Coronavirus, tornare a scuola in sicurezza: le indicazioni degli esperti

0
2

Coronavirus, l’apertura delle scuole italiane è vicina. Tutte le indicazione e i consigli degli esperti per un ritorno tra i banchi in piena sicurezza. 

Coronavirus, ritorno a scuola in sicurezza, le indicazioni degli esperti
Adobe Stock

Il ritorno tra i banchi di scuola per tantissimi studenti italiani dovrebbe essere il prossimo 14 settembre e questa data, accompagnata da molte polemiche, segna soprattutto l’avvento di molte preoccupazioni da parte dei genitori, che a causa del Coronavirus, non vivranno certo il ritorno a scuola dei propri figli con la solita serenità.

Gli spazi nelle aule saranno modificati ed ogni istituto sta provvedendo alla riorganizzazione in piena sicurezza per accogliere i ragazzi e anche il corpo docenti. Scopriamo quali sono i consigli degli esperti per vivere le lezioni in piena sicurezza e prevenire un eventuale contagio da covid-19. 

Ritorno a scuola in sicurezza : i consigli medici per la prevenzione del contagio da Covid-19

Ritorno a scuola in sicurezza i consigli medici
Pixabay

Abbiamo ampiamente descritto tutte le regole redatte dal governo per il ritorno a scuola in piena sicurezza, ma vogliamo regalare ulteriori consigli, questa volta medici per affrontare il banco di scuola con consapevolezza e salvaguardando la salute degli alunni.

I medici dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, hanno redatto dei consigli di prevenzione e di ordine pratico di cui sia genitori ma soprattutto studenti possono far tesoro prima di affrontare questo ritorno a scuola che si presenta particolarmente stressante.

Secondo gli esperti i consigli principali da trasmettere sia ai bambini che ai ragazzi più grandi sono:

“- Rispettare la distanza anche all’aperto (non abbracciarsi o baciarsi e non giocare troppo vicini);
– Indossare la mascherina quando si sta vicini, anche in classe (a partire dai 6 anni di età se ben tollerata), indicazioni su come indossarla sono disponibili qui;
– Lavarsi spesso le mani” 

Durante questi ultimi mesi in cui la prevenzione dal contagio da Coronavirus è essenziale, gli esperti hanno più volte raccomandato il lavaggio delle mani come una delle azioni preventive più importanti, forse la più efficace e per questo anche i medici dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù hanno voluto sottolineare e ricordare quando è necessario lavarsi accuratamente le mani:

“- Prima di toccarsi il viso, gli occhi, il naso e la bocca con le mani non lavate;
– All’ingresso e prima di uscire dall’edificio;
– Dopo aver usato il bagno;
– Prima e dopo aver mangiato (sia i pasti che le merende);
– Prima e dopo il gioco con attrezzature/giocattoli condivisi;
– Prima di indossare e dopo aver toccato o rimosso la mascherina;
– Dopo attività sportive/giochi all’aperto/uso di parchi giochi;
– Dopo aver starnutito o tossito nel fazzoletto, o di farlo nel gomito o nella manica se non hanno un fazzoletto a portata di mano e di buttare il fazzoletto in un cestino subito dopo”

Quali sono i sintomi sospetti di Covid-19 nei bambini e negli adulti

Quali sono i sintomi di Covid-19
Pixabay

Ogni mattina prima di andare a scuola sarà obbligatorio per ogni genitore misurare la temperatura corporea al proprio figlio e nel caso in cui risultasse sopra i 37,5 °C si dovrà tenerlo a casa e contattare il medico pediatra per i consigli e indicazioni.

Ma quali sono i sintomi principali che si manifestano dopo essere stati contagiati da un infezione da Covid-19? I medici del Bambino Gesù, sul loro sito ufficiale hanno voluto ricordare la sintomatologia dettagliata sia per i bambini che per gli adulti.

“- Febbre (>37.5°C);
– Tosse;
– Dolori muscolari (mialgie);
– Scolo abbondante di materiale mucoso (rinorrea) e congestione nasale;
– Cefalea;
– Sintomi gastrointestinali (nausea/vomito, diarrea);
– Mal di gola (faringodinia);
– Respiro difficoltoso (dispnea).

I sintomi più comuni nell’adulto sono:

– Febbre (>37.5°C);
– Brividi;
– Tosse;
– Rinorrea/congestione nasale;
– Difficoltà respiratoria;
– Mal di gola (faringodinia);
– Perdita improvvisa dell’olfatto (anosmia) o diminuzione dell’olfatto (iposmia);
– Perdita del gusto (ageusia) o alterazione del gusto (disgeusia);
– Diarrea”

ritorno a scuola il 14 settembre tutte le regole da conoscere
Adobe Stock

La massima attenzione alla prevenzione e soprattutto al buon senso dei genitori di non mandare a scuola figli con eventuali sintomatologie influenzali, saranno il modo più giusto per affrontare questi primi mesi scolastici in sicurezza e serenità con la speranza che presto, si potrà tornare alla normalità. La regione Veneto ha diffuso delle infografie di consigli pratici per il ritorno a scuola in sicurezza validi anche per tutte le altre regioni italiane. 

Fonte: ospedalebambinogesu.it