Si fa asportare naso e orecchie: il ragazzo che voleva essere un alieno

0
83

È di origini francesi ma ha un nome inglese e un cognome italiano il ragazzo che oggi sembra un alieno: tutti gli interventi a cui si è sottoposto.

Il sogno più profondo di Anthony Loffredo era quello di trasformarsi in un alieno spaventoso, dalla pelle completamente nera.

Per farlo il ragazzo si è sottoposto nel corso degli anni a una serie di interventi di chirurgia estetica che lo hanno condotto ad alterare in maniera sempre più impressionante il suo fisico ma soprattutto il suo volto.

Le motivazioni profonde alla base di questa decisione non si conoscono: il ragazzo ha solo dichiarato che otto anni fa, quando aveva soltanto 24 anni, si era reso conto che non stava vivendo la vita che voleva e che, per farlo, avrebbe dovuto lasciarsi tutto alle spalle.

Dopo essere partito per l’Australia ed essersi poi trasferito in Spagna, Anthony ha preso la decisione di avviare quel processo di trasformazione che il ragazzo ha chiamato The Black Alien Project.

Coloro che progettano dei cambiamenti così profondi della loro presenza estetica, infatti, non possono limitarsi soltanto a progettare uno o due interventi: devono avere ben chiaro tutto il percorso chirurgico che li porterà a raggiungere il risultato che si sono preposti.

Si tratta della stessa consapevolezza che ha portato il Ken Umano a operarsi un numero enorme di volte nel corso del tempo per ottenere i risultati attuali, anche se estremamente diversi rispetto a quelli di Anthony Loffredo.

Tutti gli interventi necessari a diventare un ragazzo – alieno

Anthony Loffredo
Anthony Loffredo (Instagram)

Non si conosce precisamente l’ordine in cui gli interventi sono stati eseguiti. Quel che è certo però è che Anthony Loffredo ha il viso e il corpo quasi completamente ricoperti di inchiostro nero.

Si tratta di un’operazione effettuata in varie fasi, dal momento che sul viso e sul collo è facile rendersi conto sotto la copertura nera si intravedono scritte e disegni preesistenti. 

Anche la sclera degli occhi (cioè la parte bianca del bulbo oculare) è stata tatuata in maniera da diventare completamente nera. Si tratta di un intervento estremamente doloroso ed invasivo, che tra i vari rischi comporta anche quello di perdere la vista parzialmente o totalmente.

Agli angoli interni degli occhi, così come ai lati della bocca (due per lato), sul naso e al centro della fronte, sono stati applicati piercing di vario tipo, che spesso Anthony cambia preferendo a volte indossare gli spike (cioè le punte) e altre volte le più innocue palline metalliche.

Lungo il profilo della testa e lungo gli zigomi sono stati effettuati degli impianti sottocutanei per alterare la forma delle ossa e formare delle “creste”.

Per quanto riguarda la lingua, è stata tagliata in senso verticale, per renderla il più simile possibile a quella dei serpenti.

L’ultimo passaggio verso la trasformazione totale però è stato quello sicuramente più invasivo e potenzialmente pericoloso. Anthony Loffredo ha infatti deciso di farsi asportare la cartilagine delle orecchie (cioè l’interezza dei padiglioni auricolari) e la cartilagine del naso (cioè quella che costituisce la parte molle e mobile della punta).

Anthony Loffredo
Anthony Loffredo (Instagram)

In un recente post social Anthony ha anche ringraziato il medico chirurgo che gli ha permesso di portarsi più avanti nel corso della sua trasformazione asportandogli il naso e le orecchie: “Ora posso camminare a testa alta grazie a te, sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto insieme” ha scritto riferendosi al proprio medico.