Home Gossip Mara Venier | La RAI corre ai ripari dopo il suo addio...

Mara Venier | La RAI corre ai ripari dopo il suo addio a Domenica In

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:47
CONDIVIDI

Mara Venier ha detto stop: con Domenica In ferma la RAI ha dovuto inventare soluzioni creative. Ecco cosa vedremo su Raiuno.

Mara Venier
Mara Venier (Fonte: Instagram)

Mara Venier ha superato le aspettative RAI conducendo la sua Domenica In in “versione Covid”. Gli ascolti hanno premiato la Venier, rimasta saldamente al timone dl programma anche se ha dovuto adattarsi a molti cambiamenti, tutti resi necessari dalla situazione di emergenza sanitaria che l’Italia ha dovuto attraversare.

SULLO STESSO ARGOMENTO:  Mattino 5 | Federica Panicucci è appena tornata e presto andrà via

Le alte sfere RAI, per la precisione il direttore generale dell’azienda e il direttore di Raiuno, avevano addirittura chiesto alla Venier di prolungare il suo impegno alla conduzione di un altro mese.

La Venier aveva inizialmente accettato l’impegno ma poi, forse a causa del carico di stress che è seguito all’intervista con Pamela Prati (criticatissima dal web e snobbata dai telespettatori), Zia Mara ha radicalmente cambiato idea.

Dopo un ennesimo cambiamento di programma (nel senso letterale del termine) Raiuno è tornata alle prese con il suo palinsesto per trovare il modo di riempire la Domenica Pomeriggio.

Il pomeriggio domenicale RAI fa a meno di Mara Venier e Domenica IN

Mara Venier a Domenica In
Venier (Screen)

L’ultima puntata in diretta di Domenica In andrà in onda il 14 Giugno, quindi Mara rimarrà al timone della sua trasmissione per due settimane in più rispetto al progetto iniziale, che prevedeva la fine della trasmissione al termine di Maggio.

Il motivo dell’abbandono di Mara è stato chiarito sui social dalla stessa presentatrice, la quale non è riuscita a sopportare il carico lavorativo ed emotivo della conduzione “a studi vuoti”.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Coronavirus | Maria De Filippi non si ferma: aperti i casting di Amici 20

Senza pubblico, con pochissimi ospiti in studio (la prima è stata Pamela Prati) e con le difficoltà tecniche legate ai collegamenti in video con i vari ospiti, Mara è stata schiacciata dalla responsabilità di mandare avanti al trasmissione praticamente da sola.

A renderle le cose più difficili anche gli scontri con gli ospiti in collegamento che, purtroppo, non sono mancati. La Venier infatti ha dovuto tenere a bada Albano, che ha protestato violentemente contro la scelta di Mara di tirare di nuovo in ballo i suoi rapporti con Romina Power, che ha trascorso gran parte della quarantena a Cellino San Marco e rimarrà lì fino a che i voli internazionali non torneranno a funzionare normalmente.

La Venier è riuscita a gestire la bagarre con Albano e a prendersi una piccola rivincita via social, ma probabilmente avrebbe fatto volentieri a meno di un’altra fonte di stress.

“Sono stanca” aveva dichiarato qualche giorno fa e, chi conosce le sue vicende personali, non ha potuto fare a meno di tornare con il pensiero alle sue dichiarazioni in merito alla difficoltà di andare in onda mentre era estremamente preoccupata per la salute di suo marito.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Coronavirus | Mara Venier preoccupata per suo marito: “Soggetto a rischio”

Per tutte queste motivazioni, la RAI farà a meno di Mara e manderà in onda un classico “il meglio di” con i momenti salienti dell’ultima stagione di Domenica In. Teoricamente “il meglio di” potrebbe essere trasmesso per circa un mese, dalle 14:00 alle 15:30.

A seguire si parla di un ritorno di Amadeus sul piccolo schermo, (prima del prossimo Sanremo) con le repliche di Ora o Mai Più, programma trasmesso all’inizio del 2019. Dopo Amadeus la RAI dovrà continuare a pescare materiale dagli archivi nel tentativo di rendere la propria programmazione appetibile per gli italiani.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mara Venier (@mara_venier) in data:

Le problematiche logistiche legate alla realizzazioni di trasmissioni televisive con il mantenimento di distanze e misure di sicurezza rimangono importanti. Soltanto negli scorsi giorni, inoltre, si è arrivati alla definizione di un protocollo di sicurezza per la televisione che sarà applicato da tutte le emittenti per evitare la diffusione del contagio all’interno degli studi.