L’olio extra vergine d’oliva fa bene al cervello

0
2

L’olio extra vergine d’oliva è un super cibo e da oggi fa bene anche al cervello.

olio extra vergine d'oliva
olio extra vergine d’oliva e olive – Fonte: Adobe Stock

Chi si interessa di alimentazione sana e proprietà degli alimenti saprà già che l’olio extra vergine d’oliva è tra i cibi più quotati per via delle tantissime proprietà che contiene. Considerato alla stregua di un farmaco in America, anche da noi è tra gli alimenti che bisognerebbe assumere ogni giorno per mantenersi in salute.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Olio extra vergine d’oliva: come riconoscere quello di qualità

Grazie al quantitativo di grassi insaturi e alle vitamine (e non solo) che contiene, si rivela infatti un alimento perfetto per promuovere al meglio la salute e tutto rendendo ogni piatto più gustoso. Di recente, un nuovo studio ha messo in evidenza che tra le tante qualità ormai riconosciute, l’olio extra vergine d’oliva ha anche quella di far bene al cervello.

L’olio extra vergine d’oliva fa bene al cervello

Olio extra vergine di oliva
Olio extra vergine di oliva – Fonte: Pixabay

Sembra che l’olio extra vergine d’oliva sia un alimento ricco di sorprese. Recentemente sono infatti emersi nuovi dati secondo i quali consumarlo fa bene al cervello. In particolare, sembra che assumere olio extra vergine d’oliva aiuti a rallentare l’invecchiamento nel cervello, sopratutto sulle persone anziane.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Olio extra vergine d’oliva e succo di limone: elisir di lunga vita

Lo studio condotto da Cnr e pubblicato su Faseb Journal ha infatti rilevato che l’olio extra vergine d’oliva contiene un composto, l’idrossitirosolo che ha un ruolo antiossidante e protettivo sui neuroni. Sembra infatti che assumere questo composto per un mese aiuti i neuroni a conservarsi nel tempo, ripulendo le cellule nervose e riducendone l’invecchiamento.

Un effetto più che positivo che anche se nello studio è stato raggiunto attraverso l’assunzione di una quantità giornaliera che dovrebbe essere presa sotto forma di integratori, rende l’uso dell’olio extra vergine d’oliva, una scelta sempre più sana da inerire giornalmente nella propria alimentazione.

I tanti benefici dell’olio extra vergine d’oliva

olio
Olio extra vergine d’oliva e olive – Fonte: Istock photo

Prima di tutto è bene ricordare che non tutti gli oli d’oliva rientrano tra i super cibi. Perché lo siano è infatti importante partire da quelli extra e possibilmente spremuti a freddo. Ancor meglio se si opta per un olio extra vergine d’oliva di tipo biologico.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Olio extra vergine d’oliva come medicina naturale: ecco perché

Ma quali sono i benefici fino ad ora menzionati più volte? A dirla tutta sono davvero numerosi e questi sono solo alcuni tra i più importanti:

  • Fa bene al cervello
  • È un potente antiossidante
  • Stimola il sistema immunitario
  • Riduce i livelli di zuccheri nel sangue durante i pasti
  • Disinfiamma l’organismo
  • Fa bene al cuore
  • Combatte i radicali liberi
  • Aiuta a digerire
  • Abbassa la pressione
  • Ha effetti lassativi
  • Regola la produzione di insulina
  • È utile per prevenire il diabete
  • Rende la pelle più luminosa
  • Previene l’osteoporosi
  • Promuove la formazione delle ossa nei bambini
  • Abbassa i livelli di colesterolo cattivo
  • Fa bene al cuore
  • Previene alcune malattie

Ovviamente, trattandosi di una fonte di grassi è bene non abusarne ma è importante inserirlo in modo adeguato nell’alimentazione di tutti i giorni. Per far si che sia sano e resti ricco di proprietà benefiche, oltre ad essere extra vergine e spremuto a freddo deve essere usato il più possibile a crudo.
Per scegliere un olio extra vergine d’oliva di qualità si dovrebbe optare sempre per un olio con un’acidità che non superi lo 0,8%.

Olio extra vergine di oliva
Olio extra vergine di oliva – Fonte: Pixabay

Ora che sappiamo quanto l’olio extra vergine d’oliva può fare bene, inerirlo ogni giorno nella propria alimentazione sarà ancor più piacevole.