Home Bellezza Capelli Dermatite seborroica: perché la forfora non va via e cosa fare a...

Dermatite seborroica: perché la forfora non va via e cosa fare a riguardo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:26
CONDIVIDI

Pensavi di avere la forfora ma è forse è ora di ricrederti.
La dermatite seborroica è una condizione poco conosciuta che provoca molti problemi. Scopriamoli insieme!

dermatite seborroica
fastidioso prurito al cuoio capelluto? (fonte: Pexels)

Se pensi di avere la forfora e non riesci in nessuna maniera a liberartene forse abbiamo una notizia per te: non hai la forfora!

Certo, fare una diagnosi alla lontana è un po’ difficile ma, spesso, ci capita di confondere i sintomi di una forfora con quelli di una condizione più grave.

Non ti preoccupare però; scopriamo insieme che cos’è e come si cura la desquamazione della pelle!

Dermatite seborroica: ecco perché pensi di avere la forfora!

dermatite seborroica
ecco come ritrovare l’equilibrio dei proprio capelli (fonte: Pexels)

Per chi ha davvero la forfora, internet è pieno di rimedi veramente miracolosi.
C’è chi la cura con il bicarbonato di sodio o con tutta una serie di rimedi naturali o chi si prepara da solo lo shampoo perfetto per eliminarla.
Insomma, si può individuare facilmente che cos’è, perché viene e come si affronta.

A volte, però, nonostante l’utilizzo di tutti questi consigli veramente utilissimi la forfora rimane sui vostri capelli.
Ad ogni lavaggio vi sembra che sia sparita e invece riappare, proprio nei momenti peggiori.
Avete mai pensato che forse… non avete la forfora?

La dermatite seborroica (anche chiamata desquamazione del cuoio capelluto), infatti, è una condizione che si avvicina molto alla forfora tanto che spesso non riusciamo a distinguerle.

Responsabile, a volte, della caduta dei capelli può amplificare altre patologie, come ad esempio quella della tricotillomania.

Infatti la dermatite seborroica si presenta come una condizione infiammatoria del cuoio capelluto e di tutte quelle parti della pelle dove si localizzano le ghiandole sebacee.
Spesso si rivela grazie ad un prurito continuo ed insistente: una volta che cerchiamo sollievo grattandoci, ecco spuntare le fastidiose scagliette bianche.

Attenzione però! Quelle scagliette non sono forfora, bensì vere e proprie “croste“.
Cercare di curarle seguendo i rimedi per la forfora non è d’aiuto: la dermatite seborroica tende a tornare ciclicamente e, quindi, anche quando ci sembra migliorata potrebbe semplicemente essere in un periodo di remissione.

Trattare e curare la desquamazione dei capelli: ecco come

dermatite seborroica
forfora o… dermatite seborroica? (fonte: Pexels)

La desquamazione avviene a causa di alcuni fattori: funghi del cuoio capelluto, sbalzi ormonali e carenza di vitamine sono alcuni degli elementi di cui dobbiamo tenere maggiormente conto.

Importante è anche cercare di capire cosa ci sta comunicando il nostro corpo: se ci sono degli squilibri nella produzione del sebo è probabile che il nostro organismo sia sotto stress. Dobbiamo intervenire!

Per curare la dermatite seborroica ci sono, infatti, alcuni accorgimenti necessari.
Il primo fra tutti è quello di smettere di aggredire i capelli ed il cuoio capelluto con i prodotti anti-forfora!
Individuare il problema giusto (e trattarlo di conseguenza) è fondamentale. Se non siete sicuri di quale sia la vostra patologia potete sempre chiedere consiglio ad un dottore oppure ad un esperto.
Le cure apposite per la forfora tendono a seccare il cuoio capelluto con conseguente aumento della produzione di sebo da parte del nostro organismo: la cosa peggiore per chi soffre di dermatite!

Per tenere a bada la dermatite seborroica sarà fondamentale cambiare alcune delle vostre abitudini:

  1. Alimentazione: come per l’iperidrosi facciale, è importante fare caso a cosa assumiamo tramite l’alimentazione. Qui c’è una lista di cibi  da evitare per non esacerbare le cause di produzione eccessiva di sebo e sudore. Iniziare dalla tavola è fondamentale per avere un organismo sano!
  2. Saponi naturali: scegliere saponi che non abbiano componenti chimiche è basilare. Imparate a leggere il codice INCI e poi sbizzarritevi con i nuovi prodotti naturali disponibili sul mercato! Estremamente importante è anche scoprire la giusta applicazione di shampoo e balsamo; quasi nessuno sa usarli nella maniera corretta e, senza rendercene conto, finiamo per peggiorare la situazione!
  3. Attività all’aria aperta: il sole aiuta non poco i casi di dermatite seborroica. Non dovete per forza sforzarvi di fare sport se non volete! Potete scegliere di passare del tempo all’aria aperta praticando delle tecniche di rilassamento o semplicemente facendo una passeggiata.
  4. Oli essenziali: fondamentali per una buona salute del corpo, sono utilissimi anche per combattere la dermatite.
    Potete provare una maschera fai-da-te e sperimentare da subito i benefici di questi preziosi elisir!
saponi aggressivi
siete vittime di saponi aggressivi? ribellatevi! (fonte: Pexels)

Insomma, per liberarvi di quei fastidiosi pruriti e di quelle orrende scaglie bianche forse una soluzione c’è: smettere di credere di avere la forfora e curare la patologia giusta!