Metodo Sakuma | Corpo scolpito con 5 minuti di allenamento al giorno

0
74

Il metodo Sakuma promette di avere un corpo scolpito con 5 minuti di allenamento al giorno a patto che venga praticato quotidianamente.

metodo sakuma
Corpo scolpito con 5 minuti di allenamento al giorno (Adobe Stock)

Con soli 5 minuti di allenamento al giorno il metodo Sakuma promette di avere un corpo scolpito. Se basta davvero così poco perché non provare?

Il metodo Sakuma non prevede workout ad alta intensità e regimi alimentari troppo restrittivi o peggio pericolosi, ma si basa semplicemente su alcuni esercizi capaci di correggere difetti posturali abbinati a qualche consiglio alimentare.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Metodo Tabata | L’allenamento per dimagrire utilizzato da Noemi

Il segreto pare infatti essere proprio nella postura. Secondo tale metodo tutto sta nel riportare in equilibrio il core attraverso alcuni esercizi in grado di resettare la muscolatura. Andiamo a conoscerne qualcosa di più.

Con il metodo Sakuma bastano solo 5 minuti di allenamento al giorno per tornare in forma

metodo sakuma
Metodo Sakuma (Adobe Stock)

Si tratta di un sistema che richiede poco sforzo e che con soli 5 minuti di allenamento al giorno promette di avere un corpo tonico e snello nel giro di 2 mesi.

Il segreto del metodo Sakuma sta però nella costanza. Infatti per ottenere i risultati occorrerà dedicare tutti i giorni 5 minuti all’esecuzione degli esercizi proposti.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Baby food diet | La dieta dei vip per perdere 9 chili in 6 settimane

Ideato dal personal trainer giapponese Kenichi Sakuma, tale metodo promette di raggiungere risultati strepitosi correggendo la postura. In particolare il segreto di questo metodo sta proprio nel riportare in equilibrio il core. Ma di cosa si tratta?

Il core altro non è che una zona estesa che non ha una definizione anatomica ben precisa perché comprende i muscoli addominali, i paraspinali, il quadrato dei lombi, i muscoli del pavimento pelvico, i glutei e i flessori dell’anca.

È quindi un raccordo di muscoli con due funzionalità. Stabilizzare e fare da collegamento per trasferire le forze dagli arti inferiori a quelli superiori e viceversa.

Secondo Sakuma gli esercizi più efficaci sono quelli che potenziano il core. Correggendo la postura infatti inducono l’organismo a bruciare più calorie e a smaltire meglio il grasso perché incrementano l’attivazione fino al 60 per cento in più del numero di muscoli usati quotidianamente.

A testimonianza Sakuma cita uno studio dell’Università di Tokyo secondo cui se si cammina con l’addome tirato in dentro e quindi con una corretta postura, si mettono in movimento molti più muscoli aumentando il consumo energetico del 40 per cento.

Inoltre, portando in equilibrio il core si correggono quei difetti posturali che portano ad accumulare il grasso in determinate zone. 

Ad esempio il bacino in avanti porta ad avere depositi di grasso su addome, fianchi, cosce e polpacci, viceversa se è inclinato indietro il problema ricadrà su braccia e cosce.

Gli esercizi da svolgere non sono complicati. Eccone tre molto semplici da praticare.

1) Rassodare i fianchi. Stesi a terra in posizione prona solleviamo le gambe con le caviglie incrociate e le ginocchia divaricate in questo modo andremo a stimolare i muscoli della parte laterale e superiore dei fianchi, solitamente non utilizzati. Questo esercizio corregge anche la torsione dell’articolazione dell’anca. Oltre a correggere cosce voluminose, cellulite e gambe arcuate. La posa va tenuta per 6 secondi e ripetuta 10 volte.

2) Snellire la vita. In questo esercizio occorre stare seduti concentrandoci sulle scapole. Con le mani lungo i fianchi andremo a sollevare un fianco alla volta tenendo la posizione per 3 secondi e ripetendo sempre 10 volte. Il movimento risulterà più semplice se con il fianco solleveremo anche la gamba. Dovremo però fare attenzione a non muovere nessuna delle due spalle. Questo esercizio accelera il consumo energetico mentre si cammina, particolarmente indicata per le persone che tendono ad assumere una postura insaccata.

3) Tonificare il core. Questo esercizio risveglia i muscoli inspiratori e fa lavorare gli addominali retti, obliqui e traversi, rafforzando il core e assottigliando la vita. Capita spesso che le donne abbiano i muscoli inspiratori deboli perché tendono ad avere il bacino inclinato all’indietro e la spina dorsale curva in avanti. Leggi anche Giulia De Lellis | Tre esercizi per avere addominali come i suoi – VIDEO

Per eseguire l’esercizio occorre stare seduti con le braccia incrociate tenendo i gomiti con le mani e li appoggiamo sulle ginocchia. Da qui alziamo le braccia oltre la testa, teniamo per 6 secondi e ripetiamo per 10 volte. L’esercizio può essere eseguito stando anche seduti a terra. In questo caso teniamo le gambe incrociate.

Dopo un paio di mesi, secondo Sakuma si dovrebbe raggiungere l’equilibrio del core e anche smettendo di eseguire gli esercizi il corpo dovrebbe aver acquisito una memoria.

Per quanto concerne i consigli dietetici sono per lo più per stimolare il metabolismo. Secondo il personal trainer occorre consumare almeno una porzione di proteine nobili a pasto. Ad esempio uova, carni, pesci o latticini. Questo perché le proteine sono tra i costituenti della massa muscolare, che brucia calorie anziché immagazzinarle.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Belen Rodriguez | In forma con il fluiball training VIDEO

Tra gli accorgimenti fare colazione entro 30 minuti dal risveglio per impedire che l’organismo in riserva di energie a causa del digiuno notturno le prenda dai muscoli.

metodo sakuma
Colazione entro 30 minuti dal risveglio (Adobe Stock)

Inoltre, il metodo raccomanda di fare tre pasti al giorno concedendosi i carboidrati dalla mattina fino a mezzogiorno, evitandoli dalle 5 di pomeriggio in poi. Da mezzogiorno a sera assumere poi fibre evitando fritti e dolci e piatti unici con carne, riso e pasta.