Un menù speciale per il PRIMO MAGGIO | Torte salate e contorni sfiziosi

Il Primo Maggio richiama ad una festa molto importante, ad una ricorrenza che ha un significato profondo nella storia. Nel nostro paese si è soliti festeggiarla e rinnovare lo spirito di questa giornata stando insieme, facendo delle rimpatriate tra amici, cucinando, si dà solitamente ampio spazio alla tanto amata brace. Un menù speciale per il PRIMO MAGGIO: torte salate e contorni sfiziosi.

Un menù speciale per il PRIMO MAGGIO
Un menù speciale per il PRIMO MAGGIO | Torte salate e contorni sfiziosi (AdobeStock photo)

Oltre a arricchire di idee il vostro menù di domani, facciamo un passo indietro nella storia e vediamo perché questa data richiama ad un significato così importante. Per ricordare che questa è la festa di tutti i lavoratori ed ha un’importanza esemplare in Italia e nel mondo. Ad impreziosire le informazioni si aggiungeranno 4 preparazioni prelibate per il pranzo del PRIMO MAGGIO.

SULLO STESSO ARGOMENTO: 10 PIATTI salutari da preparare in men che non si dica!

Un passo indietro nel tempo

Festa dei lavoratori
Il Primo Maggio | Festa dei lavoratori (Pixabay photo)

Il Primo Maggio ha origine nell’Ottocento e richiama ad una giornata di lotta condivisa internazionalmente dai lavoratori desiderosi di affermare i propri diritti, senza vincoli o condizionamenti sociali e geografici per riuscire a migliorare la propria condizione lavorativa atta poi ad un progresso sociale.

È una festa frutto di una lotta del movimento operaio e socialista. Nel non troppo lontano Primo Maggio del 1867 negli Stati Uniti veniva introdotta una legge che introduceva per la prima volta una giornata lavorativa lunga 8 ore. Le strade di Chicago furono invase da 10.000 operai che sfilarono per quelle 8 ore di lavoro tanto agognate e desiderate. Prima di quel momento infatti la giornata lavorativa ammontava a 12 ore al giorno in condizioni al limite.

Circa vent’anni dopo, sempre nella zona di Chicago, moltissimi operai protestarono di nuovo contro dei ritmi massacranti di lavoro all’interno delle fabbriche. Con l’intervento della polizia, la situazione degenerò con poco e, molti operai, non ebbero assolutamente la meglio, molti furono impiccati e scoppiò una bomba.

Il 1 maggio è simbolo di commemorazione per quanto accaduto a Chicago. In Italia le 8 ore lavorative arrivarono soltanto nel 1919, ma la Festa del Lavoro fu addirittura soppressa dal regime fascista e divenne di nuovo Festa Ufficiale Nazionale solo con la proclamazione della Repubblica.

Dopo questi importanti accenni storici ci dedicheremo a ciò che concerne il pranzo da consumare insieme ad amici e parenti per questa ricorrenza così simbolica. Il must è sicuramente il barbecue ma oggi vi parleremo di torte salate e contorni, da consumare anche fredde e da preparare velocemente.

Un menù PRIMO MAGGIO per un pranzo spensierato e ricco di bontà

Menù settimanale
PRIMO MAGGIO Menù (Unsplah photo)

Vogliamo trascorrere un 1 maggio da veri buongustai e abbiamo selezionato per voi una serie di appetitose torte salate e contorni da preparare in un batter d’occhio. Non possiamo non parlare delle fave un classico di questa ricorrenza, vi proponiamo oggi un piatto di fave speciale: hummus di fave!

Siamo solite preparare l’hummus con i legumi, stiamo parlando dei ceci (hummus di ceci), ma questa volta, essendo le fave un alimento tipico di questa giornata particolare, le possiamo utilizzare per creare e uno hummus di fave. Le fave si trovano fresche dal fruttivendolo, nei mercati, oppure possiamo utilizzare quelle surgelate.

Hummus di fave | La variante del Primo Maggio

Zuppa di fave
Hummus di fave | Gli ingredienti (Istockphoto)

Ingredienti

  • 500 grammi di fave
  •  olio extravergine di oliva
  • acqua fredda quanto basta
  • menta quanto basta
  • 1 spicchio di aglio
  • sale quanto basta
  • il succo di mezzo limone

Preparazione

Cuocete le fave in una pentola di acqua calda per circa 20 minuti, lasciate raffreddare e poi togliete la buccia. Mettete le fave nel frullatore con il succo di limone, lo spicchio d’aglio e il sale. Se l’impasto risulta troppo denso potete allungarlo con un goccio di acqua fredda e frullare ancora. Versate l’hummus di fave in una ciotolina graziosa o in più di una per servirlo a tavola e guarnite con un filo d’olio.

