L’ex compagna di George Floyd vuole giustizia | “Per me e mia figlia”

Parla per la prima volta l’ex compagna di George Floyd, morto otto giorni fa a Minneapolis dopo un arresto. “L’hanno strappato a nostra figlia”


L’ex compagna di George Floyd, ucciso una settimana fa a Minneapolis dopo essere stato fermato dalla polizia, parla per la prima volta e chiede giustizia. Roxie Washington è anche mamma di Gianna, che oggi ha sei anni. La seconda figlia dell’uomo, che da una precedente relazione ne aveva un’altra di 22 anni. Si è sempre occupato di entrambe, ma per la piccola ha sempre avuto un affetto particolare anche se ora vivevano separati.

SULLO STESSO ARGOMENTO:  Minnesota | Si allarga negli Stati Uniti la protesta per George Floyd

Roxie l’ha detto chiaramente in una conferenza stampa improvvisata: “Voglio che sia fatta giustizia,  George era un uomo buono. E poi lo hanno strappato alla nostra piccola.

I poliziotti torneranno a casa dalle loro famiglie, invece Gianna non ha più un padre e lui non la vedrà mai crescere”. Insieme alla donna e alla figlia c’era anche Stephen Jackson, noto ex giocatore di basket e molto amico di Floyd. Entrambi hanno ricordato quanto fosse generoso e affettuoso George, ora toccherà all’inchiesta fare luce sulla vicenda che sta infiammando gli Stati Uniti.

(Getty Images