Home Coppia Le 7 domande da farti prima di chiudere una storia

Le 7 domande da farti prima di chiudere una storia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:59
CONDIVIDI

Chiudere una storia è sempre una scelta difficile. Scopri quali sono le domande da porti per non sbagliare.

Scritta love con cuore strappato
Scritta love con cuore strappato – Fonte: Adobe Stock

L’amore è un sentimento estremamente complesso. Così, se quando ci si innamora ci sono dei segnali inequivocabili, le cose possono essere più difficili quando si ha il dubbio di non provare più questo prezioso sentimento. Stare insieme a qualcuno, infatti, significa fare un tuffo nella realtà e nuotare insieme in un mare fatto di momenti belli ma anche di situazioni difficili da affrontare insieme. Così, alle volte può capitare di imbattersi in onde pericolose o in quella calma piatta che fa pensare di non provare più nulla ma che a volte, a sorpresa, può tornare a muoversi riaccendendo di colpo la passione.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Non ti ama più? Scoprilo da questi segnali

Chi ha vissuto situazioni simili sa bene come queste rendano difficile comprendere a fondo ciò che si prova e, di conseguenza, muovere passi che potrebbero essere affrettati. Amare qualcuno, però, comporta una serie di emozioni e di sensazioni che è possibile rievocare semplicemente ponendosi le domande giuste. Scopriamo quindi quali sono al fine di capire come stabilire se è il caso di chiudere una storia o se è meglio darle una seconda chance.

Le domande da porsi prima di lasciare qualcuno

Donna pensierosa con uomo alle spalle – Fonte: Istock Photos

Quando si sta insieme da tanto, all’innamoramento subentra l’amore. Ad esso si aggiungono poi tutta una serie di emozioni e sentimenti importanti che in alcuni casi possono confondere le idee.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Terapia di coppia: quando può essere utile

Tra complicità, affetto, gelosie, rancori, turbamenti e tanti altri fattori che variano da persona a persona in base alle esperienze di vita, può accadere che ci siano dei periodi in cui capire cosa si prova risulti impossibili o che l’amore, a causa di un momento particolarmente negativo, finisca per mettersi in secondo piano, sparendo così dal radar del cuore. Cerchiamo quindi di capire come rintracciarlo e come è giusto indagare dentro se stessi per capire cosa si prova per il partner e qual è la scelta giusta da prendere.

Cosa provo? La prima domanda è forse la più banale ma anche la più importante. Perché se l’amore da solo non può tutto, è anche vero che senza non vale neppure la pena di interrogarsi su cosa fare. Se si ha la certezza di amare ancora il proprio partner, quindi, a meno di situazioni davvero estreme, vale la pena cercare di riprendere in mano il rapporto e di chiedersi cosa non va e quanto è possibile fare per sistemarlo. Se, invece, l’amore si è trasformato in altro, forse è proprio il caso di fermarsi e di valutare l’opzione di chiudere la storia quando si è ancora in buoni rapporti.

Sono felice? Un’altra domanda importante è da porsi relativamente al partner riguarda la felicità. Se ci si rende conto che quando si sta insieme si provano sensazioni di infelicità o comunque spiacevoli, allora la storia potrebbe essere giunta ad un punto di non ritorno. È ovvio, però, che prima di prendere una decisione basandosi su questo punto è importante considerare le dovute eccezioni. Essere infelici per cose che esulano il rapporto non vale per prendere una decisione. Al contempo, non essere felici in un momento davvero critico per entrambi non è necessariamente sinonimo di una storia che non va. A volte in coppia si passa anche attraverso le tormente ma è solo superandole che si può capire se si è sopravvissuti con più forza di prima o se si è rimasti li, in balia di forze più grandi. È bene quindi valutare ogni aspetto con estrema attenzione. Solo così si potrà prendere una decisione della quale non pentirsi in futuro.