Grissini di sfoglia al pesto

Cosa cucino oggi? Il menu completo per pranzo e cena con la pasta sfoglia
Fonte foto: Istock

Ingredienti

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • 100 g di pesto
  • 100 g di formaggio spalmabile o caprino
  • 1 tuorlo
  • latte quanto basta
  • semi di papavero quanto basta

Preparazione

Lavoriamo il pesto con il formaggio spalmabile fino a ottenere un composto cremoso e ben amalgamato. Stendiamo la pasta sfoglia su carta da forno ponendo il lato lungo del rettangolo verso di noi.
Spalmiamo la farcia di pesto solo su metà della sfoglia e richiudiamo la parte priva di condimento su quella guarnita dal pesto facendo combaciare i bordi e premendo leggermente su tutta la superficie per incollare i due strati di sfoglia; con una rotella taglia pizza, o un coltello a lama liscia, tagliamo in senso longitudinale la sfoglia creando delle striscioline di circa 2 cm di larghezza.

Spennelliamo le strisce con il tuorlo sbattutto con un cucchiaio di latte e spolveriamo le strisce con dei semi di papavero. Arrotoliamo a spirale ciascuna striscia e inforniamole ben distanziate su una placca foderata di carta da forno a 180°C per 15 minuti o fino a doratura dei grissini. Lasciamo raffreddare e serviamo freddi.

Quiche taleggio, pere e noci

Pranzo pronto per 3 giorni
QUICHE (Unsplash photo)

Ingredienti

  • 1 rotolo di pasta brisé
  • 200 g di taleggio
  • 1 pera
  • 50 g di gherigli di noce
  • 40 g di pecorino romano
  • 1⁄2 limone
  • pepe fresco quanto basta

Preparazione
page14image2814144Scaldiamo il forno a 180°C; laviamo la pera e asciughiamola, priviamola del torsolo e tagliamola a fettine sottili, poi trasferiamola in una ciotola di acqua fredda acidulata con qualche goccia di succo di limone. Srotoliamo la pasta brisé direttamente su una placca o una teglia da forno e ripieghiamo verso l’interno il bordo della pasta di 1 o 2 cm, in modo che assuma una forma ondulata.

SULLO STESSO ARGOMENTO: 12 ricette a prova di fianchi e girovita | Rimodella il tuo corpo

Bucherelliamo il fondo con i rebbi di una forchetta e spolveriamo il disco di sfoglia con lamelle di pecorino e una parte dei gherigli di noce tritati.Guarniamo con il taleggio tagliato a pezzettini, le fettine di pera sgocciolate e i gherigli di noce rimasti e passiamo in forno già caldo. Cuociamo per 25 minuti o finché il bordo della quiche è ben gonfio e dorato e il formaggio è completamente fuso. Sforniamo, lasciamo intiepidire a temperatura ambiente e, a piacere, prima di servire spolveriamo la quiche con una macinata di pepe fresco.

Strudel alla scarola, taggiasche e uvetta

Strudel salato – Fonte iStock

Ingredienti

  • 1 rotolo di pasta brisé
  • 1 cespo di scarola
  • 3 cucchiai di olive taggiasche denocciolate
  • 2 cucchiai di capperi
  • 1 pugno di uvetta
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di peperoncino
  • 40 g di pangrattato
  • sale quanto basta
  • olio evo quanto basta
  • semi di sesamo quanto basta

Preparazione

Laviamo la scarola, priviamola del torsolo duro quindi tagliamola a strisce piuttosto sottili. Scaldiamo una padella antiaderente con un filo di olio e stufiamo metà della scarola per volta, cuociamo con metà delle olive taggiasche, metà dei capperi e metà delle uvette precedentemente fatte rinvenire in acqua fino a quando l’insalata sarà ben rosolata. Aggiustiamo di sale e ripetiamo l’operazione con i restanti ingredienti quindi saliamo, amalgamiamo tutta la verdura e aggiungiamo un pizzico di peperoncino piccante.

Stendiamo la pasta brisé, versiamo sul fondo il pangrattato e adagiamoci sopra la scarola stufata. Richiudiamo la sfoglia arrotolandola come un involtino e avendo cura di sigillare bene i bordi. Spennelliamo la superficie del rotolo con l’uovo sbattuto e cospargiamo con i semi di sesamo quindi cuociamo in forno caldo a 180°C per circa 30-35 minuti. Sforniamo lo strudel, facciamolo raffreddare e serviamolo tagliato a fette.

I 21 pasti del menù e tutte le preparazioni anticipate | Menù settimanale
PRIMO MAGGIO Menù (Istock photo)

4 preparazioni facili, originali e gustose per portare in tavola un pizzico di tradizione con fave e pecorino e un pranzo speciale a buffet.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da leggere