Home Ricette Come conservare l’aglio a lungo: consigli e ricette facili

Come conservare l’aglio a lungo: consigli e ricette facili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:55
CONDIVIDI

L’aglio si può conservare a lungo in diversi modi, così da poterlo utilizzare all’occorrenza. Scopriamo i metodi di conservazione da fare a casa.

Aglio
Aglio Fonte: Pixabay

L’aglio è un ortaggio molto utilizzato in cucina per condire diversi piatti dagli antipasti ai fino ai secondi sia di carne che di pesce. Non solo l’aglio è utilizzato a scopo terapeutico dalle medicine tradizionali e popolari perchè aiuta a contrastare il raffreddore, l’influenza e non solo. Appartiene alla famiglia delle liliacee che cresce sotto terra, la“testa d’aglio” è un insieme di spicchi, ognuno di esso si può ripiantare per generare nuove piante.

L‘aglio è un ingrediente spesso utilizzato in cucina per insaporire diversi piatti, anche se il suo sapore è molto forte, se lo si mangia crudo si rischia di avere un alito sgradevole, per cui è spesso temuto. Molti mettono lo spicchio intero nella preparazione dei piatti e poi lo tolgono a metà cottura, la quantità di aglio da inserire in ogni ricetta è moderata, occorrono pochi specchi per insaporire i vostri piatti.

Ma come si può conservare l’aglio dopo l’acquisto senza incorrere al rischio che possa germogliare? Noi di CheDonna.it vi diamo tutti consigli a riguardo.

Aglio: dall’acquisto alla conservazione

aglio
Aglio: come conservarlo Fonte: iStock Photo

L’aglio, come le patate e le cipolle possono germogliare, se non viene conservato in modo corretto, soprattutto se le temperature sono alte e c’è molta umidità. Come per le patate e le cipolle, l’ideale per conservare l’aglio è la cantina, ma è pur vero che non tutti ce l’hanno a disposizione, oppure va bene anche un posto al riparo da luce, calore e umidità. In questo caso è perfetto un mobile in cucina, lontano dalla luce e fonte di calore.

C’è da precisare che non è importante solo la conservazione, ma anche l’acquisto deve essere fatto con attenzione, ecco come:

  • scegliete dei bulbi che appaiano molto sodi al tatto
  • la buccia non deve essere secca
  • assenza di germogli

Se tenete conto di ciò l’aglio si conserverà per un tempo più lungo, per chi ha la fortuna di avere un orto in casa, dopo aver raccolto le teste d’aglio, le potete intrecciare tra loro e le lasciate seccare per circa una settimana in un posto al buio e senza umidità.

La temperatura ottimale per la conservazione dell’aglio è intorno ai 10°C, in inverno potete anche conservarlo fuori al balcone, se avete la possibilità di farlo.
In alternativa le teste di aglio le potete conservare in un sacchetto di carta, che terranno lontano la luce e l’ umidità, però il sacchetto non deve essere sigillato altrimenti incorrete a non far respirare l’aglio e si deteriora facilmente.
In estate, conservate l’aglio in frigorifero, date le temperature alte e il tasso elevato di umidità, che potrebbero favorire l’insorgere di muffe e di proliferazione dei batteri.

Gli spicchi d’aglio senza buccia si possono conservare in un contenitore chiuso in frigorifero, e dovranno essere utilizzateli entro pochi giorni, a differenza di quello intero che si può conservare per un paio di mesi, ma appena aperto, vanno consumato in un paio di settimane. Ci sono altri metodi di conservazione per l’aglio scopriamo quali.