Fine amore
Donna che guarda la foto strappata di un amore finito – Fonte: Adobe Stock

Abbiamo fatto tutto quello che potevamo? A volte una storia può incepparsi e portare a non provare più i sentimenti di un tempo. Può capitare quando uno dei due si perde per strada o quando gli eventi sono così difficili da spingere a concentrarsi più su di essi che sul rapporto a due. In questi particolari frangenti può capitare che ci si senta meno coinvolti e che si arrivi a pensare di non essere più innamorati. Quando ciò accade è necessario fermarsi e chiedersi se si è fatto tutto il possibile per riprendere le cose. Se non è così, allora vale davvero la pena provare. Perché se c’è l’amore, tutto può essere superato, anche gli ostacoli che in un primo momento sembrano insormontabili.

I problemi che ci dividono sono risolvibili? Stare insieme significa anche condividere momenti difficili e decisioni da prendere. A volte tra queste ce ne sono di così pesanti da portare le due parti della coppia a pensare di separarsi. Prima di farlo, però, può essere utile cercare di analizzarsi e capire se esiste un modo per risolvere i problemi che minacciano di separare la coppia. Se così fosse, lavorarci su insieme potrebbe essere un modo per rafforzare il rapporto e ritrovarsi più in sintonia che mai. Se, ad esempio, uno dei due è arrabbiato con il partner, lavorarci su insieme potrebbe cambiare le cose, riportando quella sintonia persa nel tempo e ridandole vita attraverso il dialogo e un buon lavoro su se stessi.

Come mi vedo senza di lui? A volte quando ci si sente arrabbiati o feriti si pensa che chiudere una storia sia la soluzione migliore. Spesso, però, ci si pente della scelta presa, scoprendo che forse si poteva ancora fare qualcosa. Un buon modo per cercare di analizzarsi prima di compiere passi affrettati è quella di provare ad immaginari ornai soli e lontani da partner. Come ci si vede senza di lui? Ci si sente più leggeri o la sua presenza è come indelebile anche nelle proprie fantasie? Aprire gli occhi su questo aspetto, a volte può essere un buon modo per capirsi e per comprendere cosa si vuole davvero.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Fallimento di una relazione: Quattro segnali premonitori individuati dalla scienza

Sono gelosa? Provare ad immaginare il proprio compagno con un’altra persona è un buon modo per capire se si prova o meno qualcosa nei suoi confronti. La gelosia è spesso un segnale d’amore che può aiutare a capire la direzione del proprio cuore. Provare fastidio o inquietudine al pensiero che dopo di noi potrebbe arrivare qualcun altro è un modo antico ma sempre efficiente per testare i propri sentimenti.

Pretendo troppo? A volte, si confonde il pretendere troppo da una relazione con la fine dei sentimenti. Prima di mettere la parola fine è quindi importante cercare di guardarsi dentro. Farlo può infatti aiutare a capire se alla base di tutto non ci sono esigenze troppo elevate. Pretendere di provare ancora le stesse emozioni dopo 10 anni di rapporto è infatti esagerato. E spesso porta a non vedere come queste si siano evolute in qualcosa di più profondo solo perché troppo intente a cercare ciò che c’era i primi tempi. Altre volte si chiede senza mai dare, finendo con il rendere il rapporto come un mare fermo. E questo quando due bracciate verso il partner potrebbero cambiare le cose per entrambi. Essere sinceri con se stessi è un buon modo per capire la portata dei propri sentimenti e a che punto è la storia sulla quale si sta decidendo.

crisi fine amore
Cuore di carta strappato – Fonte: Unsplash

Queste sette domande sono solo la base da cui partire prima di chiudere una storia d’amore. Se si è indecisi, infatti, forse non tutto è perduto e ci sono ancora diverse possibilità per poter essere felici insieme. Una tra tutte la terapia di coppia. In caso contrario, elaborare per bene le cose aiuterà ad essere più chiari e risoluti nel momento in cui si prenderà la decisione. E questo a prescindere di quale si tratti.