Bucce di patate, 5 buoni motivi per cui non dovresti mai buttarle

0
81

Scopri 5 modi intelligenti, utili e estrosi per dare una nuova vita alle bucce di patate: non avrete certo pensato di gettarle via?

pelare patate
Foto da AdobeStock

Quelli che spesso giudichiamo come scarti alimentari degni solo della pattumiera possono rivelarsi in realtà straordinarie risorse, preziosi aiuti per la nostra bellezza e quella della nostra casa.

Abbiamo già visto come possiamo riutilizzare le bucce del limone e persino l’acqua di cottura della pasta, oggi scopriremo come dare una seconda vita alle bucce delle patate, già proprio quelle che generalmente pensiamo essere il classico rifiuto possono diventare una straordinaria opportunità per noi e non solo.

5 modi per riutilizzare le bucce delle patate

bucce patate
Foto da AdobeStock

La prossima volta che farete un gateau di patate (potete provare la ricetta che vi abbiamo consigliato in Gateau di patate con prosciutto e formaggio) o delle croccantissime patte al forno, ricordate di non buttare le bucce delle vostre patate.

Perché? Abbiamo selezionato per voi cinque ottimi motivi.

Tisana drenante – Basterà far bollire in 250 ml d’acqua con le bucce di un paio di patate grandi. Poi bisognerà semplicemente filtrare bene e bere il decotto per vedere pancia e fianchi sgonfiarsi gradualmente.

Friggere – Si dice che fritta dia buona anche una ciabatta, perché allora non dovrebbero esserlo le bucce di patate? Verranno fuori delle chips buonissime, sottili e gustose. Se poi temete i grassi in eccesso potrete optare per una cottura alternativa al forno: mettete le bucce su una teglia con un pizzico di sale, un filo di olio e infornate per 10-15 minuti.

Pulire e lucidare i metalli – Basterà passarle dalla parte tagliata sui metalli, pentole, rubinetterie, ecc.  otterrete un effetto brillantezza senza pari.

Impacco contro borse e occhiaie – Mettete le bucce in freezer per 10-15 minuti e poi applicatele sulle borse dalla parte tagliata. 5-10 minuti di posa, o comunque finché non si saranno scaldate a contatto con la cute, e i micronutrienti contenuti nella buccia associati all’azione del freddo dreneranno e aiuteranno a risolvere questo piccolo inestetismo.

Concime – Basterà lasciar essiccare le bucce con cura, triturarle e il concime è già pronto: basterà miscelarlo con altre bucce, gusci delle uova (sempre ben triturati), bratta del caffè o del tè.