Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Pancia gonfia? Prova con l’anguria

Pancia gonfia? Prova con l’anguria

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:06
CONDIVIDI

La pancia gonfia è un problema ricorrente. Scopri come risolverlo grazie all’anguria.

Donna con fetta di anguria – Fonte: Istock photo

Quello del gonfiore addominale è un problema che accomuna molte più donne di quanto si pensi. Problema che nel periodo estivo sembra peggiorare e farsi notare di più per via dei vestiti leggeri e spesso aderenti o scollati. Sebbene ci siano diversi rimedi preposti a sgonfiare la pancia, averne di nuovi da sperimentare non fa mai male, offrendo una possibilità in più per sentirsi belle e a posto con la propria immagine.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Cocomero: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo

Oggi, quindi, approfondiremo un alimento che spesso viene erroneamente considerato un colpevole della pancia gonfia e che invece è un alleato della linea. Stiamo parlando dell’anguria (o cocomero), frutto tipicamente estivo ed in grado di rendere più sgonfie e magre in pochi giorni.

Anguria, alleato della bellezza. Ecco come aiuta a sgonfiare la pancia

Donna che mangia una fetta di anguria – Fonte: Istock photo

Anche se non tutti lo sanno, l’anguria è un rimedio contro la pancia gonfia. Se è vero che mangiandone in grandi quantità il rischio di gonfiarsi (come con molti altri alimenti) è dietro l’angolo, è infatti vero anche il contrario. Grazie alle sue proprietà nutritive, infatti, l’anguria è da considerarsi come un frutto in grado di far perdere peso e di sgonfiare la pancia.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Anguria: ecco perché andrebbe mangiata ogni giorno

Grazie all’apporto di fibre e all’effetto diuretico, la pancia tende infatti a sgonfiarsi. E tutto mentre si fa il pieno di vitamine e sali minerali. L’anguria è inoltre indicato per chi è a dieta. Con poche calorie riesce infatti a soddisfare la voglia di dolci mentre grazie all’acqua che contiene ha un discreto effetto saziante. Un frutto che, quindi, oltre ad essere buono da mangiare è anche amico di chi è a dieta.

Tra le altre cose è anche un alimento che aiuta a contrastare la ritenzione idrica e che allevia la cellulite. Insomma, come la stessa dieta dell’anguria, questo frutto è un vero toccasana per la linea. Senza contare l’effetto benefico che ha sull’umore grazie al magnesio che contiene, al suo colore acceso e agli zuccheri naturali che danno energia. Rinfrescante, è ottimo da mangiare in ogni situazione. Ottimo come parte dolce di una colazione salata, ai pasti può essere inserito nelle insalate e durante il giorno è un ottimo spuntino spezza fame. Con l’anguria su può anche realizzare un ottimo gelo di melone, perfetto da gustare senza zucchero e da solo o da inserire in qualche dolce dietetico e tutto per non privarsi del tutto di qualcosa di buono durante l’estate.

Altri benefici dell’anguria

Fette di anguria – Fonte: Istock photo

Oltre ad essere un alimento perfetto per sgonfiare la pancia, l’anguria è un alimento ricco di proprietà benefiche. Tra queste le più note sono:

SULLO STESSO ARGOMENTO: Anguria: i motivi per cui fa bene alla salute

  • Sgonfia la pancia
  • È un potente anti ossidante
  • Aiuta a perdere peso
  • Dona un piacevole senso di sazietà
  • Rallenta l’invecchiamento della pelle
  • Allevia il senso di stanchezza
  • Aiuta a contrastare la cellulite
  • Mantiene l’organismo idratato
  • Previene la cistite
  • Aiuta a contrastare l’ipertensione
  • Combatte la ritenzione idrica
  • È un antinfiammatorio naturale
Taglia l’anguria in modo rapido, preciso e corretto con questo metodo VIDEO
Anguria su piatto – Fonte: Pixabay

Attenzione. Sebbene sia un alimento sano e ricco di benefici, anche l’anguria ha le sue controindicazioni. È infatti sconsigliato a chi soffre di gastrite o di colite.
Per via degli zuccheri, i soggetti diabetici dovrebbero consumarlo con moderazione e sempre dopo aver sentito il proprio medico.
Inoltre per alcune persone può risultare difficile da digerire.
In caso di patologie o di dubbi, quindi, prima di consumarlo è meglio rivolgersi al proprio medico curante.