Acne, effetto rebound: in che cosa consiste e come evitarlo?

0
2

Chi soffre di acne sa bene come sembri scomparire durante l’estate per ricomparire poi pochi giorni dopo il rientro: questo è l’effetto reboud, capiamo perché si verifica e come affrontarlo.

acne estate
Foto da AdobeStock

L’estate sta per finire e oramai ci siamo convinte che il caldo abbia portato un piccolo miracolo. Brufoli e imperfezioni sembrano esser spariti: qualche giorno al mare ha miracolosamente curato l’acne? Purtroppo no.

Al ritorno dalle vacanze infatti vedremo le bollicine tornare e, addirittura, peggiorare. Pensavamo che l’estate avesse “guarito” la nostra pelle, l’avevamo vista migliorare come per magia, ed ecco che ora ripiombiamo nel baratro dell’acne.

Tutto ciò ha tecnicamente una definizione molto precisa: effetto rebound. Ma perché succede tutto ciò e, soprattutto, come farvi fronte?

Acne, effetto rebound: che cos’è e come rimediare?

rimedi acne rebound
Foto da AdobeStock

Una minor cura della pelle unita alla prolungata esposizione al sole e al caldo sembrano esser alla base dell’effetto rebound. La primissima conseguenza è infatti un momentaneo seccarsi dei brufoli che però, una volta allontanate dal mare, tornano a infiammarsi come e più di prima.

Ma perché accade tutto ciò? Partiamo dalla prima fase, quella illusoriamente piacevole: il sole asciuga i brufoli e stimola la produzione di vitamina D, essenziale per il benessere della pelle e delle ossa e motivo per cui la cute appare decisamente più bella, luminosa e in salute. 

Del sole però fammi parte anche i raggi UVB, responsabili una forte azione infiammatoria. Sono questi a provocare l’ispessimento dello strato corneo e occlusione dei canali di sebo, con la conseguente comparsa di punti neri, brufoli e pustole. 

Ma è possibile ostacolare questo devastante procedimento? Qualche mossa preventiva si può senza dubbio mettere in atto, a partire dalla scelta dei solari. Spesso si dimentica che questi ultimi sono proprio come ogni altro cosmetico e di conseguenza, se ci si trova alla prese con una pelle a tendenza acneica, si dovrà fare attenzione nel selezionare esclusivamente esemplari non comedogenici.

La skincare in generale andrà poi curata con particolare osservanza, scegliendo detergenti sebonormalizzanti ma anche ricordandosi di utilizzare regolare scrub e maschere viso per pelli grasse: non siete tra coloro che ancora credono che l’esfoliazione elimini l’abbronzatura, vero?

Particolare complessa e delicata è la scelta della crema idratante. Non vi si può certo rinunciare ma bisogna ricordarsi di scegliere texture leggere, senza oli e agenti aggressivi che sappiano coccolare la pelle sin dal mattino e non opprimerla nei momenti di forte caldo.

In caso di acne leggera potete fare una ricerca sul web e selezionare i prodotti che più vi sembreranno corrispondere alle vostre necessità ma, qualora il problema fosse più serio e persistente, rivolgetevi a un dermatologo che saprà suggerirvi na beauty routine su misura per voi.

ritorno acne
Foto da AdobeStock

Qualche buona abitudine potrà dunque evitarci di follare in autunno gli studi dermatologici e far sì che, sebbene il miracolo dell’estate non potrà permanere sulla nostra pelle, quantomeno potremo evitare peggioramenti incontrollati. Non poco, vi pare’