Dieta e movimento | Come tornare in forma dopo il lockdown

0
3

La quarantena ha messo a dura prova il nostro organismo, non solo dal punto di vista mentale ma anche fisico. Ecco alcuni consigli su dieta e movimento per tornare in forma dopo il lockdown. 

dieta movimento tornare in forma dopo lockdown
Adobe Stock

L’estate è alle porte e la quarantena ha messo a dura prova il nostro organismo. La reclusione forzata, oltre ad aver gravato dal punto di vista mentale, ha contribuito anche a farci aggiungere altri chili sulla bilancia.

Come tornare allora in forma dopo il lockdown? Sicuramente curando dieta e movimento. Mesi di inattività forzata, dovuti all’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus, hanno pesato nella vita di ciascuno di noi.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Tenersi in forma in quarantena | Come arrivare all’estate al top

Tranne una piccola percentuale di virtuosi, che in quarantena hanno continuato a svolgere regolarmente attività fisica, la maggior parte delle persone si è ritrovata con più grasso e meno muscoli.

Tornare in forma dopo il lockdown curando dieta e movimento

dieta movimento tornare in forma dopo lockdown
Adobe Stock

Il lockdown ha messo a dura prova il nostro fisico. Nella migliore delle ipotesi ci ha fatto mantenere il nostro peso, trasformando però i muscoli in grasso. Come ce ne accorgiamo? Semplicemente dai pantaloni. Se la bilancia è rimasta uguale ma i calzoni, che fino a un paio di mesi fa ci stavano a pennello, ora sono stretti significa che è andata così.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Dieta One One One | perdi fino a 5 kg mantenendo le proporzioni

Nella peggiore delle ipotesi, invece, oltre a perdere i muscoli, anche il peso sulla bilancia è salito. In questo caso significa che siamo ingrassati. Come rimediare allora a questa situazione?

Prima di tutto ritornando a fare movimento. Passeggiate, bicicletta, jogging. Insomma tutto quello che contribuirà alla causa andrà sfruttato. Spostarsi il più possibile a piedi, evitando la macchina sarà sicuramente di aiuto.

Inoltre, approfittare anche di piccole pause al lavoro per muoversi sarà utile. Come riportano anche le linee di indirizzo nazionali sull’attività fisica è necessario interrompere frequentemente i periodi nei quali si sta in posizione seduta o reclinata.

Ogni 30 minuti, con periodi anche brevi di 2 o 3 minuti di attività come brevi camminate, piegamenti sulle gambe, alternanza della posizione seduta con quella in piedi.

Sempre secondo queste indicazioni cerchiamo di dedicare almeno 150 minuti a settimana ad un’attività fisica aerobica d’intensità moderata. Andranno bene sia una corsa che un giro in bicicletta. In alternativa possiamo dedicare solo 75 minuti ma di un’attività più vigorosa.

Inoltre, è importante svolgere almeno un paio di allenamenti a settimana dedicati al rafforzamento dei maggiori gruppi muscolari, sia allenandosi a corpo libero che con i pesi.

Per quanto riguarda la dieta, invece, non dobbiamo cercare nulla di troppo particolare. Basterà attenersi alle linee guida che ci insegnano a mangiare in maniera corretta partendo da ciò che è più utile mangiare.

Innanzitutto frutta e verdura dovranno essere presenti in gran quantità cercando di consumarne 5 porzioni al giorno. A pranzo e cena dovremo mettere a tavola tanti ortaggi differenti, sia crudi che cotti. La frutta, invece, potremo giocarcela anche come snack durante la giornata da alternare con quella secca, per spezzare la fame. I cereali, meglio se integrali, saranno un valido alleato perché ci permettono di assumere molte energie e fibra aumentando il senso di sazietà. Inoltre, migliorano la digestione e abbinandoli allo yogurt avremo una perfetta colazione.

Anche i legumi possiamo consumarli tutti i giorni, essendo un ibrido tra un primo e un secondo piatto. Mentre carne, pesce, uova e formaggi andranno alternati nell’arco della settimana, essendo prodotti di origine animale.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Come riprendere con l’attività fisica dopo la pausa invernale

Lasciamo poi alle occasioni una tantum i cibi considerati meno utili come dolci, snack confezionati, bibite zuccherate e alcolici.

dieta e movimento tornare in forma dopo lockdown
Adobe Stock

E infine, diamo importanza all’acqua. Beviamone almeno un paio di litri al giorno, soprattutto ora che arriva il caldo.

Ripartendo da poche e semplici, ma sane abitudini, riusciremo a tornare in forma dopo il lungo lockdown.

(fonte: Medical facts di Roberto Burioni)