5 storie fantastiche sulla Principessa Anna, che oggi compie 70 anni

0
1
Principessa Anna
Principessa Anna (Fonte: Instagram)

La Principessa Anna compie 70 anni ed è ancora la Principessa Reale più moderna del mondo: ecco tutto quello che bisogna assolutamente sapere su una Lady che alle tiare preferisce un paio di jeans (e un cavallo).

Principessa Anna
Principessa Anna (Fonte: Instagram)

Secondogenita della Regina Elisabetta e del Principe Filippo, Anna ha dimostrato fin da da ragazza di aver ereditato tutto il meglio dai suoi genitori.

Composta, discreta, con un enorme senso del dovere e un’ancor più grande passione per i cavalli, Anna è in tutto e per tutto la reincarnazione di Elisabetta. Dal padre Filippo ha preso però la lingua tagliente, il feroce senso dell’humor, la mentalità pratica, l’amore per la vita militare e l’odio per tutte le inutili perdite di tempo della vita di corte (alle quali comunque non si sottrae).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jasmin 🌻 (@royalfamily2018) in data:

Qualcuno dice che Anna sarebbe stata una perfetta erede al trono se il destino non avesse voluto che il sensibile Carlo, il viziatissimo Carlo, non nascesse appena due anni prima.

Nonostante la sfortuna di vivere una vita all’ombra del fratello, Anna si è sempre impegnata al massimo, fermamente decisa a ripagare con interminabili giornate di lavoro tutti i suoi privilegi reali.

1 – Frisky Anna

A corte tutti hanno un nomignolo e pare che molti di questi siano stati appioppati dal geniale Duca di Edimburgo il quale, per esempio, ha soprannominato la Regina “The Firm”, cioè “L’Azienda”.

Non si sa se il soprannome di Anna è arrivato direttamente dalla fervida mente del Duca di Edimburgo, ma di certo le calza a pennello.

Fin dalla giovinezza la Principessa Reale è stata soprannominata “Frisky Anna” cioè “Anna Saltellante” per la sua incapacità di star ferma, per il numero incredibile di cose che riesce a fare in un giorno e per l’abitudine di viaggiare da una parte all’altra del Regno per far fronte all’enorme mole di impegni che svolge nel nome di sua madre. Per fare un po’ di numeri: la Principessa Reale è patrona di 200 organizzazioni caritatevoli e svolge 500 incarichi ufficiali per conto della Famiglia Reale. Un numero solo di pochissimo inferiore a quello di suo fratello Carlo, che erediterà il trono.

Probabilmente questo nomignolo è stato reso ancora più perfetto dalla costante vicinanza di Carlo il quale, al contrario di Anna, è un uomo posato e riflessivo.

2 – Datemi un cavallo e conquisterò il mondo

Come già accennato, Anna ha ereditato dalla madre Elisabetta uno sconfinato amore per i cavalli e per l’equitazione. Non sono in molti a sapere però che la Principessa Reale è stata l’unico membro della Famiglia Reale a partecipare alle Olimpiadi. 

Era il 1976 e Frisky Anna partecipò alle Olimpiadi di Montreal. Non ottenne piazzamenti, ma nel frattempo agli Europei di Equitazione si era guadagnata, tra il 1971 e il 1975, la bellezza di una medaglia d’oro per un’esibizione individuale e ben due argenti, di cui uno per un’esibizione individuale e uno per un’esibizione con la squadra del Regno Unito.

In più di un’occasione la Principessa Reale ha dichiarato che se non fosse nata nella Famiglia Reale si sarebbe dedicata completamente all’allevamento di cavalli e all’equitazione: un sogno condiviso con la Regina, che da decenni possiede, alleva e allena cavalli da corsa.

“Ogni volta che compaio in pubblico la gente si aspetta che io nitrisca” era diventata una sua frase tipica, fino a qualche tempo fa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The Royal Family (@theroyalfamily) in data:

Tra l’altro, chi la conosce bene sa perfettamente che, dovendo scegliere tra un abito da ballo e un paio di jeans logori, Anna preferirà sempre e comunque il paio di jeans e una camicia non stirata, come si vede benissimo nelle foto (ufficiali!!) pubblicate dall’account Instagram della Famiglia Reale negli scorsi giorni.

3 – “È dannatamente improbabile”

Nel 1974 la Principessa Anna si trovava a bordo di una limousine insieme a quello che era il suo primo marito, Mark Phillips: i due si apprestavano a tornare a casa dopo un evento di beneficenza.

