Convivenza: come iniziarla e gestirla al meglio

0
87

Andare a vivere insieme è un passo molto importante che può portare dei cambiamenti all’interno della coppia. Scopri come gestire al meglio questa nuova fase della tua vita e a cosa prestare attenzione per viverla al meglio.

convivenza
coppia che sogna la vita insieme – Fonte: Adobe Stock

Quando ci si ama e si sta insieme da un po’, prima o poi ci si può trovare a parlare di andare a vivere insieme. A volte si può scegliere di farlo per vivere la relazione di coppia in modo più completo e altre volte per testare il rapporto prima di arrivare al matrimonio. In ogni caso, è sempre bene tenersi informati sui vari aspetti della convivenza.

In questo modo non ci si lascerà cogliere impreparati e si potrà sperare di consolidare il rapporto evitando che i cambiamenti e le pressioni dall’esterno compromettano la vita a due. Scopriamo quindi come gestire una convivenza e quali passi compiere (o non compiere) per renderla speciale.

Convivenza: come organizzarsi

Coppia davanti al pc
Coppia davanti al pc – Fonte: Adobe Stock

Decidere di andare a vivere insieme è un passo importante che va preso con la dovuta serietà. Si tratta infatti di conoscersi a tutto tondo, condividere anche gli spazi più personali ed iniziare a gestire aspetti della vita fino ad ora portati avanti in totale autonomia.

Dal come arredare la casa a come gestire le spese, le decisioni da prendere sono davvero tante e spesso possono mettere in crisi la coppia che non le aveva considerate.
Per fortuna, basta trovare una linea da seguire per superare ogni piccolo ostacolo, rendendo la vita insieme qualcosa di unico e speciale.

Per riuscirci, è bene parlare per bene prima di iniziare questa nuova avventura. Bisogna capire cosa ci si aspetta e quali saranno invece le cose a cui andare incontro.
Dai documenti per il cambio residenza alla scelta di chi laverà i piatti, è bene tenere a mente che entrambi si dovrà partecipare attivamente alla gestione della casa e della vita insieme.

La vita a due, quindi, non sarà più solo incontrarsi per un’uscita romantica ma anche organizzare i bilanci, gestire le bollette e portare la relazione di coppia ad un livello successivo. Per non andare incontro a brutte sorprese e fare tutto al meglio è quindi molto utile muoversi a piccoli passi, seguendo alcune piccole regole.

Fare una prova di convivenza

coppia cucina
Coppia in cucina – Fonte: Istock photo

Se non si è convinti al 100% della decisione presa o, più semplicemente, si vogliono evitare problemi, può essere utile fare una prova di un paio di settimane (o anche meno).

Dopotutto non si conosce mai veramente una persona se non vivendo al suo fianco. E solo così sarà possibile scoprire difetti o modi di fare inconciliabili, cercando di capire per tempo (e senza la pressione data dal dubbio di aver preso una decisione affrettata), se è possibile rimediare.

Ovviamente, però, non si parla di una normale vacanza protratta nel tempo. La prova di convivenza dovrà essere il più fedele all’originale, prevedendo un’organizzazione degli spazi e dei tempi, una suddivisione dei ruoli come il cucinare o il pulire casa, etc…
Solo così, alla fine della prova, si potrà essere certi di aver già sperimentato in piccolo ciò a cui si andrà incontro.

Iniziare a progettare il luogo in cui vivere

convivenza
coppia felice che trasloca – Fonte: Adobe Stock

Una delle cose più difficili della convivenza è la divisione degli spazi. Può capitare infatti che si abbiano idee diverse sull’arredamento, sugli angoli personali e su quelli da condividere. Parlarne insieme aiuterà a farsi un’idea ben precisa, discutendo per tempo di ogni particolare e arrivando così a scegliere l’abitazione che più si adatta alle esigenze di entrambi.

Abitazione che dovrà rispecchiare il gusto della coppia e non di uno solo dei due. Motivo per cui è importante essere pronti a scendere a compromessi, ad ascoltarsi, a venirsi incontro e a trovare una formula nuova che comprenda i pensieri e i desideri di entrambi.

Dopotutto andare a vivere insieme è proprio questo, no? Dar vita ad una realtà nuova dove a contare e a prendere le decisioni si è in due.

Organizzarsi sul come gestire le spese

bollette
Coppia che fa calcoi – Fonte: Istock photo

Altra nota dolente della vita a due è la questione bollette. Una casa implica l’affitto o un mutuo, il costo delle bollette, la spessa settimanale e tante altre piccole uscite che si dovranno gestire insieme.

