Baby food diet | La dieta dei vip per perdere 9 chili in 6 settimane

Si chiama ‘Baby food diet’ ed è diventata una vera e propria moda tra i vip di Hollywood. In Italia è conosciuta come ‘dieta del bebè’ perché si basa sul consumo di omogenizzati. Scopriamo di più.

omomogenizzati baby food diet
Baby food diet (Adobe Stock)

A Hollywood è diventata una vera e propria moda a cui molte star si sono convertite. Stiamo parlando delle ‘Baby food diet’, conosciuta in Italia come ‘dieta del bebè’.

Si tratta di un regime alimentare basato sul consumo di omogenizzati. Sì, avete capito bene, proprio quelli che diamo ai neonati.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Dieta Sirt spopola tra i vip | Scelta da Adele e Pippa Middleton

Pur essendo una dieta bizzarra gli esperti dicono che permette di perdere fino a 9 chili in 6 settimane ma scopriamo qualcosa di più.

Baby food diet, la dieta bizzarra che spopola tra i vip di Hollywood

baby food diet omogenizzati tracy anderson
Tracy Anderson e Gwyneth Paltrow (Getty Images)

Arriva direttamente da Hollywood e molte star del jet set si sono convertite a questo bizzarro regime alimentare basato sugli omogenizzati che mangiano i neonati.

Il suo nome è ‘Baby food diet’ e ad inventarla è stata Tracy Anderson la personal trainer, tra le altre, di Madonna e Gwyneth Paltrow. 

SULLO STESSO ARGOMENTO: Metodo Tabata | L’allenamento per dimagrire utilizzato da Noemi

Tra le celebrities che l’hanno seguita si annoverano Reese Witherspoon, ma anche Jennifer Aniston, Lady Gaga e Cheryl Cole.

Ma in cosa consiste questa dieta che promette di perdere fino a 10 chili in breve tempo?

Innanzitutto si tratta di una dieta molto restrittiva che esclude i cibi solidi, da sostituire con gli omogenizzati per bambini. Per questo non può protrarsi per periodi troppo estesi.

Come funziona? Nell’arco della giornata si possono consumare fino a 14 omogenizzati che andranno a sostituire i pasti comuni. In questo modo terremo sotto controllo il numero di calorie. Leggi anche Diete radicali, le 4 più comuni da evitare | non seguite solo la moda

Inoltre, dal momento che ogni vasetto contiene poche calorie e pochi grassi l’assunzione degli omogenizzati permetterà di contenere i morsi della fame durante la giornata.

Carne, pesce, frutta e verdura. Tutto preparato senza additivi e grassi aggiunti. Essendo un pasto estremamente leggero gli omogenizzati sono ideali per perdere peso. Indicati anche in caso di celiachia visto che la maggior parte sono privi di glutine.

Inoltre, essendo già pronti non ci si potrà sbagliare sulle dosi. Soprattutto chi mangia fuori casa spesso è portato ad abbondare perché non decide autonomamente le quantità visto che deve affidarsi a bar o ristoranti.

Questa dieta però ha scatenato molti pareri contrastanti tra gli esperti. Tra i suoi lati positivi la ‘Baby food diet’ ha dalla sua che, se seguita alla lettera, promette risultati strabilianti, permettendo di perdere un gran numero di chili in poco tempo, avendo un apporto calorico estremamente bilanciato. Leggi anche Baby food diet, dimagrire con gli omogeneizzati funziona?

Inoltre, i prodotti sono di alta qualità visto che gli omogenizzati sono pensati per i neonati. Mangiando omogenizzati saremo sicuri di introdurre cibi biologici ed estremamente controllati.

Un altro punto a favore di questa strana dieta è che il senso di fame si riduce perché nell’arco della giornata possiamo distribuire diversi spuntini. Ogni due ore all’incirca possiamo consumare un vasetto. Esclusi i pasti principali.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Belen Rodriguez | In forma con il fluiball training – VIDEO

I detrattori della ‘Baby food diet’ invece ritengono che questa dieta possa comportare diversi rischi per l’organismo. Nonostante la qualità del cibo introdotto e le giuste proporzioni, l’apporto calorico è pur sempre troppo ridotto per un adulto.

baby food diet
Reese Witherspoon tra le seguaci della Baby diet food (Getty Images)

Inoltre, essendo una dieta-lampo non insegna a perdere peso in modo corretto. Quindi dai nutrizionisti può essere considerata diseducativa.

Ecco perché prima di iniziare un regime alimentare di questo tipo è sempre meglio chiedere il parere di un medico che saprà darci maggiori delucidazioni in merito.