Home Maternità Depressione post partum: cosa fare se sei vittima di questa malattia

Depressione post partum: cosa fare se sei vittima di questa malattia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:21
CONDIVIDI

La depressione è un male che colpisce all’improvviso ed è difficile da riconoscere. Scopriamo cosa fare se hai paura di avere la depressione post partum.

mamma e figlio
un rapporto speciale (fonte: Pexels)

Parlare di depressione e gravidanza può risultare difficile.

Avere un bambino è un’esperienza che, socialmente, viene descritta come perfetta, bellissima e meravigliosa.
Per questo motivo, però, tante donne rifiutano di riconoscere segnali o sintomi di depressione ed hanno paura di parlarne con familiari ed amici.

Scopriamo insieme che cos’è la depressione post partum e cosa puoi fare per gestirla e combatterla, senza paura!

Depressione post partum: una vera e propria malattia che si può curare

neonato e papà
la depressione è una malattia difficile da riconoscere: fai attenzione! (fonte: Pexels)

Volenti o nolenti, siamo tutti sottoposti a giudizi da parte della società: le mamme, però, un po’ di più.
Quando nasce un bambino è facile che i neo genitori siano sommersi da consigli e rimedi non richiesti. Tutti, anche gli sconosciuti per strada, si sentono in diritto di dirti cosa devi o non devi fare.

Per questo motivo e cioè perché si ha paura di sentirsi giudicate o di risultare inadeguate, le mamme spesso ignorano o minimizzano segnali di stress o tensione del loro corpo.
Non ne parlano con nessuno e la vergogna nei confronti degli altri contribuisce ad aumentare ed ingigantire il problema.

Innanzitutto è bene fare delle distinzioni: una cosa è la maternity blues ed una cosa è la depressione post partum.
Se vi siete ritrovate nei sintomi più leggeri, quelli immediati dopo la nascita, allora non c’è bisogno di preoccuparsi.
La “nostalgia” per il bambino che prova il nostro corpo e la conseguente reazione di tristezza sono perfettamente normali: queste sensazioni svaniranno in poco tempo quando gli ormoni troveranno un nuovo equilibrio.

Se invece avete notato, tra la sesta e la dodicesima settimana, segnali poco incoraggianti oppure un progressivo peggioramento del vostro umore allora potreste essere vittima di questa malattia.

Ricordate che non siete sole! Almeno il 12% delle donne che hanno avuto un bambino ne soffrono, quasi una ogni dieci!

Cosa fare per combattere i pensieri negativi?

depressione post partum
la depressione ti impedisce di chiedere aiuto: non avere paura! (fonte: Pexels)

Prendersi cura di noi stesse è fondamentale per essere buone mamme e soprattutto per rimanere in salute.
Come fare però?

  • Chiedi aiuto: che sia al tuo compagno, ai tuoi familiari, agli amici o anche ai dottori. Non ti vergognare a chiedere una mano e di ammettere di sentirti stanca o sopraffatta dalla situazione. Il tuo compagno è padre esattamente quanto te e potete dividere i compiti, i doveri e le gioie ma amici e familiari sono dalla tua parte. Qualsiasi cosa può essere d’aiuto! Un pasto pronto, una passeggiata insieme, un passaggio in macchina oppure una chiacchierata mentre guardate il bambino insieme. Non sentirti come se dovessi fare tutto da sola!
  • Abbi cura di te: che sia con una doccia lunga (per la quale potrai chiedere a qualcuno di guardare tuo figlio nel frattempo) oppure riposandoti o facendo qualsiasi altra cosa ti faccia sentire bene con te stessa (leggere, truccarsi, fare una passeggiata da sola, andare dal parrucchiere).
    Quando nasce un bambino tendiamo a relegarci al secondo posto, senza pensare mai a noi stessi. Trovare un equilibrio è fondamentale: se non stai bene non potrai avere cura di lui.
    Prendersi un’ora o due della giornata per avere cura di noi non vuol dire non essere buone mamme!
  • Fai attenzione ai tuoi sentimenti: tenere un diario a volte aiuta. Puoi preparare un bullett journal mentre sei in attesa e riempirlo ogni giorno con una mappa dei tuoi sentimenti. Realizzando un piccolo calendario con una legenda (colori scuri depressione, colori chiari felicità) potrai tenere nota in maniera veloce di come ti senti e vedere chiaramente, settimana dopo settimana, come ti senti.
    Prima del parto tutti parlano di te e di come ti senti ma subito dopo le attenzioni si concentrano solo ed esclusivamente sul bambino. Questo meccanismo potrebbe contribuire a farti sentire sola e non importante.
    Se vedi che i tuoi sentimenti peggiorano gradualmente è il caso di fare qualcosa!
  • Mangia bene: ovviamente è difficile gestire il tutto pensando anche ai menù migliori per la tua salute.
    Importantissimo, però, è cercare di mangiare tutti i giorni ad orari precisi con alimenti nutrienti.
    Bevi tanta acqua ed assicurati di avere sempre qualche cosa in frigo: se non riesci a fare la spesa manda qualcuno al posto tuo o prendi accordi per fartela recapitare a casa.
    Ci sono anche cibi insospettabili che aiutano a combattere la tristezza che puoi assumere tutti i giorni.
  • Non sottovalutare la malattia: se ti senti stanca, triste o depressa non sottovalutare questi sentimenti e parlane immediatamente con il tuo medico.
    Durante una delle visite post parto oppure, molto semplicemente, chiamando la tua dottoressa ed il tuo dottore appena possibile.
    Sempre meglio fare una chiacchierata ed informarsi al riguardo piuttosto che lasciare che la situazione degeneri senza possibilità, poi, di porre rimedio.
mamma e bambino
andrà tutto benissimo, non preoccuparti! (fonte: Pexels)

Per quanto sia difficile, curare ed affrontare la depressione post partum è possibile.

Non avere paura e chiedi aiuto il prima possibile.
Andrà tutto bene!