Home Salute e Benessere Carbone vegetale: tutti gli usi che fanno bene alla salute

Carbone vegetale: tutti gli usi che fanno bene alla salute

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:25
CONDIVIDI

Il carbone vegetale è una sostanza naturale molto utile per assorbire i gas sia a livello gastrico che intestinale, viene usato spesso e volentieri in casi di aerofagia e meteorismo. Vediamo tutti gli usi del carbone vegetale utili nella vita quotidiana.

Carbone vegetale: tutti gli usi che fanno bene alla salute
Carbone vegetale: tutti gli usi che fanno bene alla salute (Adobestock photo)

Il carbone vegetale è di fatto diventato molto popolare grazie la sua capacità di disintossicare, ma si possono sfruttare di esso molteplici usi alternativi sia per quanto riguarda la salute che la bellezza.

Carbone vegetale

Carbone vegetale
Carbone vegetale (Adobestock photo)

Come dicevamo, è vegetale e possiede delle proprietà molto utili che permettono a questa sostanza di ritagliarsi un posto prezioso all’interno della medicina naturale.

Il carbone vegetale viene anche chiamato carbone attivo ed è una sostanza che si ottiene dalla combustione del legname oppure dai suoi scarti di lavorazione.

L’azione del carbone vegetale riesce a far aderire singole molecole alla sua superficie, grazie all’azione assorbente è una sostanza capace di impegnarsi come se fosse una spugna.

Il carbone più comune è costituito da turba, carbone, legno, guscio di noce di cocco oppure petrolio. Il carbone attivo è molto simile al carbone di legna ma viene prodotto esclusivamente per uso medicinale.

E i produttori che cosa fanno? Riscaldano il carbone allo stato brado in presenza di un gas che riesce a provocare la produzione di spazi o veri e propri fuori all’interno del carbone questi piccoli fori aiutano a trattenere dei composti chimici all’interno del carbone vegetale attivo.

Tutti gli usi che fanno bene alla salute

Kuzu favorisce la stipsi
stipsi IstockPhotos

Ma scopriamo ora tutte le sue proprietà benefiche che risiedono soprattutto nella sua superficie. Tutti questi piccoli fori agiscono come se fossero dei filtri poi che intrappolano composti presenti in gas o liquidi.

Il carbone attivo è considerato uno degli alleati naturali più potenti poiché la sua azione disintossicante consente di assorbire le particelle nocive come ad esempio tossine e veleni

Aldilà della sua applicazione comune, se ne possono fare tanti altri usi. Esistono infatti, moltissime utilità da mettere in pratica anche in casa.

Ribadiamo che la sua azione principale è la disintossicazione dell’organismo. Svolge un’azione antinfiammatoria, antiossidante e digestiva e viene utilizzato anche come base dalla quale partire per tanti altri trattamenti.

Rimedi e come usarlo

carbone attivo
Fonte: iStock Photo

Il rimedio più famoso è quello per gonfiore e gas intestinali intestinali, infatti il carbone vegetale riesce a prevenire tutti quei sintomi di cattiva digestione ed eccesso di gas dopo un pasto abbondante.

Tutti i suoi composti riescono ad assorbire le particelle che vanno ad intaccare il regolare processo di digestione ed evitano così tutte le reazioni infiammatorie del nostro organismo.

Per prepararlo e sfruttarlo in questo senso basterà un cucchiaino di carbone attivo, 5 g circa in una normalissima tazza di acqua. Non dobbiamo far altro che diluire il cucchiaino di carbone vegetale nella tazza dell’acqua e bere questa bevanda prima di andare a mangiare dei pasti abbondanti o comunque fuori dal nostro normale regime alimentare quotidiano, soprattutto se soffriamo di gas.

Quando ci ritroviamo ad aver bevuto un bicchiere di troppo e al mattino ci sentiamo abbastanza frastornate, il carbone attivo può riuscire ad alleviare i postumi di una sbornia. Riesce ad accelerare il metabolismo così da promuovere l’eliminazione delle tossine. La formula è la medesima: diluire il cucchiaino di carbone attivo, questa volta però una dose maggiore, di circa 10 g, in due tazze d’acqua da mescolare bene e bere durante la giornata post alcolici.

Svolge un’azione molto importante ed utile per quanto riguarda le punture di insetti e i suoi composti antinfiammatori riescono inoltre a ridurre i lividi e a prevenire le allergie. Non dobbiamo far altro che prendere un cucchiaio di carbone attivo in polvere, 10 g circa, e mezzo cucchiaino di olio di cocco, mescolare il tutto ed applicare sulla parte interessata strofinando leggermente, se possibile con un panno asciutto pulito ma abbastanza ruvido, quindi poi risciacquare con acqua fredda.

Maschera viso tipi di pelle
Maschera viso (Pixabay photo)
  • si può creare con il carbone vegetale anche una maschera per i punti neri. Abbiamo bisogno di un cucchiaino di carbone vegetale, un albume d’uovo e due cucchiai di miele. Questa maschera dovrà essere applicata sul viso per circa 20 minuti e poi verrà rimossa con acqua fredda, è ideale per riuscire a purificare la pelle ed eliminare tutti quei residui che ostruiscono i pori della pelle.

Il carbone attivo è molto importante anche per il pronto soccorso. Infatti, in caso di avvelenamento da sostanze velenose oppure nelle circostanze nelle quali si è assunta una dose eccessiva di farmaci riesce ad assorbire fino ad una quantità di 60 g di sostanza dannosa per la nostra salute.

  • Ideale è un vero toccasana per tutti i problemi di stomaco grazie alla sua capacità di eliminazione di gas eccesso e di tossine che spesse volentieri l’organismo trattiene. dunque è utile nel trattamento di problemi di digestione di stomaco come ad esempio un’infiammazione addominale oppure stati cronici di diarrea. Riesce soprattutto a combattere la stitichezza.
donna in bagno con stitichezza
stitichezza – Fonte: Adobe Stock

Per un’assunzione oculata del carbone vegetale attivo raccomandiamo il presidio medico soprattutto in caso di patologie particolari. Se assunto nella maniera opportuna e sotto consiglio di uno specialista può davvero aiutare a migliorare moltissimi dei fastidi quotidiani con i quali ci troviamo a combattere.