Violenza sulle Donne | Franca Leosini: “Lasciatelo al primo schiaffo!”

0
1

Franca Leosini ha parlato di violenza sulle donne nella seconda puntata di Storie Maledette e una frase ha scatenato una tempesta di critiche: ecco come si è diifesa.

Franca Leosini
Franca Leosini (Fonte: Instagram)

Franca Leosini è un’icona della televisione italiana. Conduttrice dall’enorme carisma e dall’enorme padronanza della lingua italiana, Franca è famosa per toccare con oggettività e senso critico tematiche scottanti.

La violenza sulle donne, naturalmente, è uno di questi: la Leosini si è trovata da affrontare l’argomento durante l’ultima puntata di Storie Maledette, durante la quale ha raccontato la vicenda di Sonia Bracciale. La donna è stata accusata di essere il mandante dell’omicidio del marito colpevole di ripetuta violenza domestica.

SULLO STESSO ARGOMENTO:  Coronavirus | Violenza sulle donne in aumento, una app per salvarle

Anziché riversare tutte le colpe sull’uomo violento e giustificare – almeno parzialmente – l’operato della donna, Franca Leosini ha pronunciato una frase destinata a sollevare un vero e proprio muro di proteste nei suoi confronti.

“La responsabilità ce l’ha anche lei, come tutte le donne che non mollano il marito al primo schiaffone” ha affermato la Leosini in televisione, senza forse immaginare il polverone che le sue parole avrebbero sollevato.

Con un’intervista rilasciata a La Stampa la Leosini ha deciso di chiarire il proprio punto di vista, nella speranza di mettere fine alle polemiche.

La violenza sulle donne secondo Franca Leosini: una questione di prudenza

Franca Leosini
Franca Leosini (Fonte: Instagram)

In questo momento storico la difesa dei diritti delle donne è uno degli argomenti più caldi della nostra attualità.

In linea generale, le donne vittima di violenza sono sempre e comunque di fese (com’è giusto che sia) e si tende a puntare pubblicamente il dito contro quegli uomini che approfittano del proprio vantaggio fisico o psicologico su di loro per tenerle sotto controllo.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Violenza sulle Donne | “Mascherina 1255” è il nuovo codice salvavita

Franca Leosini ha tentato invece una strada molto meno battuta e molto scivolosa dal punto di vista del gradimento del pubblico: se la violenza viene esercitata necessariamente da un individuo su un altro, la responsabilità della violenza, secondo la Leosini, a volte non è responsabilità soltanto del “carnefice”, ma talvolta anche della vittima.

Questo punto di vista non è andato giù a moltissimi telespettatori (ma principalmente telespettatrici) che hanno giudicato le parole della conduttrice come assolutamente fuori luogo.

In molti hanno accusato la Leosini di colpevolizzare le vittime invece di difenderle. Tra le voci più autorevoli che si sono sollevate contro la Leosini, quella di D.I.Re (associazione Donne In Rete) attraverso la voce della sua presidentessa Antonella Veltri.

Secondo la Veltri la conduttrice avrebbe attuato un meccanismo chiamato dagli specialisti vittimizzazione secondaria. Quando le donne vittime di violenza non vengono credute o vengo “spostate” dalla parte della vittima a quella di complici del carnefice, allora si parla di vittimizzazione secondaria.

Ancora, secondo Manuela Ulivi (presidentessa di un’associazione che si occupa di accogliere a Milano le donne vittime di violenza), la giornalista avrebbe peccato di superbia e di incompetenza, decidendo di rivolgersi a una vittima di violenza senza avere le competenze psicologiche o giuridiche necessarie a farlo in maniera costruttiva. “Neppure quando vengono ammazzate si smette di giudicarle” ha commentato amaramente la Ulivi.

Twitter ha raccolto anche i moltissimi commenti di donne comuni che hanno voluto portare la propria testimonianza di donne vittime di violenza, criticando Franca Leosini per la superficialità con cui ha affermato che si debba “lasciare gli uomini violenti al primo schiaffone”. Molte utenti di Twitter hanno sottolineato che spezzare il legame con gli uomini abusanti è difficile e può richiedere molto tempo.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Violenza sulle Donne | Il femminicidio ha le chiavi di casa: 88 al giorno

Nella sua intervista a La Stampa Franca Leosini ha spiegato che l’intento delle sue parole è stato completamente travisato. Il suo obiettivo non era certo quello di colpevolizzare le donne, quanto piuttosto di invitarle ad essere prudenti: “È sbagliato prendere alla lettera un’affermazione che è figurativa e dove non c’è un giudizio ma un consiglio che mi sembra di minima prudenza” ha affermato la Leosini.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Una lettrice e il suo gatto (@eleonora_e_castore) in data:

“A me dispiace essere fraintesa. […] Ci mancherebbe che una donna fosse responsabile di una violenza subita” ha continuato la presentatrice, affermando anche che le sue battaglie a favore dei diritti delle donne avrebbero dovuto metterla a riparo da certe critiche.