Ricette per conservare a lungo l’aglio

Aglio sott'olio
Aglio sott’olio Fonte:Pixabay

L’aglio si può conservare in diversi modi, in modo se ne avete disponete di un orto quindi ne avete a sufficienza oppure se ne acquistate in maggior quantità, potete conservarlo in diversi modi, vediamo come:

  1. sott’aceto
  2. in salamoia
  3. sott’olio

Esaminiamo in dettaglio ogni conservazione

1- Aglio sott’aceto

Per preparare questa conserva, occorrono i seguenti ingredienti:

  • 3 teste d’aglio
  • 2,5 dl di aceto bianco
  • 2,5 dl di vino bianco
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero di canna
  • 10 grani di pepe
  • 5 chiodi di garofano
  • 3 foglioline di alloro
  • 1 peperoncino

Procedimento

In una pentola mettere acqua fredda, mettete i barattoli in vetro, avvolti in un canovaccio di cotone, i tappi, portate ad ebollizione, poi lasciate sobbollire per una ventina di minuti. In questo modo li sterilizzate, poi fate raffreddare, togliete i barattoli dalla pentola con un forchettone e li mettete a testa in giù su di un canovaccio pulito. Dopo un pò girateli in modo che l’apertura sia verso l’alto, in modo da far evaporare le ultime goccioline d’acqua.

Adesso iniziate a sbucciare l’aglio, in una casseruola mettete l’aceto bianco ed il vino ed aggiungere tutti gli altri ingredienti, fate bollire e poi aggiungete gli spicchi d’aglio e lasciate cuocere per due minuti. Dividete nei barattoli sterilizzati, l’aglio e le spezie, poi ricoprite con la miscela liquida, lasciate solo 1 cm dal bordo, chiudete i barattoli e capovolgeteli, in questo modo create il sottovuoto. Fate raffreddare i barattoli in luogo fresco e al buio, potete utilizzare l’aglio sott’aceto per condire le insalate, o verdure dopo un mese, dopo l’apertura dovete conservare i barattoli in frigo.

2- Aglio in salamoia

Per preparare questa conserva, vi occorrono i seguenti ingredienti:

  • 4 teste d’aglio
  • 360 ml di vino bianco secco
  • 360 ml di aceto bianco
  • 20 grani di pepe misto
  • 2 chiodi di garofano
  • 2 bacche di ginepro
  • 4 foglioline di alloro
  • un cucchiaino di zucchero
  • un cucchiaino di sale

Procedimento

Iniziamo a pulire le teste d’aglio eliminando tutte le pellicine degli spicchi, non utilizzati spicchi di aglio germogliati o che presentano delle macchie.

Prendete un tegame, che deve essere molto capiente, aggiungete il vino, l’aceto, le spezie e infine zucchero e il sale, fate bollire il tutto a fiamma media, aggiungete gli spicchi di aglio e fate bollire per circa un minuto.

Con la schiumarola, togliete gli spicchi e metteteli in un vasetti, aggiungete il composto di aceto, vino e spezie ancora caldo, poi chiudete i barattoli e li capovolgete, in questo modo create il sottovuoto. Non appena si saranno raffreddati, conservateli in un posto fresco e asciutto, lontano dalla luce diretta, per circa 30 giorni.

3- Aglio sott’olio

L’aglio sott’olio è una ricetta delle nostre nonne, era l’unico modo per garantire una conservazione più lunga, ecco come prepararlo con i seguenti ingredienti:
  • 700 g di aglio fresco
  • 500 ml di aceto di aceto di vino bianco
  • 500 ml di acqua
  • 20 foglie di alloro
  • olio extra vergine di oliva q.b.
  • 3 peperoncini secchi piccanti

Procedimento

Per preparare questa conserva, iniziamo a pulite gli spicchi d’aglio, eliminando tutte le pellicine, poi in una pentola mettete l’ acqua, gli spicchi di aglio, l’aceto e fate cuocere per circa 5 minuti, poi scolate gli spicchi e li fate asciugare per bene con un canovaccio si cotone. Disponete gli spicchi d’aglio in 3 vasetti di vetro sterilizzati, poi aggiungete tra uno strato e l’altro qualche foglia di alloro e un pò di peperoncino.

Aglio
Aglio FOnte:Pixabay

Versate nei barattoli l’olio extra vergine di oliva, fino all’orlo dei vasetti, chiudete i barattoli con i rispettivi coperchi, capovolgeteli per 10 minuti, in modo da creare il sottovuoto, dopo 5 giorni li potete consumare.