Il come è relativo e varia da coppia a coppia. Ci sono quelle che mettono tutti i soldi in un fondo comune e che con quello gestiscono le spese. E ci sono quelle che lasciano le entrate separate, scegliendo di dividersi i costi in base alle entrate di ognuno

Ciò che conta è trovare un punto che convinca entrambi e ricordarsi sempre che le spese, a prescindere di chi paga cosa, sono qualcosa che va sempre condiviso poiché riguarda entrambi.

Solo così si potrà contare su un rapporto sereno e dove una spesa in più non diventi motivo di liti. Perché se quando si vive ognuno per conto suo le finanze e le spese folli strappano un sorriso, tutto cambia quando si tratta di far quadrare il bilancio.

Suddividere il tempo insieme

convivenza come gestirla
Coppia che si rilassa sul divano – Fonte: Adobe Stock

Se prima ci si vedeva ogni tot vivendo il resto della giornata per conto proprio, vivere insieme vuol dire svegliarsi e addormentarsi nello stesso posto. Parlare prima della gestione del proprio tempo personale e di quello di coppia è un buon modo per capire subito se si è d’accordo su tutto.

È importante esprimere subito la possibilità di uscire con gli amici la sera o di invitare un’amica o una sorella a casa per qualche giorno. Dopotutto convivere significa vivere insieme un dato spazio e una data situazione e queste cose andrebbero sempre condivise con le parti in causa.

Inoltre va tenuto conto lo spazio personale, ovvero quello nel quale rifugiarsi quando si desidera leggere un libro, rilassarsi davanti alla tv o lasciarsi semplicemente andare al dolce fa niente. Imparare a gestire questi momenti aiuta ad evitare momenti di noia che, alla lunga, potrebbero togliere smalto alla coppia.

Vivere il mondo esterno

convivenza come gestirla
Suocera invadente – Fonte: Adobe Stock

Spesso, andare a vivere insieme può influire anche sul rapporto che si ha con il mondo esterno. Genitori ed amici potrebbero infatti accettare o non condividere la decisione presa.

Alcuni potrebbero essere invadenti ed altri continuare a trattare la coppia come due singoli e non come due persone che stanno insieme. Mettere i puntini sulle i è un buon modo per evitare futuri problemi riguardanti auto inviti improvvisi da parte di terzi o inviti a cene di famiglia diversi da come ci si aspetterebbe.

Inoltre può essere utile chiarirsi nel privato al fine di trovare un modo comune per gestire familiari ed amici. In questo modo si eviterà di trovarsi al centro di guerriglie o di situazioni di difficile gestione.

Avere rispetto per le cose dell’altro

coppie domanda compatibilità
Mani che tengono i pezzi di un puzzle – Photo AdobeStock

Stare insieme significa accettare e accogliere il mondo di un’altra persona. E se si parla di convivenza è importante far si che questo valga anche per gli oggetti o le abitudini dell’altro. Se qualcosa da estremamente fastidio è giusto farlo presente ma è anche importante accettare qualcosa.

È quindi altamente sconsigliato l’eliminare oggetti del partner solo perché non piacciono o si ritengono infantili o poco adatti all’arredo. Prima di agire è sempre il caso di pensare a come ci si sentirebbe nel subire una data azione. Solo così sarà possibile trovare un punto d’incontro.

Il compromesso, dopotutto, è qualcosa che non potrà mai mancare insieme alla voglia di crescere insieme e di far star sempre bene l’altra persona.

Mantenere aperto il dialogo

coppia che si guarda negli occhi
Coppia che si guarda negli occhi – Photo Adobe Stock

Sia prima che dopo aver deciso di andare a vivere insieme è indispensabile mantenere vivo il dialogo di coppia. Questo è infatti indispensabile per andare d’accordo e per rimediare subito ad eventuali scontenti che alla lunga possono mettere in crisi il rapporto a due.

Che si tratti di raccontarsi cosa si è fatto durante il giorno o di condividere sogni e progetti per il futuro, ciò che conta davvero è non smettere mai di confrontarsi.
Parlare di tutto, avere un dialogo costruttivo all’interno della coppia ed essere sempre sinceri l’uno con l’altra è infatti il vero collante di una coppia.

Quello che sostiene nei momenti difficili e che sta anche alla base della complicità. La stessa che con la convivenza potrà farsi ancora più forte.

convivenza
Coppia che fa colazione insieme – Fonte: Adobe Stock

Se convivere può sembrare un’esperienza difficile o comunque ricca di punti da tenere sotto controllo è anche vero che si tratta di qualcosa di unico che consente alla coppia di crescere insieme e di conoscersi a tutto tondo.

Un modo diverso di viversi e di condividere le proprie cose. Una scelta che se presa e gestita nel modo giusto regalerà tanti momenti preziosi da vivere ed in grado di rendere la storia d’amore ancor più speciale.

Scritto da Danila Franzone