L’auto venne costretta a fermarsi da una Ford Escort che bloccò la strada mettendosi di traverso e da cui uscì un uomo, successivamente identificato come Ian Ball, che cominciò a sparare verso la limousine.

Non servirono a niente i tentativi della guardia del corpo di proteggere la principessa: nella colluttazione che seguì vennero feriti l’autista e l’assistente di Anna, nonché un giornalista che si prese una pallottola nel petto per aver tentato di fermare il malintenzionato.

Ian Ball riuscì ad entrare nella limousine e spiegò alla Principessa Anna che era intenzionato a rapirla per chiedere un riscatto di 2 Milioni di Sterline, che sarebbero poi state devolute al Servizio Sanitario Nazionale. A quel punto Ball ordinò alla Principessa Anna di scendere dall’auto e ottenne una risposta destinata a entrare nella storia: “È dannatamente improbabile!”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da jose gegundez (@josegegundez) in data:

Con un sangue freddo da fare invidia a un veterano, dopo aver visto ben tre uomini feriti dai proiettili, la ventiquattrenne Anna scese dalla portiera opposta a quella davanti alla quale si trovava Ball e riuscì a fuggire mentre l’uomo veniva finalmente ridotto all’impotenza da un passante e dalle forze dell’ordine.

4 – Chiamatemi Cavaliere

Nel 1994, la Regina decise di onorare l’operato di sua figlia con ammettendola nell’Ordine della Giarrettiera, un ordine cavalleresco fondato dal Re Edoardo III nel 1384. Si tratta dell’Ordine Cavalleresco più antico e prestigioso d’Inghilterra e ne fanno parte sia uomini che donne, ma per lungo tempo le donne non potevano acquisire il titolo di “Compagne”, mentre i cavalieri si chiamavano tra loro “Compagni Cavalieri”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mat (@mat711_) in data:

Naturalmente, alle donne veniva attribuito il titolo di Lady della Giarrettiera e agli uomini quello di Cavaliere e, come c’era assolutamente da aspettarsi, la Principessa Anna pretese quello di Cavaliere. Compagno Cavaliere.

5 – I titoli? Non servono a nessuno

A dimostrazione che vive la vita di corte esclusivamente per dovere e per rispetto alla Famiglia Reale, la Principessa Anna ha preteso che i suoi figli, nati entrambi dal primo matrimonio, non avessero titoli nobiliari.

In questo modo Zara e Peter hanno potuto dedicarsi liberamente alla propria vita senza rimanere ingabbiati negli infiniti impegni di corte. Tra le altre cose, Zara ha dimostrato che buon sangue non mente e ha vinto una medaglia d’argento alle Olimpiadi di Londra del 2012, ovviamente in equitazione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da jose gegundez (@josegegundez) in data:

“Penso che sia stato più comodo per loro, e penso anche che la maggior parte delle persone concorderà sul fatto che i titoli non portano solo vantaggi, quindi penso di aver fatto la cosa giusta” ha affermato di recente.

5 Bis – Pensione? Quale pensione?

Da quando il Principe Andrea si è fatto sbattere fuori dalla Famiglia Reale per il gravissimo scandalo Epstein, la Regina Elisabetta ha fatto più affidamento che mai sulla Principessa Anna, affidandole anche una parte dei compiti ufficiali che normalmente venivano svolti da Andrea.

Naturalmente la Principessa Reale ha accettato senza battere ciglio, anche se data la sua età e una pandemia ancora non del rutto risolta sarebbe bene rallentare un po’.

Per tutta risposta, in un’esclusiva intervista rilasciata a Vanity Fair America per il suo 70° Compleanno, la Principessa Anna ha messo bene in chiaro una cosa: “Penso che la pensione non abbia alcun senso per me.”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The Royal Family (@theroyalfamily) in data:

Una risposta che sembra uscita direttamente dalle labbra di Elisabetta II che però, proprio in questi giorni sembra ormai non aver più scelta: secondo voci di palazzo abbastanza fondate, Elisabetta II sembra decisa ormai a rinunciare alla vita pubblica.

E se “The Firm” apparirà sempre meno in pubblico, di certo “Frisky Anna” non smetterà presto di andare in giro per il Regno a rappresentare la Corona. Tanti auguri, Principessa Reale!