prendere in considerazione anche altri modi di fare.

Come viver al meglio la gestione delle economie nella coppia

Coppia
fare la spesa con 150 euro al mese Fonte: Istock

Per far si che le cose vadano bene, ci sono almeno tre piccoli trucchi da tenere sempre a mente. Modi di fare che sono alla base di tanti rapporti che vanno a gonfie vele e nei quali quello dei soldi non è mai argomento di discussione.

Decidere insieme come investire i soldi. Una delle prime regole per non dover discutere con il partner è quella di prendere insieme ogni decisione. Ragionare insieme sugli acquisti da fare e su ciò che serve in casa è sicuramente un buon buono per non trovarsi mai a rinfacciarsi eventuali spese considerate superflue.

Tenere un fondo per spese extra. È importante mantenere il controllo della situazione e non eccedere in estremismi che potrebbero portare ad inutili litigi. Avere un fondo da parte per gli acquisti extra che entrambi i partner hanno diritto di fare può essere un’idea. Che si tratti di una borsa nuova, di un videogioco o di qualsiasi altra cosa che interessa solo uno dei due è bene avere una strategia di base che porti ad effettuare gli acquisti nella più totale serenità e senza mai doverne discutere. Inutile dire che è importante anche fare spese oculate e mettere sempre al primo posto il benessere della coppia. Il tutto senza mai dimenticare quello del partner e, ovviamente, il proprio.

Mantenere sempre aperto il dialogo. Forse non sarà la cosa più romantica del mondo ma parlare di spese è molto importante. Certo, l’argomento non dovrà mai diventare predominante ma è giusto che al contempo non ci siano tabù. Una coppia che ha un buon dialogo e che parla di tutto è infatti più propensa a trovare dei punti di incontro e a non correre il rischio di chiudersi in silenzi che, alla lunga, possono fare più male che bene.

Imparare a gestire i soldi e renderli un semplice mezzo per vivere al meglio la vita a due è sicuramente uno dei segreti di un rapporto di convivenza (scopri quali sono i passi per gestire al meglio la convivenza) che funziona. Ciò che conta è essere sempre sinceri, esprimere ogni più piccolo disagio e non dimenticare mai di pensare anche al benessere del partner. Così facendo la strada sarà spianata e pronta a condurre verso una convivenza serena e funzionale.