Chiara Ferragni assente dalla Milano Fashion Week: cosa farà?

0
68

Chiara Ferragni ha dichiarato che non sarà presente alla Milano Fashion Week: i motivi sono assolutamente seri: li ha spiegati lei stessa.

Chiara Ferragni fashion week
Chiara Ferragni (Instagram)

Negli ultimi dieci anni Chiara Ferragni è stata una presenza fissa alla Milano Fashion Week. Mano a mano che la sua popolarità cresceva, la Ferragni si è trasformata in una testimonial di prima grandezza per tutti i marchi di moda che intendevano farsi notare alla Fashion Week milanese.

Oggi siamo arrivati al punto che Chiara può concedersi un lusso enorme senza per questo smettere di onorare la moda e tutti i brand che hanno collaborato con lei nel corso degli anni: essere assente dalla Milano Fashion Week 2020.

Perché Chiara Ferragni salta la Fashion Week 2020?

Chiara Ferragni Fendi
Chiara Ferragni (Instagram)

Nel giro di un solo giorno Chiara Ferragni è comparsa su due prestigiosissime copertine: una è quella di Vanity Fair, l’altra è quella di L’Economia, il periodico del Corriere della Sera.

Nell’intervista dedicata all’imprenditrice Vanity Fair ha scritto: “Madre, Figlio e Spirito Social”, con un particolare riferimento a Leone e al fatto che Chiara sia in grado di cogliere le opportunità offerte dai social network prima e meglio di chiunque altro in Italia.

Proprio in virtù della sua enorme abilità nello sfruttare il mezzo digitale, Chiara ha deciso di poter rinunciare alla Fashion Week di Milano per proteggere se stessa e la sua famiglia.

“Per la prima volta in 10 anni non sarò presente alla fashion week al fine di evitare i luoghi affollati” ha spiegato Chiara in una delle sue stories, facendo chiaramente riferimento al pericolo di contagi da Coronavirus, che sta pericolosamente aumentando nelle ultime settimane. “Per me però, in qualità di imprenditrice e di appassionata di moda, è super importante continuare a supportare il sistema moda che è uno dei principali motori dell’industria italiana”.

Subito dopo Chiara ha spiegato che nei giorni della Milano Fashion Week, cioè dal 23 Settembre in avanti sceglierà dal proprio vastissimo guardaroba una serie di look che renderanno omaggio ai principali marchi di moda italiana.

Si tratta di un’operazione completamente gratuita ha voluto specificare Chiara, che quindi non verrà assolutamente pagata per la pubblicità che farà attraverso il suo profilo Instagram e quello direttamente collegato alle sue aziende.

Il primo brand celebrato dalla Ferragni attraverso il suo profilo è stato quello di Fendi, al quale Chiara è legata da una lunghissima collaborazione. La foto? Niente di particolarmente compassato, ma di sicuro effetto: Chiara ha posato con uno dei suoi celebri piatti “mangiati ma non toccati”, come nel caso delle famosissime pizze a cui non manca mai nemmeno una fetta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni) in data:

Proprio per la capacità di adoperare la propria popolarità a sostegno dell’economia italiana e anche della cultura del nostro Paese, durante lo scorso Festival di Venezia Chiara è stata insignita del più prestigioso premio che la Laguna possa concedere: il Leone D’Oro.

La giuria del Festival ha infatti voluto premiare Chiara per l’impegno con il quale, durante la scorsa estate, ha deciso di sostenere i luoghi dell’arte italiana, aiutando i propri follower ad avvicinarsi ai grandi musei (come quello degli Uffizi, all’interno del quale Chiara si è fatta fotografare aumentando le vendite dei biglietti in maniera esponenziale) e alle perle nascoste e meno conosciute delle grandi città turistiche italiane come, appunto, Venezia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni) in data:

Che l’Italia della Moda sia pronta a sfornare un premio anche per l’impegno di Chiara a sostegno dell’industria del fashion italiano? Di certo sarebbe meritato.

Ultimamente quello della sicurezza non è l’unico lusso che Chiara ha sentito di potersi concedere: per la prima volta ha anche deciso di prendere una posizione politica netta in merito alla vicenda di Willy, pubblicando uno stato contro il fascismo.