Riso | Quanto mangiarne per dimagrire

Il riso è un alimento molto apprezzato sia per il gusto che per le tante proprietà. Scopri le quantità in cui mangiarlo per perdere peso.

Donna con ciotola di riso
Donna che tiene ciotola di riso – Fonte: Adobe Stock

Quando si parla di primi piatti, il riso è sicuramente uno dei protagonisti incontrastati. Il suo sapore, le tante qualità e le infinite preparazioni che si possono realizzare lo rendono infatti una valida alternativa alla pasta che spesso viene scelto anche perché adatto a tutti. Perfetto per i celiaci e solitamente gradito dai bambini, viene spesso impiegato per preparazioni semplici e per piatti importanti. Basti pensare a quanti lo scelgono come primo piatto per i matrimoni, optando per il gusto sempre vincente del risotto.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Come usare il cuociriso: Per sushi e altre preparazioni

Con l’arrivo dell’estate, poi, il riso diventa anche protagonista assoluto delle insalate di riso e basta pensare al tanto amato sushi per ricordare come sempre il riso ne sia praticamente la base fondamentale e irrinunciabile per sapori diversi e più che graditi. Insomma, trovare qualcuno che non ami il riso è davvero difficile ma, trattandosi di un carboidrato, non va dimenticato che per molti si tratta anche di un alimento che può fare ingrassare.

Ebbene, la buona notizia è che il riso, mangiato nelle giuste quantità e accompagnato agli ingredienti giusti può essere un alimento perfetto da consumare anche quando si è a dieta.
Non per niente, una delle diete più gettonate è proprio la dieta del riso.

Riso, come e quanto mangiarne per perdere peso

riso basmati
Riso basmati – Fonte: iStock photo

Il riso è un alimento chiave dell’alimentazione nonché un cibo ricco di proprietà nutrienti. Lo si può trovare di diverse qualità, ognuna con caratteristiche particolari e adatte a preparazioni di tipo diverso. Come per tutti i cereali, vige la regola che le varietà integrali siano generalmente da preferire a quelle più raffinate e questo perché nell’integrale c’è più fibra che, oltre a far bene all’intestino, rallenta gli zuccheri nel sangue, evitando i picchi di glicemia.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Lavare il riso prima di cuocerlo. Quando è consigliato e perché farlo

Il riso (specie se bianco), infatti, rientra tra gli alimenti ad alto indice glicemico e che quindi come ogni carboidrato che non sia derivante da verdure o legumi, è da consumare con moderazione e all’interno di un’alimentazione sana e bilanciata.
A seconda della qualità del riso, calorie e valori nutrizionali tendono a cambiare.

Di norma, però ci si aggira intorno alle 350 calorie per 100 grammi che sono quasi sempre privi di grassi. A restare alto è invece l’indice glicemico che è di meno nel riso nero (come ad esempio il riso Venere) e che aumenta nel riso bianco sia che si tratti di riso bianco originario (quello adatto al preparazioni come il sushi) o basmati (molto usato nei piatti indiani).

Per quanto riguarda vitamine e minerali, invece, queste tendono a svanire con i processi di raffinazione. Pertanto sono presenti nel riso integrale ma in minime quantità in quelli bianchi.
Ma andiamo ora al consumo del riso e a come è possibile inserirlo all’interno di un’alimentazione sana e che aiuti anche a perdere peso.

Due varietà di riso – Fonte: iStock photo

Posto che ognuno di noi ha risposte diverse ai vari alimenti e che quando si ha in mente di perdere diversi chili la mossa giusta da fare è quella di rivolgersi ad un nutrizionista, il riso può essere consumato anche quando si cerca di smaltire qualche chilo di troppo. Ciò che conta è prediligere quello integrale o, se non si può, mangiarlo nelle giuste quantità che si aggirano intorno ai 60 grammi.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Come cuocere il riso alla giapponese: Per sushi e altre preparazioni

Inoltre è molto importante far si che ad ogni pasto comprendente il riso siano presenti anche la giusta quantità di proteine e di grassi buoni. Mangiando in modo bilanciato, infatti, si riducono i picchi di glicemia, evitando che si metta in moto troppa insulina, cosa che rallenterebbe la perdita di peso.
No quindi al riso scondito per dimagrire. La scelta giusta è quello di mangiarlo insieme a proteine e grassi buoni. Qualche esempio?

  • Riso al pomodoro condito con olio extra vergine d’oliva e seguito da un secondo piatto
  • Riso basmati (scopri come cuocerlo nel modo perfetto) con pollo in agrodolce, da addolcire con dolcificante
  • Riso cotto alla giapponese, da servire su una ciotola con pesce e verdure grigliati

Ciò che conta è non commettere l’errore comune di limitarsi ad un piatto di riso con verdure e privo quindi degli altri macro nutrienti. Oltre ad aver fame poco dopo per via dell’innalzamento della glicemia si correrà infatti il rischio di limitare la perdita di peso o, addirittura di prenderne.

scaldare riso
Ciotola di riso fumante – Fonte: iStock photo

Mangiare in modo sano e bilanciato è il miglior modo per mantenersi sani e in forma e per non avvertire costantemente il senso di fame. Un obiettivo che si può tranquillamente raggiungere anche con il riso, purché sia mangiato nelle giuste quantità e con alimenti idonei ad accompagnarlo.