Home Gossip Meghan Markle perde e paga: la stampa inglese vince sulla Duchessa

Meghan Markle perde e paga: la stampa inglese vince sulla Duchessa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:45
CONDIVIDI

Meghan Markle e la stampa inglese hanno sempre avuto un pessimo rapporto ma, a quanto pare, i giudici stanno dando torto a Lady Markle, che dovrà versare decine di migliaia di euro per sostenere le spese legagli.

Meghan Markle stampa
Meghan Markle (Fonte: Instagram)

Secondo la versione di Meghan, la stampa britannica avrebbe rovinato i rapporti con suo padre Thomas, pubblicando stralci di lettere private.

Successivamente, la Duchessa sarebbe stata bullizzata dalla stampa a causa del suo status di “outsider” della famiglia reale britannica.

Presa prima di mira per le sue infrazioni dell’etichetta (vere o presunte) e successivamente per il suo carattere non esattamente semplice, la Markle pare abbia sopportato una enorme pressione psicologica durante e dopo la gravidanza di Archie.

Per questo motivo, lei e suo marito hanno deciso di intraprendere una battaglia contro la stampa (non solo inglese, ma anche internazionale) al fine di tutelare la famiglia e il benessere psicologico di Meghan.

Purtroppo per la Duchessa, però, secondo i giudici ad aver sbagliato tutto è stata lei.

Meghan Markle perde contro la stampa e dovrà pagare spese salatissime

Meghan Markle film
Meghan Markle (Fonte: Instagram)

La verità è che le spese legali che i Sussex dovranno sostenere causerebbero pesanti grattacapi a qualunque persona comune, ma probabilmente i Duchi non si accorgeranno nemmeno dell’esborso di quasi 80.000 Euro che dovranno versare ai vari legali.

La causa in corso contro il Daily Mail on Sunday si incentra sulla famosa lettera spedita da Meghan al padre Thomas nel periodo precedente al suo Royal Wedding con Harry.

All’epoca Thomas Markle aveva reso pubbliche delle fotografie che lo mostravano mentre si preparava a partecipare al matrimonio di Meghan. All’epoca i Sussex cercarono in tutti i modi di convincerlo a non ricorrere alla stampa per parlare del suo rapporto con la figlia e del Royal Wedding in generale.

Nello scambio di mail con Thomas Markle è coinvolto direttamente anche Harry, il quale tentò di convincere il padre di Meghan a non continuare a rilasciare dichiarazioni alla stampa. Il Principe scrisse: “Tom, sono di nuovo Harry! Ho davvero bisogno di parlarti. Esporsi in pubblico solo peggiorare la situazione. Se parlerai con i tabloid te ne pentirai, fidati di me, Tom. Solo noi possiamo aiutarti. Io e Meg non siamo arrabbiati, vogliamo solo parlarti. Grazie”.

Come tutti sanno, Thomas Markle dichiarò di essere stato ricoverato in ospedale per un infarto appena prima del matrimonio di sua figlia, e che i motivi per cui non avrebbe preso parte alla cerimonia erano legati esclusivamente alla sua salute. Salute che sarebbe peggiorata improvvisamente proprio a causa dei contrasti con la figlia.

Il 15 Maggio, dopo aver saputo del ricovero di suo padre, Meghan Markle scrisse a suo padre: “Ho cercato di contattarti tutto il fine settimana ma non mi hai risposto. Sono molto preoccupata per la tua salute. Stiamo cercando di proteggerti ma non sono sicura di poterlo fare se continui a non rispondere. In quale ospedali ti trovi? Hai bisogno di aiuto? Chiamami, ti prego. Sono molto preoccupata e ora la tua salute è la cosa più importante”.

Successivamente Thomas rispose affermando che sarebbe rimasto ricoverato per alcuni giorni e che non avrebbe preso parte al matrimonio. 

A quel punto Meghan scrisse al padre una lunga lettera in cui lo accusava di aver causato a lei e a Harry un grande dolore. Quella lettera, considerata assolutamente privata, venne parzialmente pubblicata dal Daily Mail on Sunday, senza l’autorizzazione di Meghan e, secondo la Markle, per distruggere il rapporto tra lei e il padre Thomas al fine di creare uno scandalo che avrebbe moltiplicato le vendite del tabloid.

Secondo la difesa del Daily Mail On Sunday, nel momento in cui Meghan è entrata a far parte della famiglia reale britannica, tutta la sua vita privata, compresi i suoi rapporti con la famiglia di origine, sono di pubblico interesse. Per questo motivo la stampa si sente autorizzata a pubblicare anche stralci di corrispondenza privata: lo hanno affermato gli avvocati della difesa davanti all’Alta Corte di Londra, chiamata a esprimersi sulla vicenda.

Tra i vari aspetti della vicenda che dovranno essere chiariti in sede di processo, il ruolo del padre di Meghan: è stato lui a fornire la lettera alla stampa o il giornale si è appropriato indebitamente di una corrispondenza privata?

favore di Meghan hanno testimoniato cinque persone informate dei fatti, cioè molto vicine alla Duchessa: avrebbero sostenuto che lo scandalo provocato dalla pubblicazione della lettera sul Daily Mail on Sunday avrebbe non solo distrutto il rapporto tra Lady Markle e suo padre, ma avrebbe causato alla Duchessa grandissimo stress psicologico proprio nel delicatissimo periodo della gravidanza.

Proprio il bullismo della stampa nei suoi confronti in quel periodo avrebbe portato la Markle a far causa al Daily Mail.

Un altro punto su cui si stanno scontrando accusa e difesa è la necessità di rendere pubblici i nomi dei testimoni: per gli avvocati della Markle è necessario mantenere segreta la loro identità, per quelli del Daily Mail è necessario renderli pubblici.

La prima parte del processo ha visto trionfare le ragioni della stampa: per questo motivo i Sussex dovranno farsi carico delle spese legali per un ammontare di 68.000 Sterline. La seconda parte del processo dovrebbe essere celebrata in Agosto, quando finalmente la vicenda giudiziaria sarà conclusa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ̂ (@familiareal_britanica) in data:

Non si tratta di un buon momento per i Duchi di Sussex: negli ultimi mesi si sono resi conto che la strada verso il successo e la costruzione di una vita “normale” è costellata di difficoltà e fallimenti. Dopo che il progetto Archewell ha subito una durissima battuta d’arresto c’è chi parla di una crisi così profonda da far pensare al divorzio dopo appena due anni di matrimonio.