Home Gossip Sgarbi show a Ogni Mattina: Adriana Volpe e Alessio Viola umiliati

Sgarbi show a Ogni Mattina: Adriana Volpe e Alessio Viola umiliati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:47
CONDIVIDI

Vittorio Sgarbi è stato ospite a Ogni Mattina e ha dato il peggio di sé, mettendo in difficoltà e offendendo i due conduttori: un vero e proprio Sgarbi show.

Vittorio Sgarbi a Ogni Mattina
Vittorio Sgarbi (Fonte: Instagram)

Vittorio Sgarbi non è esattamente l’ospite più semplice da gestire per il conduttore di una qualsiasi trasmissione televisiva. Il critico d’arte e parlamentare l’ha dimostrato ancora una volta con la sua partecipazione a Ogni Mattina, il traballante show di Adriana Volpe e Alessio Viola su TV8.

I due conduttori hanno cercato in ogni modo di arginare l’exploit di Sgarbi ma hanno miseramente fallito, beccandosi anche le offese dell’ospite che ha ricordato pubblicamente ai telespettatori quanto bassi siano gli ascolti di Ogni Mattina.

Un vero e proprio bagno di sangue per Adriana Volpe e Alessio Viola che, comunque, hanno continuato a condurre con grande professionalità anche dopo l’irrispettoso intervento di Sgarbi.

Vittorio Sgarbi a Ogni Mattina: “Ma chi ca**o sei?”

Vittorio Sgarbi
Vittorio Sgarbi (Fonte: Instagram)

Provocare Vittorio Sgarbi non è mai una buona idea: lo ha scoperto a sue spese un altro ospite di Ogni Mattina, il giornalista Alessio Poeta. Sgarbi e Poeta erano stati chiamati a confrontarsi sulla concezione del mondo femminile da parte della società contemporanea.

A far sentire invece la voce delle donne sul femminismo era stata invitata la scrittrice Barbara Alberti, che gli italiani hanno imparato a conoscere durante l’ultimo Grande Fratello.

Dopo alcune discutibili affermazioni di Vittorio Sgarbi, il giornalista che era di fronte a lui ha sbottato: “Se penso che con le tasse che pago contribuisco al suo stipendio mi viene voglia di cambiare Paese”.

Famoso per la sua scarsissima pazienza, Vittorio Sgarbi ha ben pensato di ribattere a tono al suo interlocutore, cominciando il suo contrattacco con una frase che in televisione non dovrebbe essere pronunciata con leggerezza: “Ma tu chi ca**o sei? Sei qua a fare polemica apposta, ti stai agitando per dire stupidaggini con il cervello inesistente che hai, sei  una nullità. Lo stipendio di cui parli non lo paghi tu, capra assoluta”.

Nel momento in cui si sono resi conto che la situazione stava sfuggendo di mano e avrebbe potuto rapidamente degenerare, i due conduttori hanno tentato di frenare l’exploit di Sgarbi. A intervenire per prima è stata Adriana Volpe, completamente ignorata dalla furia di Sgarbi. Subito dopo è toccato ad Alessio Viola tentare di riprendere il controllo del programma. Lo stesso Viola però si è trovato a essere vittima di un durissimo attacco da parte di Sgarbi, che lo ha umiliato a livello professionale davanti a tutti i suoi telespettatori: “Ma tu te lo meriti lo stipendio?” ha chiesto a Viola. “Ma che conduttore sei? Perché te lo meriti se sei un conduttore del ca**o. Farete un po’ più ascolti rispetto a quello che fate di solito, vi restituisco quello che mi avete dato” ha concluso Sgarbi, facendo riferimento al cachet di ospite ricevuto da TV8 per la sua partecipazione.

Ironicamente poco prima, nel corso dell’intervista con Alessio Viola, Vittorio Sgarbi aveva parlato proprio della sua duplice personalità, paragonandosi a Dr. Jeckill e Mr. Hyde. Il critico d’arte ha spiegato che, quando lo si invita a partecipare a qualche evento (o a qualche trasmissione, come in questo caso) non si potrà mai essere certi di aver invitato solo la sua parte “buona”, e bisogna accettare il rischio che si presenti sul più bello anche la sua parte più selvaggia e incontrollabile, quel Mr. Hyde che, ironicamente, si è impossessato di lui pochi minuti dopo durante il confronto con Alessio Poeta e Barbara Alberti.

Nel corso della spiegazione della sua “Sgarbeide”, il parlamentare ha anche fatto riferimento all’episodio avvenuto appena qualche settimana in Parlamento: dopo un discorso è stato letteralmente portato fuori di peso dagli attendenti della Camera: si è trattato, per Sgarbi, di un’opera d’arte involontaria.