Home Gossip Syria | Il crollo emotivo su Instagram: “Non posso tornare dai miei”

Syria | Il crollo emotivo su Instagram: “Non posso tornare dai miei”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:59
CONDIVIDI

Syria vive da anni a Milano, lontana dalla sua Roma e dalla sua famiglia. La cantante sta combattendo giorno dopo giorno con una quarantena apparentemente interminabile.

Syria coronavirus
Syria (Fonte: Instagram)

Appena un giorno prima Syria postava una fotografia in costume da bagno e mascherina per invitare le persone a essere ancora prudenti e di lavare e disinfettare le mani il più spesso possibile.

SULLO STESSO ARGOMENTO:  Lavare le mani | Ministero della Salute insegna come farlo correttamente

La cantante, che ha vissuto l’intera quarantena nella regione italiana in assoluto più provata dalla Pandemia, sta avendo però dei momenti di cedimento.

Privata dei suoi impegni lavorativi e attanagliata dalla paura di essere positiva anche se asintomatica, Syria ha interrotto ogni contatto personale dalla fine di Febbraio e naturalmente non lascia la Lombardia dall’inizio della quarantena.

Il lungo periodo di lontananza dai suoi affetti e naturalmente dalla sua famiglia, la sta però mettendo a dura prova e il colpo di grazia è arrivato ieri, quando la cantante ha appreso che non le sarà possibile tornare a Roma nemmeno alla fine della Fase Due.

Syria e il crollo su Instagram alla fine della quarantena: “Oggi sto male”

Syria
Syria (Fonte: Instagram)

Non è un’esibizionista, Syria, e non è nemmeno di quelle persone che condividono ogni momento sui social. Al contrario, Syria è una ragazza estremamente discreta che cerca di comunicare con i propri follower soltanto momenti e sensazioni positive.

Proprio per questo motivo le prime parole del suo lungo sfogo su Instagram sono parole di spiegazione: “Questo autoscatto non è per esibizionismo, ma per condividere uno stato.d’animo” scrive accanto a una foto in cui la si vede piangere sul letto, gli occhi coperti dal braccio.

“Probabilmente dal 3 Giugno chi vorrà raggiungere i propri parenti nel Lazio non potrà” ha aggiunto la cantante, lasciando intendere che fosse proprio quello il motivo del suo abbattimento.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Fase 2 | Muoversi fra regioni, quando e come sarà possibile farlo in Italia

“Non vedo i miei da tempo e il tempo passa, devo resistere e sono un po’ triste” ha continuato Syria che, però, sembra perfettamente consapevole che si tratta di sacrifici da fare per il bene della comunità.

La cantante ha anche spiegato che si è sottoposta a test sierologicoche è risultato negativo, ma che comunque ha una validità temporale molto ridotta. Infatti, secondo la prassi da rispettare in Lombardia, è necessario ripetere il test ogni settimana per poter certificare il proprio stato di salute e poter riprendere i contatti personali.

Pensando che molti avrebbero potuto considerare il suo come un capriccio o uno sfogo senza importanza, Syria ha chiuso il suo post con un messaggio di scuse, spiegando che molto probabilmente ci sono persone con problemi più gravi dei suoi, ma che tutti hanno dei sentimenti e in questo momento i suoi non sono affatto positivi.

A dare sostegno alla cantante sono comunque arrivati centinaia di commenti da parte di follower e di amici famosi. A scriverle sono stati, tra gli altri, Eva Grimaldi, Marco Carta e Laura Pausini.

Eva Grimaldi ha ricordato a Syria i sacrifici e i momenti di difficoltà affrontati dalle generazioni precedenti alla nostra, mentre Marco Carta ha spiegato a Syria i lati positivi di aver avuto un crollo: quando si crolla dal punto di vista emotivo, secondo il cantante, dopo si riesce a vedere tutto meno ingigantito. Laura Pausini, infine, ha cercato di portare Syria a pensare al futuro in maniera positiva: “Manca sempre meno” ha scritto la cantante romagnola.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Laura Pausini | “Aiutate i lavoratori dello spettacolo italiano”

C’è da dire che la vita dei lavoratori dello spettacolo, in questo difficile momento storico, se possibile è anche più dura di quella dei lavoratori degli altri settori economici. Attualmente, infatti, tutti i principali eventi culturali e sociali del 2020 sono stati cancellati oppure rimandati a data da destinarsi. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Syria (@syriaofficial) in data:

Inoltre moltissimi artisti, come Vasco Rossi e Albano, hanno spiegato che è difficilissimo creare in quarantena, perché l’ispirazione è bloccata dalla pressione e dall’ansia che stiamo vivendo da mesi.