Home Salute e Benessere Allerta alimentare | Ritirato pesce spada congelato

Allerta alimentare | Ritirato pesce spada congelato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:12
CONDIVIDI

Un nuovo richiamo alimentare ha coinvolto il pesce fresco e, nello specifico, il pesce spada.

pesce spada
Pesce spada congelato – Fonte: Adobe Stock

Il nostro benessere passa in modo particolare da ciò che mangiamo. Per questo motivo è fondamentale restare sempre aggiornati sui pericoli dei cibi che vengono confezionati giornalmente in Italia o che giungono dall’estero. Le allerte alimentari si pongono in questo caso come un punto di riferimento in grado di offrire uno sguardo su ciò che può essere nocivo per la salute e che per tanto non dovrebbe essere consumato.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Allerta alimentare: Ritirato formaggio per rischio microbiologico

In questi giorni, un’importante allerta è giunta dal RASFF, il sistema di allerta europeo che ha emanato una notifica importante riguardo il pesce spada congelato.

Allerta per pesce spada congelato contenente mercurio

Banco pesce congelato
Banco pesci congelati – Fonte: Adobe Stock

La circolare in questione, emessa dal RASFF è stata emessa il 2 Giugno per segnalare delle anomalie riscontrate nel pesce spada congelato e proveniente dalla Spagna. Sembra infatti che il pesce contenesse dosi elevate di mercurio, motivo per cui è stato bloccato.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Allerta alimentare: Zuppe di diversi marchi ritirate dal mercato

Di conseguenza dovrebbe essere improbabile trovarlo in commercio. Per sicurezza, però, è sempre bene controllare la provenienza del pesce spada se si intende acquistarlo nei prossimi giorni,

La notifica emanata dal RASFF è la 2020.2255 e riguarda la presenza di quantità elevate di mercurio nel pesce spada congelato in arrivo dalla Spagna e che pertanto è stato bloccato alla frontiera. Il pesce in questione era destinato all’Italia e all’Austria. Il rischio è stato classificato come grave.

Negli ultimi giorni sono state diverse le notifiche riguardanti le allerte alimentari.
Tra queste ne ricordiamo in particolare due:
L’allerta per i cereali da prima colazione, ritirati per un errore presente nell’etichetta dove non veniva menzionata la presenza di cioccolato e, di conseguenza della lecitina di soia. Un problema sorto per un imballaggio sbagliato dove la versione con cioccolato è stata inserita in quella classica che di solito ne è priva.
C’è stata poi quella ha riguardato la crescia sfogliata de Il Viaggiator Goloso, ritirata per presenza di soia non dichiarata.

recall
Cartello recall – Fonte: Adobe Stock

Due alimenti ritirati quindi non tanto per la presenza di sostanze nocive quanto per errori nel confezionamento ma che possono risultare pericolosi per chi è allergico alla soia.
Prestare attenzione alle allerte alimentari è sicuramente un buon modo per aver sempre un quadro preciso degli alimenti ritirati. Cosa che consente di poter far spesa e mangiare con più sicurezza e, di conseguenza, con maggior serenità.