Home Attualità Il calore uccide il coronavirus? Lo studio che ha tentato di fare...

Il calore uccide il coronavirus? Lo studio che ha tentato di fare chiarezza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:36
CONDIVIDI

Esiste una correlazione tra l’aumento delle temperature e il miglioramento della situazione epidemica? Risposta con uno studio trasmesso dal quotidiano Le Monde.

caldo, termometro
Photo Adobe Stock

Dalla diffusione del coronavirus nella maggior parte dei paesi del mondo, i ricercatori stanno conducendo una vera corsa contro il tempo per trovare un vaccino o un farmaco efficace contro il virus Covid-19. Anche se negli ultimi mesi sono stati condotti molti studi, molte domande persistono ad oggi. Man mano che appaiono i giorni di sole, la crisi sanitaria sembra attenuarsi in alcuni paesi. E’ davvero così?

SULLO STESSO ARGOMENTO: Covid-19 | il virologo Tarro | col caldo tutto tornerà alla normalità

L’arrivo dell’estate riduce il rischio di trasmissione del coronavirus?

coronavirus febbre
Photo Adobe Stock

Partendo dalla città di Wuhan in Cina, il Sars-CoV-2 attaccò il mondo in modo brusco e inaspettato. Da allora, gli scienziati si sono mobilitati per rilevare le caratteristiche di questo nuovo virus. Il suo modo di trasmissione, la sua durata su varie superfici o anche le sue conseguenze sul corpo umano, sono oggi noti a tutti.

Inoltre, il contenimento imposto a molti paesi ha permesso di rallentare la diffusione del virus e di ridurre gli effetti di questa crisi sanitaria. Eppure molti dubbi ancora non sono stati chiariti. Per esempio l’aumento delle temperature ha un impatto sul coronavirus?  Uno studio ha cercato di fare chiarezza su questo argomento.

Il calore e l’umidità possono svolgere un ruolo significativo per la salute di un paese, secondo uno studio diffuso dal governo degli Stati Uniti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Coronavirus | Come il COVID-19 reagisce ai cambiamenti climatici

In un tweet pubblicato da Donald Trump a Febbraio, il presidente ha affermato che il caldo potrebbe sbarazzarsi del coronavirus. Dopo aver discusso della possibilità con il presidente cinese Xi Jinping, il presidente degli Stati Uniti ha affermato che “il clima si sta riscaldando, il che potrebbe indebolirsi e quindi spazzare via il virus”. Secondo i risultati di uno studio presentato a Washington lo scorso giovedì 23 aprile, le temperature influenzerebbero la diffusione del virus. “La nostra osservazione più sorprendente finora è il potente effetto che la luce solare sembra avere sull’uccisione del virus, sia sulle superfici che nell’aria”, ha affermato Bill Bryan, alto funzionario del dipartimento di sicurezza. interno.

Inoltre, l’uomo ha fornito dettagli sui “punti deboli” nella catena di trasmissione del virus: “Abbiamo scoperto che il calore e l’umidità, la luce solare e i raggi UV erano gli elementi deboli in questa catena “, ha detto. Secondo lo studio, l’emivita del virus, che rappresenta il tempo necessario per dimezzare la sua potenza, è di 18 ore, con una temperatura di 21-24 gradi Celsius e umidità del 20% su una superficie senza pori. Ma quando l’umidità raggiunge l’80%, questa emivita si riduce a sei ore.

Se aggiungi la luce solare a questa atmosfera, l’emivita del virus si riduce a due minuti. All’aria aperta, l’emivita del coronavirus è di un’ora quando la temperatura è compresa tra 21 e 24 gradi Celsius con un’umidità del 20%. Quando aggiungi la luce del giorno a questa stessa equazione, l’emivita del virus si riduce a un minuto e mezzo.

Seppure questi dati siano promettenti, resta il fatto che si consiglia cautela. Gli studi non sono definitivi ma in continua evoluzione, è pertanto necessario continuare a rispettare le misure di sicurezza, in particolare il distanziamento sociale e l’uso di una maschera.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Coronavirus | I tatuaggi del 2020 sono un vero racconto della pandemia

L’impatto del calore su questa epidemia

Anche secondo la National Academy of Medicine, che fa riferimento a uno studio condotto da ricercatori cinesi, l’aumento delle temperature ridurrebbe la virulenza di Sars-CoV-2. In una dichiarazione pubblica, l’Accademia ha fornito prove del fatto che l’indice di diffusione del virus, noto anche come RO, è influenzato dal clima di un paese. Attraverso un confronto tra la situazione epidemica nelle zone intertropicali e nei paesi europei, l’Accademia ha affermato che “l’indice di diffusione, di 2,67 in Europa per una media di 11,2 gradi Celsius, cala 0,03 nell’Africa sub-sahariana dove la temperatura media è di 34,8 gradi Celsius ”.

Quindi, sembra che come molti virus respiratori, Sars-CoV-2 sia in grado di resistere più a lungo su diverse superfici quando le temperature sono basse. Tuttavia, il medico di emergenza Gérald Kierzek ha esortato a non approfittare di queste nuove informazioni per rilassarsi durante l’estate. “Se ci rilassiamo solo perché il tempo è bello, tutti i nostri sforzi verranno vanificati e l’epidemia potrebbe ricominciare non appena le temperature scenderanno.” Pertanto, l’Accademia raccomanda di non “trascurare il rischio di una rinascita epidemica di Covid-19, specialmente se la circolazione di Sars-CoV-2 persiste nell’emisfero meridionale durante l’estate”.

coronavirus luoghi dove ci si ammala di più
Foto Adobe Stock

Il piano di sorveglianza, prevenzione e risposta dovrebbe essere previsto da settembre per prevenire questo rischio.