Alimenti sani: i migliori amici della pancia

0
102

Quando ti imbatti in cattive abitudini non devi far altro che scegliere dei cibi più salutari per sentirti in forma e rimetterti in sesto. Scopriamo oggi le sane abitudini e tutti gli alimenti sani: i migliori amici della pancia.

Alimenti sani: i migliori amici della pancia
Alimenti sani: i migliori amici della pancia (Adobestock photo)

I cibi raffinati e l’eccesso di zuccheri mettono a dura prova il tuo intestino. Talvolta, gonfiori e altri disturbi, sono la conseguenza di ciò che mangi. Migliorare questo stato è possibile, basta partire da buone e sane abitudini a tavola.

Prenditi cura della tua pancia partendo dal cibo

detox intestino
Foto da iStock

Il nostro intestino non è che è un vero e proprio mondo abitato da innumerevoli batteri differenti tra loro che portano avanti il compito di proteggerci. Stiamo parlando di tutti microrganismi che vanno a comporre la flora batterica intestinale. Questi, creano delle pareti dell’intestino dando vita ad una barriera che impedisce l’entrata di batteri cattivi, queste pareti, ci proteggono da sostanze dannose e regolano l’assorbimento di ciò che assumiamo quotidianamente.

Ma non finisce qui, i microrganismi si occupano anche di stimolare la produzione dei tuoi anticorpi. Questi batteri benefici facenti parte della flora intestinale cosa fanno? Sintetizzano tutte le sostanze estremamente utili per la nostra salute tra cui gli aminoacidi, la vitamina B 12, l’acido folico e la vitamina K.

I microrganismi riescono a decomporre le fibre vegetali dando origine così a degli ormoni che riescono ad agire preventivamente nei confronti dei tumori. Accade però, con facilità, che la tua flora batterica diventi debole a causa dell’abuso di cibi industriali, conservati, provocando così un incremento dell’esposizione a diverse patologie, allergie, micosi intestinali.

Aiuta la flora batterica!

Pancia
pixabay

Per aiutare la tua flora batterica e far fronte a il buon funzionamento dell’intero meccanismo interno, è necessario un intervento immediato e focalizzato sull’assunzione di determinati nutrienti. La composizione della flora batterica va necessariamente protetta mediante la dieta. Per sopperire a stress, antibiotici, vita e dieta squilibrate abbiamo bisogno degli amici alimenti.

Forse sai già quanto i probiotici siano dei veri alleati per il nostro organismo ma ci sono alimenti che, avendo subito una fermentazione lattica, sono altrettanto utili per salvare la salute della flora batterica. Tra questi cibi troviamo appunto gli alimenti cosiddetti fermentati: lo yogurt, i crauti, il kefir e molti altri. Vediamo quali sono gli alimenti fermentati.

Alimenti sani: cibi fermentati

Cibi fermentati per magrezza e buonumore
Cibi fermentati per magrezza e buonumore (Adobestock photo)
  • Lo yogurt si aggiudica il primato, ottimo per la colazione, si presta anche per la preparazione di salse prelibate da accompagnare all’insalata, verdure cotte o secondi piatti di carne o pesce. È sempre meglio preferirlo biologico, naturale oppure alla frutta purché non abbia un contenuto di zuccheri aggiunti o aromi artificiali. Un consiglio è quello di scegliere sempre delle confezioni di yogurt che abbiano anche delle date di scadenza molto molto lunghe poiché sta ad indicare un prodotto più fresco e ricco di lactobacilli.
  • C’è anche il kombucha, la bevanda dolce e frizzantina che si prepara a partire da tè e infusi a cui viene aggiunta una colatura di batteri e lieviti. Questa bevanda contiene anche tanti sali minerali e vitamina C, rinfresca la mente e disintossica il fegato. Possiede potassio e magnesio che sono essenziali per la concentrazione, la memoria, il buon umore. Le bollicine che la contraddistinguono rendono questa bevanda appunto effervescente. Esse vengono prodotte dai batteri durante la seconda fase della fermentazione in bottiglia, queste ne fanno un perfetto sostituto della soda.

