Home Attualità Femmina di elefante incinta | Uccisa da un ananas piena di petardi

Femmina di elefante incinta | Uccisa da un ananas piena di petardi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:36
CONDIVIDI

Uccisa mentre mangia un ananas piena di petardi. È successo in India a una femmina di elefante incinta. Aveva bocca e lingua distrutte dall’esplosione.

Arriva dall’India una triste e orribile vicenda che riguarda la morte violenta di uno splendido esemplare femmina di elefante. Il pachiderma, oltretutto in dolce attesa, è rimasto ucciso dopo aver mangiato un ananas pieno di petardi.

L’elefantessa aveva 15 anni e fra 18 mesi avrebbe partorito il suo cucciolo, ma non ce l’ha fatta. Le ferite e le gravi ustioni le avevano distrutto la lingua e la bocca.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Sono morte le 86 tigri sequestrate nel famoso Tempio thailandese

L’animale ha cercato di lenire il dolore immergendo la testa nel fiume locale Velliyar, dove è stata ritrovata, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Elefante incinta mangia un ananas piena di petardi e muore

elefante incinta ananas uccisa
Elefante incinta uccisa (Foto Twitter @@ForestKerala)

Una vicenda che ha dell’irreale ma che purtroppo è accaduta nella regione meridionale del Kerala in India. Un’elefantessa di 15 anni incinta è morta dopo aver ingerito un ananas piena di petardi. Per questo motivo sono già partite le indagini da parte delle guardie forestali.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Turismo responsabile: gli orrori nascosti dietro al turismo faunistico

L’animale è stato ritrovato dai ranger, dopo alcune segnalazioni dei residenti, che l’avevano vista vagare in condizioni disperate.

I petardi avevano provocato profonde lesioni nella bocca e sulla lingua dell’animale che a tal proposito aveva cercato refrigerio nel fiume Velliyar.

Quando le guardie l’hanno ritrovata, l’elefantessa era immersa in acqua proprio per cercare di lenire il dolore. I ranger hanno provato a tirarla fuori per prestarle soccorso portando anche due elefanti in cattività in modo da aiutarla ad uscire dal fiume. Ma purtroppo non c’è stato nulla da fare. L’animale è morto.

Resta ora da capire se l’elefantessa sia stata vittima di un gesto intenzionale o se abbia mangiato la trappola utilizzata dai bracconieri per catturare i cinghiali.

Non è infatti raro che nelle zone rurali gli agricoltori ricorrano a tali metodi fin troppo drastici per allontanare i pachidermi che vagando alla ricerca di cibo portano danni a fattorie e coltivazioni.

“Aveva la bocca e la lingua distrutte dall’esplosione, sono sicuro che fosse più preoccupata per la salute del figlio che portava in grembo che per la sua stessa” ha scritto su Facebook Mohan Krishnan, la guardia forestale che era presente alla morte dell’elefante.

“Non ha fatto del male a nessun essere umano nemmeno quando cercava il cibo e quando è rimasta ferita”, ha proseguito Mohan.

E nel profilo Twitter del Dipartimento forestale del Kerala si legge: “La Costituzione indiana dice che è dovere di ogni cittadino indiano avere compassione per le creature viventi. L’elefante incinta è rimasta uccisa in un conflitto umano-fauna selvatica. L’azione è già stata avviata. Che fine hanno fatto i nostri doveri e la nostra umanità?“.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Coronavirus | Direttrice Zoo: “Senza fondi uccideremo gli animali”

elefante incinta ananas uccisa
Foto Twitter (@AbhijeetKashyap)

Una vicenda dai tratti atroci che ha commosso milioni di persone in tutto il mondo suscitando la creatività di molti artisti che hanno voluto rendere omaggio alla povera elefantessa incinta. 

In rete appaiono numerosi disegni, illustrazioni e vignette per ricordare la triste storia. Da un lato per esprimere l’indignazione e dall’altro per testimoniare la vicinanza all’elefantessa in procinto di partorire.