Sal Da Vinci: il video dell’aggressione e la risposta del cantante

0
9

Sal Da Vinci è stato costretto a pubblicare un nuovo comunicato dopo la diffusione di un video girato durante l’aggressione in cui è stato coinvolto.

Sal Da Vinci
Sal Da Vinci (Instagram)

Sal Da Vinci sta attraversando un momento molto pesante dal punto di vista mediatico. Tutto è cominciato alcuni giorni fa, quando il cantante è stato coinvolto in un violento litigio scoppiato a bordo di un traghetto impegnato a percorrere la tratta Procida – Napoli.

Il cantante era di ritorno dall’isola del Golfo di Napoli insieme alla sua famiglia e a due colleghe, tra cui Fatima Trotta di Made in Sud. Tutti sono stati coinvolti in una rissa scoppiata a causa di un pacco di dolciumi di proprietà di un altro passeggero.

Il cantante e suo figlio hanno riportato lesioni e sono stati medicati al Pronto Soccorso, ma se gli strascichi fisici della lite sono ampiamente sotto controllo, gli strascichi mediatici continuano a dar fastidio alla famiglia del cantante, che è stato costretto a difendersi di nuovo dopo la pubblicazione via social di un video girato durante la lite e che, in maniera molto confusionaria, riprende lo scontro tra il cantante e l’alto passeggero, probabilmente un netturbino.

Il video dell’aggressione di Sal Da Vinci pubblicato su Facebook

Sal Da Vinci
Sal Da Vinci (Instagram)

“Approfittando di alcuni video presenti in rete, che rappresentano evidentemente una piccola parte di quello che è accaduto, e logicamente in un momento successivo all’aggressione che ho subito, si tenta di distorcere la verità dei fatti” ha scritto Sal Da Vinci in un post di Instagram.

Il messaggio si riferisce al video pubblicato su Facebook e condiviso anche da Il Mattino, in cui si vede la folla dei passeggeri del traghetto assistere per lo più impotenti a un violentissimo scontro verbale tra una persona i abiti da lavoro (con ogni probabilità quello che il cantante ha sempre definito come aggressore) e il cantante stesso.

Nel video in questione, anche se i movimenti frenetici dei presenti rendono la scena molto confusa, è possibile sentire le pesantissime offese che le due persone coinvolte nella rissa si stavano lanciando.

Secondo Sal Da Vinci, il video, in cui lo si sente rispondere a tono all’aggressione verbale, è stato girato in un momento successivo all’aggressione, cioè quando il cantante stava semplicemente rispondendo alla violenza verbale e fisica che aveva già subito e che aveva coinvolto anche il figlio Francesco.

Sempre sul profilo Instagram del cantante, che è rimasto aperto alla pubblicazione di commenti da parte degli utenti di Isntagram, sono però partiti attacchi e critiche nei confronti della condotta di Sal, il quale avrebbe offeso il suo aggressore accusandolo di “puzzare di morto”.

“Sal Da Vinci ma se tu fai il cantante e non fai il camorrista perché dici alla gente puzzi di morto in napoletano “fiet e muort”, allora sto pensando una cosa o soffri di complessi malavitosi o sei un cantante malavitoso …l’umiltà, l’educazione e il rispetto per le persone sono la prima cosa nella vita” ha scritto un utente, che però si è dovuto confrontare immediatamente con il cantante, che ha dato una risposta lunga ed esaustiva, contribuendo a definire in maniera più precisa il profilo di colui che ha dato il via all’aggressione.

Il video, che come sostiene il cantante è solo un reportage parziale dell’accaduto, è comunque ancora visibile sulla pagina facebook de Il Mattino.

Nel suo commento il cantante ha reso noto che l’altra persona coinvolta nell’episodio è una persona che ha avuto in passato svariati problemi con la giustizia: “Lei si rende conto di chi sta difendendo? Un pluridenunciato per risse, lesioni, percosse, associazione (a delinquere, N.d.R.), ex detenuto reintegrato ai servizi sociali in una società della raccolta rifiuti, nulla in contrario al reinserimento nella società, ci mancherebbe, ma non perseverando la violenza, come continua a fare il soggetto” ha scritto Sal, che ha anche specificato che era completamente fuori di sé nel momento in cui ha pronunciato quegli insulti.