Carlo Cracco: nuova bufera per un conto salatissimo al Cracco Café

0
70

Carlo Cracco è di nuovo sotto accusa: stavolta la colpa è di un salatissimo scontrino battuto nel suo Cracco Café finito sui social.

Carlo Cracco conto
Carlo Cracco (Instagram)

Carlo Cracco è uno degli chef italiani più famosi e apprezzati del mondo. Per questo motivo è ovvio che i suoi standard qualitativi, esattamente come i suoi standard economici non siano esattamente alla portata di tutti.

Attualmente lo Chef gestisce due ristoranti: il recente Carlo e Camilla in Segheria (il cui nome richiama quello del Principe di Galles e della sua attuale consorte) ubicato nei pressi dei Navigli, e lo storico Ristorante Cracco, che si trova nel cuore di Milano, all’interno della Galleria Vittorio Emanuele. 

Il ristorante si estende per oltre 1000 metri quadri e su cinque piani. Al piano terra di quello che è un vero e proprio tempio della gastronomia italiana Cracco ha avviato il suo Cracco Café, il bistrot che è rimasto aperto anche nell’arco dell’intero mese di Agosto per deliziare il palato dei turisti.

Proprio il Cracco Café ha attirato le ire di un’utente di Twitter che dopo essersi seduta a un tavolo con altre due persone e aver ordinato soltanto da bere, si è ritrovata con uno scontrino da capogiro che è stato fotografato e condiviso via social, scatenando l’indignazione di molti.

Il conto di Carlo Cracco sotto accusa: troppi soldi per una spremuta

Carlo Cracco
Carlo Cracco (Instagram)

Il Cracco Café non è di certo un bar: si tratta di un piccolo ristorante elegante e intimo che serve vere e proprie prelibatezze. Al Cracco Café si possono gustare piatti tradizionali della cucina milanese, come il classico Risotto allo Zafferano con midollo alla piastra, e della cucina italiana, come la famigerata pizza margherita da 16 Euro, ma si può anche semplicemente fare colazione con un latte bianco da 5 Euro o un caffè espresso da 3.50 Euro.

Considerando il livello dei prezzi di listino, non ci si siede al Cracco Cafè a cuor leggero, come deve aver fatto la donna che ha pubblicato con enorme sdegno uno scontrino da 41 Euro, battuto per tre spremute d’arancia e dell’acqua minerale.

La foto dello scontrino (con relative emoji) ha fatto rapidamente il giro della rete e ha riunito gli haters di Cracco che si erano già sfregati le mani qualche giorno fa, quando lo Chef aveva tentato una discutibile operazione per sensibilizzare i clienti verso il problema dello spreco alimentare riducendo ulteriormente le già piccole porzioni dei suoi piatti. Naturalmente le proteste e l’ironia via social sono fioccate, con un clamoroso autogol per l’immagine pubblica dello Chef.

Anche quest’ultima “denuncia” per lo scontrino troppo alto potrebbe essere un problema ma, c’è da chiedersi se stavolta si può davvero dare la colpa allo Chef e al suo personale di sala.

menu cracco

I menu di Cracco in Galleria riportano tutti i prezzi con grande precisione e trasparenza. A certi livelli non si può incappare in una clamorosa denuncia per prezzi “ballerini” com’è capitato recentemente a Federico Fashion Style.