Mandano il figlio a scuola sapendo che era positivo al Coronavirus

0
57

Iniziano ad arrivare notizie che confermano che quello che tutti noi temevamo sta accadendo realmente.

Coronavirus, ritorno a scuola in sicurezza, le indicazioni degli esperti
Adobe Stock

Il problema della negligenza di alcuni genitori è sempre sempre un motivo di disappunto dall’inizio della scuola. Alcuni genitori mandano i figli a scuola anche se sono rafrreddati o influenzati finendo per far ammalare tutta la classe. Ovvio che se questa negligenza si manifestasse anche ora che circola il coronavirus e che ai genitori viene chiesta estrema vigilanza, la situazione diventerebbe molto grave. Purtroppo i primi casi di genitori che hanno mandato a scuola i figli positivi al coronavirus non tardano a fare notizia.

Ragazzo positivo al Coronavirus va a scuola come se nulla fosse

Coronavirus  scuola
Photo Adobe Stock

L’inizio dell’anno scolastico quest’anno porta con se un bagaglio di stress e preoccupazione. Il coronavirus continua a mietere vittime in diversi paesi e la maggior parte dei genitori teme di mandare i propri figli a scuola.

I motivi di preoccupazione sono molteplici:

  • I bambini saranno protetti a scuola?
  • se i bambini sono asintomantici e contraggono il virus cosa ne sarà della loro famiglia?
  • Si riusciranno a garantire le condizioni igieniche soprattutto in caso di bambini molto piccoli?

Intanto le scuole stanno aprendo le loro porte ai bambini e ragazzi di tutto il mondo nonostante i tanti dubbi.Ad aggravare la situazione la prima notizia a cnferma di ciò che proprio non volevamo sentire: nel Massachusetts alcuni genitori hanno mandato il figlio a scuola il primo giorno sapendo benissimo che era positivo per Covid-19. La notizia è stata riportata dalla NCB News e sta facendo eco in tutto il mondo perchè tocca uno dei tasti più dolenti di questo momento.

La scuola è un luogo di assemblamento di individui che provengono da diverse realtà, il pericolo di contagio a scuola è molto elevato anche a causa dell’asintomaticità mostrat dai bambini. Ai genitori viene richiesto vigilanza al fine di prevenire la trasmissione virale su larga scala, ma non siamo tutti uguali e alcuninon si preoccupano di mettere in pericolo la serenità delle altre famiglie.

Stando alla notizia riportata dalla NBC News, uno studente di una scuola superiore del Massachusetts si è recato a scuola il primo giorno nonostante gli fosse stato confermatoa 3 giorni prima la positività al Covid-19.

Circa 30 persone sarebbero state in contatto con questo studente e per loro si prospetta un’ isolamento di due settimane.

Il sindaco della città si dice sconcertato. Gli Stati Uniti sono tra i paesi più colpiti dalla pandemia, conta 200.000 morti secondo l’ultimo conteggio della Johns Hopkins University. Nei mesi scorsi il paese ha manifestato contro la riapertura della scuola, motivati dalla convinzione che gli istituti non fossero preparati per accogliere gli alunni in questi tempi difficili. A questo si aggiunge il fatto che il 9 settembre questo ragazzo si reca a fare il test per sapere se era stato cntagiato dal Coronavirus, l’11 Settembre riceve la conferma di essere positivo e come se nulla fosse il 14 settembre inizia a frequentare la scuola.

studenti
Photo adobe Stock

Il sindaco ha quindi confermato che i genitori sapevano benissimo che il ragazzo era positivo e hanno comunque optato per un ritorno a scuola. Nessuna quarantena per nessuno dei componenti, eppure quando uno dei componenti della famiglia è positivo potrebbero essere stati contagiati anche gli altri. Nessun isolamento significa che ogni componente avrebbe potuto contagiare colleghi sul posto di lavoro o chiunque al supermercato, una contaminazione a macchia d’olio.

Il preside del liceo Bill Runey ha dichiarato: “Sapevo che prima o poi avremmo avuto casi, ma non mi aspettavo che accadesse il primo giorno”.

La scuola cerca di organizzarsi e fare in modo che venga garantita la sicurezza dei ragazzi, ma se le famiglie non collaborano non andiamo da nessuna parte.

coronavirus protocollo sicurezza scuolaLe scuole sono uno dei luoghi più rischiosi per contrarre il virus. Non possiamo abbassare la guardia. Ecco cosa prevede il protocollo se uno studente risulta positivo al coronavirus in Italia.