Bambini | Come essere autoritari senza gridare?

0
5

Come farti obbedire da tuo figlio senza alzare la voce? un’esperta in psichiatria infantile ci fornisce dei consigli preziosi.

educare i bambini
Photo Adobe Stock

Cercando di fare del proprio meglio per essere bravi genitori e dare una buona educazione ai figli, talvolta si finisce per essere sopraffatti dall’isteria e usare con i bambini le parole e i modi sbagliati. Sono un cattivo genitore? Lo traumatizzerò se imposto tutti questi limiti? Lo fa apposta?  Le domande che ci poniamo ogni giorno sono molteplici. La psichiatra Gisèle George si ritrova ogni settimana ad avere a che fare con genitori sull’orlo del collasso nervoso e il suo consiglio è quasi sempre lo stesso per tutti: bisogna sapere come impostare i limiti.

SULLO STESSO ARGOMENTO: 7 cose da non fare quando un bambino è in preda ai capricci

Educare un bambino significa sapere come impostare i limiti

sgridare bambino
Photo AdobeStock

Secondo le osservazioni della psichiatra, alcuni genitori hanno una certa riluttanza a fissare limiti a monte, come se l’autorità e l’amore fossero incompatibili con le limitazioni. Secondo Gisèle George questo avviene perchè “in passato il bambino veniva considerato come un ulteriore fattore nella vita dell’adulto. Oggi è un progetto a sé stante, maturato e pensato”.

Quello che i genitori dimenticano molto spesso è che il loro bambino dovrà affrontare la vita, con errori e, soprattutto, vivrà fuori dai sentieri battuti. Mentre la sua contestazione fa parte del suo normale sviluppo la nostra iper protezione non farà altro che ostacolarlo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: 8 frasi con cui i bambini chiedono aiuto indirettamente

Aiutalo a vivere in funzione di quella che sarà la realtà

Il legame emotivo tra il bambino e il suo genitore risale alla nascita. I primi bisogni del bambino spingeranno il bambino a stimolare quella che viene chiamata la figura dell’attaccamento, ovvero colei che risponderà alle sue richieste. Da questa dialettica nascerà un legame di profondo attaccamento.

A poco a poco, i bisogni del bambino saranno stabiliti in due gruppi: come un “principio del piacere immediato” : giocare, mangiare una caramella quando vuole … e in necessità imperative regole e limitzioni alle quali non vorrebbe mai sottostare. Qui è dove le cose si complicano. Il ruolo del genitore si è evoluto e consiste nel far integrare al bambino il principio di realtà: non potrà fare tutto ciò che vuole quando vuole.

Quindi, naturalmente, gli scontri, l’irritabilità, l’opposizione del bambino, sono il frutto di una risposta negativa al bambino abituato ad avere suo padre o sua madre, che rispondono sempre positivamente alle sue richieste.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Bambini: 8 frasi nocive e cosa dire al loro posto

Istruzioni salde e rassicuranti

Quando un genitore deve prendere una decisione contraria ai desideri di un bambino, il bambino può borbottare, gridare, urlare e usare tutti gli stratagemmi a sua disposizione per ottenere ciò che vuole. Tuttavia, una decisione equa e ferma deve essere presa con una spiegazione iniziale. Ad esempio: “Voglio che tu faccia i compiti, perché i compiti vengono prima della televisione”.

Anche l’atteggiamento conta: una voce chiara, parole semplici e comprensibili, senza troppi avverbi ed evitando il più possibile il condizionale, che apre una breccia nella disputa.

Bisogna inoltre avere polso. Secondo Gisèle George, “il bambino impara anche dal” no “di suo padre o sua madre. Pertanto, approva gradualmente queste decisioni che garantiscono il suo benessere e sicurezza”. […] Fai attenzione, in qualsiasi momento, un bambino proverà a intervalli regolari a strattonare, violare e negoziare di nuovo i limiti che gli hai fissato. Mntieni la calma. L’istruzione è una lunga strada che ti metterà molto alla prova “

bambini autorità genitori
Photo Adobe Stock

Scopri tutti i nostri articoli nella sezione Maternità e scopri come relazionarti al meglio con il tuo bambino e come prenderti cura di lui seguendo i consigli degli esperti.