Harry urlò contro la Regina a causa di Meghan? Accuse e smentite

0
2

Nella biografia Finding Freedom si afferma che Harry avrebbe urlato contro la Regina per difendere Meghan. È la verità?

Harry e Meghan, la biografia ufficiale (Getty Images)
Harry e Meghan, la biografia ufficiale (Getty Images)

Come c’era da aspettarsi, la biografia Finding Freedom ha già cominciato a sollevare reazioni contrastanti in merito alle rivelazioni che contiene e che racconterebbero la famiglia reale britannica dal punto di vista di Harry e Meghan.

Nel libro gli autori affermano che i contrasti tra Harry e la famiglia Reale, in particolare con Sua Maestà, sarebbero cominciati già prima del Royal Wedding, a causa del mancato rispetto del protocollo circa la gestione dei gioielli della corona.

Una fonte vicina ai Sussex ha però affermato che si tratta di un’enorme manipolazione della realtà dei fatti. A questo punto è lecito chiedere da quale parte sono schierati gli autori di Finding Freedom: raccontare il punto di vista dei Duchi di Sussex oppure mettere il Principe Harry in difficoltà con la famiglia?

Harry gridò contro la Regina? Tutta colpa della tiara per Meghan

Principe Harry
Principe Harry (Fonte: Instagram)

L’organizzazione del Royal Wedding è una questione estremamente complessa che richiede moltissimi preparativi che vengono ulteriormente complicate dalle rigidissime regole necessarie a gestire i rapporti con la Famiglia Reale e la gestione del suo immenso patrimonio.

Harry avrebbe dovuto essere consapevole che è facilissimo commettere passi falsi quando bisogna muoversi all’interno del ginepraio delle regole di corte, quindi avrebbe dovuto prestare un’attenzione massima per far andare tutto liscio.

Nel libro Finding Freedom, però, pare che Harry non sia stato all’altezza della situazione. Nel libro viene raccontato infatti che, nei giorni precedenti al matrimonio, Harry e Meghan avrebbero deciso di provare la tiara scelta per Meghan insieme al parrucchiere della sposa, per coordinare perfettamente l’acconciatura al gioiello.

Il problema è sorto a causa del fatto che Harry e Meghan non avevano prenotato l’incontro con la responsabile della gestione dei gioielli di Sua Maestà. La donna all’epoca non si trovava nemmeno a Londra e, quindi, non avrebbe potuto in alcun modo precipitarsi a palazzo per accontentare i capricci di Harry e Meghan.

Se i Duchi si fossero attenuti al protocollo, richiedendo e programmando un appuntamento, non ci sarebbe stato alcun intoppo. Il problema pare sia nato nel momento in cui Harry decise di attaccarsi al telefono al fine di ottenere che la responsabile facesse uno strappo alla regola per consentire al parrucchiere di Meghan di fare il suo lavoro.

Naturalmente non c’è stato verso di ottenere quello che Harry voleva e i Duchi hanno dovuto registrare una delle prime sconfitte, vedendosi costretti a tornare a casa con un nulla di fatto.

Successivamente, ed è questo l’episodio più grave, pare che Harry abbia avuto una conversazione telefonica con la Regina, e che abbia deciso di usare toni molto forti anche con la nonna.

Proprio questo dettaglio potrebbe danneggiare ulteriormente l’immagine pubblica dei Duchi di Sussex, che non sono usciti affatto bene dal periodo della pandemia di Coronavirus, diversamente dalla Regina, da Carlo e Camilla e soprattutto da William e Kate, che hanno dimostrato in più di un’occasione di essere perfettamente pronti a essere Re e Regina.

A salvare i Duchi di Sussex è intervenuta nel dibattito una fonte vicina a Harry e Meghan: secondo la sua versione dei fatti la telefonata tra Harry e sua nonna è stata pacifica e il Duca di Sussex non avrebbe mai alzato la voce contro la Regina.

Il Telegraph, che ha raccolto la testimonianza della fonte, ha riportato: “La regina è probabilmente la persona che Harry rispetta e apprezza di più al mondo.”

Anche se la smentita giunta dalla fonte anonima riuscisse davvero a convincere gli inglesi che Harry non mancherebbe mai di rispetto alla Regina, Finding Freedom è riuscito ad accendere nuovamente i riflettori su una questione piuttosto dibattuta due anni fa e che probabilmente l’opinione pubblica stava dimenticando: il tiaragate.

Sembra infatti che Meghan non avesse scelto la Queen Mary Tiara, cioè il gioiello che ha poi indossato durante il matrimonio, ma un’altra tiara che non le è stata concessa. Si tratta del gioiello indossata dalla principessa Eugenie di York durante il suo matrimonio e che aveva fatto innamorare Meghan per lo splendido messaggio centrale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da A Tiara A Day (@a.tiara.a.day) in data:

Alla fine Meghan ha indossato la  Queen Mary’s Diamond Bandeau e, almeno stando alle dichiarazioni ufficiali, è stata perfettamente felice della scelta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bruidsboutique La Romance (@bruidsboutiquelaromance) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bruidsboutique La Romance (@bruidsboutiquelaromance) in data:

Le voci di corridoio vogliono invece che la Duchessa sia stata costretta a fare buon viso a cattivo gioco e che sia rimasta molto delusa per il fatto di non poter ottenere esattamente quello che voleva. Del resto, c’è un motivo per cui a corte si era guadagnata un nomignolo davvero crudele.