Pensiero positivo: l’importanza di tenere un diario

Scopri come tenere un diario per allenare il pensiero positivo e perché farlo si rivela utile.

diario per il pensiero positivo
Donna che scrive sul diario – Fonte: Adobe Stock

Imparare a pensare in positivo è una delle scelte più sagge che si possano fare. Per iniziare, però, occorrono tutta una serie di micro esercizi che, giorno dopo giorno, allenano la mente ad eliminare i pensieri negativi per far spazio a quelli positivi. Un’attività che può essere resa più performante iniziando a scrivere un diario.

L’impegno quotidiano e l’annotare ogni giorno dei pensieri che sappiano riassumere in positivo quanto avvenuto, sono infatti due aspetti importanti per allenare la mente e per fare del pensiero positivo un modo di essere. Scopriamo quindi come dar vita ad un diario del pensiero positivo e perché farlo può aiutare davvero questo particolare percorso.

Pensiero positivo: come tenere un diario

diario per il pensiero positivo
Donna che scrive grazie sul diario – Fonte: Adobe Stock

La prima cosa da considerare è che per tenere un diario non occorrono grandi regole. Basta procurarsi un diario o anche un semplice quaderno, munirsi di penna o matita ed iniziare a scrivere.

Questa pratica è ormai così diffusa che sul web è possibile acquistare dei diari della gratitudine o del pensiero positivo da portare sempre con se. Scelta più che valida che può essere però sostituita da un diario realizzato in casa e personalizzato secondo il proprio gusto. Ciò che conta, alla fine, sono la voglia di fare e la capacità di estrapolare dei pensieri positivi da annotare al suo interno.

Per iniziare, quindi, si può scegliere di dedicare una decina di minuti al proprio diario scegliendo un momento tranquillo come quello della sera. In questo modo si potrà fare un sunto della giornata, annotandone i momenti più belli o i pensieri positivi che si hanno a riguardo.

Concentrare la mente ed allenarla a vedere le cose da una prospettiva positiva è sicuramente un buon modo per avvicinarsi a questo nuovo modo di pensare. Al contempo rappresenta anche un esercizio in grado di allenare la mente a vedere le cose in modo diverso e a trovare aspetti positivi anche laddove non si sarebbe mai pensato di poterne trovare. In questo modo, il diario rappresenta un testimone silenzioso che con il tempo saprà mostrare gli eventuali progressi fatti e quelli che ancora sono da raggiungere.

Diario: perché è utile tenerlo

Scrivere diario
Donna su divano che scrive sul diario (Fonte: Pixabay)

Molti, quando si trovano davanti a questa particolare fase, finiscono con il chiedersi l’utilità del tenere un diario. In realtà, farlo è una buona scelta sia per chi pratica il pensiero positivo che per chiunque altro. Scrivere ogni giorno ciò che accade ha infatti alcuni aspetti positivi che non vanno sottovalutati e che si possono riassumere in:

  • Miglior capacità di fissare ciò che si pensa
  • Maggior conoscenza di se stessi
  • Capacità di sintesi
  • Sensazione di relax
  • Consapevolezza del percorso intrapreso
  • Analisi logica dei propri pregi e difetti
  • Pianificazione del domani
  • Mente più elastica
  • Capacità di fare pensieri propositivi (per chi usa il diario come esercizio per il pensiero positivo)
  • La paura della pagina bianca

Spesso tante persone preferiscono evitare di tenere un diario per il classico blocco da pagina bianca. La verità è che anche questo è una sorta di pensiero negativo in quanto spinge a sentirsi sotto pressione come se riuscire a scrivere o non farlo affatto possa definire chi si è veramente. È quindi molto importante mettere da parte un simile limite, scegliendo di affrontare la cosa.

Se le prime volte, la pagina bianca mette in soggezione si può azzardare un disegno, una scritta o una frase che si è letta o sentita e che è rimasta impressa. Ovviamente si può anche scegliere di dare un impostazione al proprio diario. Perché per quanto possa sembrare strano, ne esistono di diverse dalle quali prendere spunto. Ciò che conta è non trasformare la cosa in un angolo dello sfogo (per questo si può tenere un secondo diario) e ricordare che ciò che si sta cercando di fare è allenare la mente al pensiero positivo.

Chi è in carenza di idee potrà semplicemente concentrarsi su cosa essere grato nella sua giornata ed iniziare a stilare una lista. E se si pensa di non aver nulla di cui essere particolarmente grati, si può iniziare dalle cose basilari come l’essere vivi, aver cenato, aver sentito al telefono quella persona alla quale si vuole bene, etc…

A volte basta solo aprire gli occhi e guardarsi intorno per rendersi conto di quante cose belle si hanno. Ed è proprio questo il primo passo per iniziare ad applicare il pensiero positivo.

Da leggere