Conte difende Silvia Romano | “Nessuno sa cosa ha passato”

0
2

Giuseppe Conte difende Silvia Romano dopo i pesanti attacchi ricevuti dalla volontaria sul web in seguito alla sua liberazione.

silvia romano
Silvia Romano e Giuseppe Conte – Foto Instagram da https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/

Giuseppe Conte difende Silvia Romano dai ripetuti attacchi ricevuti dal web nelle ultime ore. La volontaria, dopo essere stata liberata ed essere tornata in Italia, sta ricevendo critiche e durissimi attacchi che hanno spinto il Presidente del Consiglio ad intervenire in sua difesa.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Silvia Romano | Gli insulti su Instagram arrivano al profilo sbagliato

Conte difende Silvia Romano: “nessuna speculazione, nessuno sa cosa ha passato”

Silvia Romano libera
Foto da Instagram @coffeeology_blog

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte difende Silvia Romano dopo gli attacchi ricevuti nelle scorse ore. Contro la finestra della sua casa sono stati trovati cocci di vetro e il Premier risponde a chi punta il dito contro la Romano che ha ammesso di essersi convertita all’Islam.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Silvia Romano | Parla lo zio: “le hanno fatto il lavaggio del cervello”

“Dico soltanto a chiunque abbia da speculare su Silvia Romano: per poter speculare su di lei ci dovremmo ritrovare a 23 anni rapiti in Kenya. Dovremmo essere trasportati da persone armate di kalashnikov nella foresta, camminando sino a 9 ore al giorno per un mese. Passare in quattro rifugi consecutivi. Essere continuamente sorvegliati da persone con kalashnikov. Dopo, quando si fa questa esperienza, si ritorna qui, e allora vi potremmo ascoltare e fare tutte le conseguenze del caso”, ha detto il Premier durante la conferenza stampa di presentazione del Decreto Rilancio.

Nelle scorse ore, il leader della Lega Matteo Salvini, su Facebook, ha scritto: “Il problema non è Silvia Romano una ragazza mandata allo sbaraglio, usata dai terroristi per ottenere soldi e armi, esibita velata alle telecamere di tutto il mondo da un governo incapace di gestire l’emergenza, prima sanitaria, oggi economica e sociale. Lasciamo stare Silvia, cui auguro vita lunga e felice, e guardiamo al vero nemico, al vero pericolo per i nostri figli, per l’Italia, per il mondo, per la Libertà: l’Islam fanatico, integralista, violento, assassino”