Spike Lee | L’ultimo lavoro del regista a giugno su Netflix

Spike Lee pubblica un cortometraggio contro il razzismo (Getty Images)
Spike Lee pubblica un cortometraggio contro il razzismo (Getty Images)

Spike Lee torna su Netflix dal 12 giugno con il suo ultimo lavoro. Il regista di Atlanta riapre vecchie ferite del popolo americano in “5Bloods” affrontando nuovamente l’argomento Vietnam.

Spike Lee torna su Netflix a giugno (Getty Images)
Spike Lee torna su Netflix a giugno (Getty Images)

La nuova frontiera del cinema internazionale, in special modo durante il lockdown, diventa Netflix. Il colosso dello streaming video, infatti, sta impiegando tempo e risorse per garantire un’offerta ancor più all’altezza rispetto al passato di modo che il pubblico possa passare più tempo in casa – come consigliato per via della pandemia da COVID-19 – che fuori. Magari davanti a un bel film o ad un’avvincete serie tv.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Fase 2 | Arrivano le nuove regole per la riapertura di cinema e teatri

Se l’idea dei Drive-In, con il distanziamento sociale, è rimasta una chimera, lo streaming invece continua a prendere piede. Al punto che persino le grandi case di produzione e distribuzione cinematografica hanno aperto alla possibilità del noleggio attraverso la Rete: un modo facile, veloce e non troppo dispendioso per cercare di salvare un’industria che rischia il collasso. L’indotto del cinema – come quello dell’editoria e di tanti altri settori –, a causa dell’isolamento e dell’emergenza sanitaria, ha perso notevoli introiti che deve, in qualche maniera, recuperare.

Netflix, Spike Lee pronto a tornare a giugno

Spike Lee di nuovo su Netflix con il suo ultimo film (Getty Images)
Spike Lee di nuovo su Netflix con il suo ultimo film (Getty Images)

Nel frattempo, Netflix imperversa: gli abbonamenti annuali, ancor più in aumento, consentono di accedere ad una considerevole quantità di produzioni originali tra film e serie tv. Oltre, ovviamente, a capolavori della cinematografia che saltuariamente vengono riproposti. Ora tocca a Spike Lee: il celebre regista statunitense, che ha sempre cercato di riportare nei suoi progetti cinematografici le cicatrici degli Stati Uniti attraversando con maestria le ferite di un popolo più eclettico e controverso di quanto si creda, torna sulla piattaforma dello streaming online dopo aver firmato nel 2017 la serie “She’s gotta have it”.

SULLO STESSO ARGOMENTO: ‘Gomorra’ | Il cinema come riscatto sociale ed etico: l’altra faccia delle Vele

Il nuovo film del regista e produttore di Atlanta si chiama “5Bloods” e arriverà su Netflix il prossimo 12 giugno con l’auspicio di sorprendere ed incantare nuovamente gli spettatori, com’è avvenuto nel recente passato grazie a “Blackkklansman”. Il nuovo lavoro scava, c’era da aspettarselo, nell’intimo del popolo americano riaprendo vecchie ferite: Lee ripesca suggestioni, conseguenze psicologiche e ripercussioni socio-culturali della guerra del Vietnam attraverso quattro afroamericani che tornano sui luoghi del conflitto dopo aver prestato servizio da giovani.

Fra continui flashback e diversi piani sequenza ricchi di pathos ed emozione, Lee riporta sullo schermo uno spaccato di vita mappando le fragilità di una rappresentanza di persone segnate destinate a rimettere insieme i cocci di un’anima fratturata. Nel cast Delroy Lindo, Clarke Peters, Norm Lewis e Isiah Whitlock Jr. Oltre a Jonathan Majors, Paul Walter Hauser e i francesi Jean Reno e Mélanie Thierry.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Coronavirus | Hollywood non trema, al cinema per ripartire dalle produzioni