Gnocco fritto | La ricetta senza strutto

0
1
Gnocco fritto
Gnocco fritto con salumi e formaggi - Fonte: Adobe Stock

Scopriamo insieme la ricetta dello gnocco fritto con burro light.

Gnocco fritto
Gnocco fritto con salumi e formaggi – Fonte: Adobe Stock

Quando si parla di cucina, ogni ricetta può avere diverse declinazioni ed essere cambiata a seconda di esigenze particolari come quelle dovute ad un’allergia o ad un’intolleranza alimentare, al gusto personale o al bisogno di introdurre meno calorie. La varietà di ingredienti che possiamo trovare nei negozi di alimentari, ci consentono oggi più che mai di spaziare con la fantasia, dando vita a ricette sempre nuove e diverse tra loro.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Nikuman: la ricetta dei panini al vapore giapponesi

Ricette che spesso riguardano anche i grandi classici come può esserlo lo gnocco fritto. Piatto amatissimo e famoso in tutta Italia, seppur con diversi nomi, lo gnocco fritto è infatti preparabile in modi diversi. Uno tra questi è quello nella versione senza strutto dove per restare più leggeri e più sani si fa uso del burro. Un’ennesima variante è quella del burro light, perfetto per chi vuole trasgredire senza però esagerare.

Oggi, quindi, proveremo a scoprire come realizzare lo gnocco fritto in una versione più leggera ma sempre ricca di gusto.

Gnocco fritto, la versione leggera con burro light

Gnocco Fritto – Fonte:  iStock photo

Lo gnocco fritto è un piatto tipico della cucina italiana. Particolarmente noto nell’emiliano, è diffuso anche in altre regioni seppur con nomi diversi. Lo si può chiamare infatti, crescentina, torta fritta, pinzino, chisolino o, appunto gnocco fritto.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Pane: la ricetta base con varianti sfiziose

Si tratta di un alimento molto buono e ovviamente fritto ma che grazie alla presenza del burro light risulta un po’ più leggero rispetto alla versione con burro o, ancor di più, a quella a base di strutto. Chi è vegano, ovviamente, potrà utilizzare della margarina.

Attenzione: Per quanto riguarda il burro è bene ricordare che nella versione light non sempre si tratta di burro in grado di sopportare la cottura e, sopratutto, la frittura. Per saperlo è bene leggere attentamente le istruzioni riportate sulla confezione.

Ora che abbiamo tutte le informazioni che ci servono, iniziamo a cucinare!

Ingredienti

  • 300 grammi di farina bianca 00
  • 10 grammi di lievito di birra
  • 5 grammi di sale
  • 5 grammi di zucchero
  • 10 grammi di olio extra vergine d’oliva
  • 10 grammi di burro light
  • 150 grammi di acqua

Prendere una ciotola capiente e mescolare la farina con il sale.
In un’altra ciotola, versare l’acqua e aggiungere il burro precedentemente ammorbidito a temperatura ambiente, l’olio extra vergine d’oliva, il lievito di birra e lo zucchero. Mescolare per bene con una forchetta fin quando il tutto non si amalgama per bene. A questo punto aggiungere la farina. Continuare a mescolare, sempre con una forchetta, fin quando non si rapprende il tutto.

Quando si ottiene un impasto abbastanza solido, infarinare il piano e iniziare ad impastare. In questa fase bisogna agire con calma, continuando ad impastare per circa 10 minuti e cercando di non strappare l’impasto.
Non appena questo risulta liscio e omogeneo, metterlo in una ciotola molto ampia e precedentemente infarinata e coprire il tutto con un canovaccio umido. Lasciar lievitare per circa due ore.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Mozzarella in carrozza e ricotta fritta: 2 stuzzichini invitanti

Trascorso il tempo, stendere la pasta lievitata con il mattarello e tagliarla creando triangoli e quadrati. La forma determinerà la grandezza.
Friggere le forme di pasta lievitata in abbondante olio di semi. Quando appaiono dorati posizionarli su un piatto e coprirli con della carta assorbente in modo da far rilasciare l’olio in eccesso.
Lo gnocco fritto è pronto da servire e da accompagnare, ovviamente, a ciò che si desidera.

I consigli dello chef: La particolarità dello gnocco fritto è quella di poter essere declinato in modi sempre diversi.
Le accoppiate vincenti? Formaggi, preparabili anche a casa e salumi ma anche eventuali salumi e formaggi vegani, sempre da accompagnare con miele o confetture, ancor meglio se fatte in casa. Si tratta infatti di una pietanza che può essere servita come antipasto, pasto unico o finger food.
La scelta ideale per le serata da trascorrere davanti alla tv o quando si ricevono gli amici.