Magnetoterapia per la periartrite: come usare i dispositivi domiciliari

Per curare la periartrite uno dei metodi più efficaci è la magnetoterapia: un trattamento facile, non invasivo e anche poco costoso

magnetoterapia adobestock

La periartrite si cura anche a casa: merito della magnetoterapia e dei dispositivi domiciliari che ha hanno un doppio vantaggio. Costano relativamente poco e funzionano in maniera efficace

La periartrite è una malattia infiammatoria, tocca soprattutto i tessuti come tendini e borse. Qui agisce la magnetoterapia che ha un potente effetto ionizzante e antiinfiammatorio dei tessuti. In pratica funziona come un analgesico naturale aumentando il flusso del sangue periferico e la velocità del suo scorrimento. Tutto questo serve come antiinfiammatorio sui tessuti per aumentare la mobilità degli arti interessati.

Il principio alla base della magnetoterapia è semplice e funzionale. Le nostre cellule possiedono un loro naturale potenziale elettrico. Ma dopo un trauma, una lesione muscolare, una malattia le cellule possono perdere parte della loro carica elettrica.

La magnetoterapia utilizza una pulsazione del campo magnetico della cellula che quindi è attivato, poi spento e ancora attivato di nuovo in rapida sequenza. Così stimoliamo con una sequenza di campi magnetici che trasmettono energia alla cellula  e in pratica la ricaricano di energia. In più

il rilassamento della muscolatura ottenuto con questo macchinario permette di migliorare la microcircolazione, rilassa le fibre lisce e produce un naturale effetto di vasodilatazione.

Gli effetti della magnetoterapia sui muscoli

Periartrite
adobestock

Sono diversi gli effetti prodotti dalla magnetoterapia nel nostro corpo. Ad esempio l’osteogenesi che stimola l’attività delle cellule che contribuiscono alla rigenerazione del tessuto osseo. Ma ottiene anche un effetto rilassante del tessuto muscolare decomprimendo i tessuti adiacenti. Più in generale un effetto distensivo sulla muscolatura, eliminando le contratture muscolari, rilassando le fibre e decomprimendo le articolazioni su cui agiscono i muscoli interessati.

Normalmente prima di iniziare un trattamento di magnetoterapia in caso di periartrite è necessario consultare il proprio medico oppure uno specialista del settore. In ogni caso i trattamenti non devono essere inferiori ai 50 -60 giorni, con sedute giornaliere di 2-3 ore a meno che non ci siano disposizioni diverse. Eventualmente il trattamento può essere ripetuto più volte durante l’anno in caso di recidiva.

In ogni caso sono cure che hanno dimostrato la loro efficacia. E in più molte aziende che producono questi macchinari usano anche la forma del noleggio. Quindi la spesa è limitata al periodo del trattamento.

Da leggere