E ancora…

  • Poi c’è il kefir, questo alimento riesce a svegliare il nostro intestino e se consumato tutti i giorni conferisce grande regolarità intestinale. Si tratta di una sorta di yogurt di origine caucasica, è molto digeribile e povero di lattosio, viene prodotto con vari microrganismi alcuni dei quali probiotici. Questo prodotto si trova già pronto nel banco frigo del supermercato ma è possibile acquistare anche bustine di fermenti e prepararlo in casa. Traversare i fermenti nel latte a temperatura ambiente in un barattolo di vetro e lasciar riposare per un giorno intero fuori dal frigorifero.
  • Ci sono i crauti, un buon un tocco antinfiammatorio per un’insalata. Si ottengono dalla fermentazione lattica del cavolo cappuccio e sono una buona fonte di batteri lattici, ma anche di fibre vitamina B e C e di minerali come calcio, magnesio, ferro, fosforo. Sempre un bene averne un barattolo nel frigorifero per impreziosire insalate o contorni.
  • Abbiamo poi il miso, molto saporito ed è sicuramente un’alternativa fermentata al classico dado da cucina, il miso è una pasta, originaria del Giappone. Si ottiene dalla fermentazione di fagioli di soia, orzo, riso, o altri cereali insieme ad un fungo chiamato koji. Si usa a freddo proprio per insaporire, è possibile aggiungerlo a brodi, minestre, creme, puree, è molto molto ricco di sodio quindi bisognerà utilizzarlo con parsimonia.

Poi abbiamo kefir, shoyu e tamari

  • Il kefir, È una bevanda molto gradevole, fatta di latte fermentato di origine caucasica E possiede un tocco leggermente alcolico che si ottiene appunto dalla fermentazione dell’atte mediante un batterio lieviti. Viene venduto già pronto all’uso, è disponibile nei supermercati più forniti in quelli biologici, il gusto è molto delicato ed è adatto come bevanda al mattino, per comporre delle minestre rinfrescanti oppure nella porridge del mattino.
  • Poi ci sono sicuramente lo shoyu, il tamari, anche questi sono dei condimenti che aggiungono quel tocco in più, facenti parte della tradizione orientale che vengono ricavati dalla soia oppure da altri ingredienti vegetali fermentati e sono degli fantastici insapori tori per le minestre per le insalate per le verdure cotte ma anche per carni e pesci. Ovviamente bisogna usarli con moderazione perché contengono una forte dose di sale.

Tutti consigli per proteggere la tua pancia

pancia piatta
Photo Adobe Stock
  • Sicuramente una buona norma è quella di consumare a cadenza regolare dei prodotti fermentati poiché bastano soltanto 200 g di yogurt o di kefir al giorno per aggiudicarti tanta salute e protezione per la tua flora intestinale. Se sei intollerante al lattosio puoi sostituire il tradizionale yogurt con quello di soia oppure puoi dedicarti alla preparazione di una pietanza che preveda i crauti.
  • Almeno una volta al giorno includi nel tuo regime alimentare porzioni di cereali integrali e almeno due porzioni di verdure. Se soffri di gonfiori costanti e di colite è bene inserire questi ingredienti prima di tutto sotto presidio medico e, soprattutto, gradualmente, infine ricordati di consumare la frutta lontano dai pasti.
Alimenti sani: i migliori amici della pancia
Alimenti sani: i migliori amici della pancia (Pexels photo)
  • Non eccedere con condimenti, intingoli, grassi e tutti gli alimenti precotti, per di più i cibi conservati
  • Non consumare quantità eccessive di carne
  • Riduci, se puoi drasticamente, lo zucchero, una delle tante cause di fastidiosi gonfiore e tensione addominale.