Home Attualità Coronavirus | Diciottenne salvato con trapianto di polmoni

Coronavirus | Diciottenne salvato con trapianto di polmoni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:51
CONDIVIDI

Il Coronavirus aveva compromesso l’uso dei polmoni di un diciottenne. Grazie a un trapianto record eseguito al Policlinico di Milano il ragazzo è salvo. Si tratta del primo intervento di questo genere in Europa. 

Il Coronavirus lo aveva colpito in forma gravissima, nonostante i suoi 18 anni, bruciandogli entrambi i polmoni e rendendolo incapace di respirare nel giro di pochi giorni.

Il giovane milanese era sano e senza patologie pregresse, eppure il Covid-19 con lui non ha scherzato. Tanto da finire in tempi record in terapia intensiva e poi intubato.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Coronavirus | Svezia tasso di mortalità più alto al mondo

Dopo oltre due mesi è arrivato il trapianto ai polmoni grazie a un donatore anonimo e soprattutto negativo al virus. Si tratta di un intervento mai effettuato in Europa, ma già provato in Cina, da cui i medici del Policlinico milanese hanno preso spunto.

Con un trapianto ai polmoni salvato diciottenne affetto da Coronavirus

trapianto polmoni coronavirus
Adobe Stock

Salvato grazie a un trapianto ai polmoni un giovane diciottenne milanese finito nel giro di pochi giorni in rianimazione a causa del Coronavirus.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Coronavirus | Luigi racconta è vivere con un casco-respiratorio

Il 2 marzo accusa i primi sintomi con una febbre alta, 4 giorni dopo lo ricoverano in terapia intensiva al San Raffaele di Milano. Due giorni dopo finisce intubato e attaccato a un respiratore ma le sue condizioni non migliorano tanto che il 23 marzo lo collegano alla Ecmo in coma farmacologico.

Si tratta di una macchina per la circolazione extracorporea e che ossigena il sangue, processo che da solo il paziente non riesce più a svolgere.

Una situazione disperata in cui il ragazzo lotta tra la vita e la morte. I polmoni del giovane sono ormai compromessi in modo irrimediabile. Ed ha solo 18 anni.

Ecco perché man mano fra i medici si inizia a far largo l’idea del trapianto. Un intervento mai eseguito in Europa, da cui poter provare a prendere spunto solo dalla Cina che già lo aveva tentato.

Un record europeo, quello detenuto dal Policlinico milanese, da condividere in parte con l’Austria, perché negli stessi giorni a Vienna hanno realizzato un intervento analogo.

I medici del San Raffaele contattano allora quelli del Policlinico per tentare la strada del trapianto. Il 30 aprile il diciottenne entra in lista d’attesa e dopo solo due settimane arriva la chiamata. Un donatore compatibile e negativo al Covid-19.

Il 18 maggio il diciottenne è operato dai medici della Chirurgia toracica e trapianti di polmone del Policlinico di Milano diretta da Mario Nosotti con il coordinamento del Centro nazionale trapianti e il Centro regionale trapianti della Lombardia e il Nord Italia transplant program.

Il ragazzo dal San Raffaele è trasportato al Policlinico nella sala allestita ad hoc per gli interventi Covid.

Già un trapianto è delicato ma farlo in condizioni estreme con tutto il personale medico protetto dai dispositivi di protezione contro il Coronavirus lo è ancora di più.

Ad esempio l’uso di caschi ventilati rendono difficili i movimenti affaticando la respirazione. Ecco perché avevano programmato anche un cambio di equipe chirurgica, così da far riprendere fiato all’altra.

“Un intervento molto complesso” a detta di Nosotti, direttore della Scuola di specializzazione in Chirurgia toracica dell’Università Statale di Milano. In un’intervista al Corriere della Sera l’esperto ha spiegato come “i polmoni apparissero lignei, pesanti e in alcune aree del tutto distrutti. All’esame microscopico confermato un diffuso danno degli alveoli polmonari, impossibilitati a svolgere le proprie funzioni”.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Coronavirus | Scoperto il vaccino che funziona sulle cellule umane

Dopo 12 ore di intervento i medici hanno scollegato il ragazzo dalla circolazione extracorporea. “Una cosa non del tutto comune considerando che era collegato alla Ecmo da due mesi”, ha concluso Nosotti.

trapianto polmoni coronavirus
Adobe Stock

Ad oggi il paziente è ancora ricoverato ma segue la fisioterapia e lentamente stanno cercando di farlo respirare senza ventilatore. Trattato con il plasma iperimmune, il ragazzo è un pioniere sotto diversi punti di vista.

La strada è ancora lunga, anche perché riprendersi dopo 58 giorni bloccato a letto e oltre due mesi di terapia intensiva non è così semplice, neanche per un diciottenne.

(fonte: Corriere.it)