“Mio figlio di 5 anni parla sempre di morte” cosa fare?

Ma perché la morte ossessiona così tanto mio figlio? mi dovrei preoccupare? Scopri come affrontare questo delicato argomento.

bambini morte
Photo Adobe Stock

Arriva un’età in cui i bambini si pongono e ci pongono moltissime domande sulla morte. Come discutere questo delicato argomento con loro? Ecco le risposte di uno psichiatra infantile.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Bambini: il bacio della morte e il pericolo dell’herpes simplex

Bambini ossessionati dalla morte, cosa fare

bambini spiegare lorola morte
Portrait of a child girl in a costume of Calavera Catrina over dark grunge background. Photo Adobe Stock

E’ normalissimo che ad un certo punto il bambino inizi a porsi delle domande riguardo la morte e non dovresti spaventarti se inizia a farti domande del tipo: “Mamma anche tu morirai un giorno?” “E io cosa farò senza di te? non voglio che tu muioia” oppure “una volta che saremo morti, dove andremo?”

Evitare questo tipo di domande è quasi impossibile, meglio decidersi ad affrontare questo argomento. Ma perché la morte li ossessiona così tanto? lo psichiatra infantile Stéphane Clerget assicura che è tutto normale e rassicura i genitori preoccupati ricordando loro che dopotutto, questo genere di domande ci hanno accompagnato per tutta la nostra esistenza. Man mano che crescevamo, ad ogni fase del nostro sviluppo, ogni volta che abbiamo avuto a che fare con la morte di una persona cara o un animale domestico, fino all’dolescenza in cui abbimo iniziato a porci delle domande sul significato della vita.

Dunque il concetto di morte e la curiosità per essa non dovrebbe destare necessariamente preoccupaazione. Lo psichiatra ci informa che “all’inizio, la morte viene associata all’immobilità. Un bambino di 2 anni, ad esempio, può notarla schiacciando una formica. Tuttavia, non si rende ancora conto della natura irreversibile dell’evento “.

Versoi 4 anni la morte viene associata ad un’assenza prolungata. Le domande di un bambino di 4 anni non saranno necessariamente legate ad un’ansia. “A quel punto, per lui, la morte equivale a un’assenza prolungata. ” ricorda lo psichiatra, mentre le cose cambiano intorno ai 5 anni quando il bambino inizia a temere per la scomparsa dei suoi genitori:Ciò che lo preoccupa soprattutto sapere di essere solo”.

Sarà verso i 7-8 anni, che il piccolo inizierà a porsi domande sulla propria morte e su cosa succederà dopo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Come insegnare ai bambini ad essere felici

Evita il tabù e conta sulla sincerità

bambino morte
Adobe Stock Photo

Sia che il bambino sia ansioso o semplicemente curioso, i genitori non dovrebbero in alcun caso evitare l’argomento o deviare la conversazione con il pretesto che è troppo piccolo per capire: “Non è necessario proteggerlo”, conferma Stéphane Clerget. Se pone queste domande è perché è pronto ad ascoltare la risposta. Soprattutto, l’argomento non deve diventare tabù. Deve sentirsi libero di parlarne, altrimenti potrebbe preoccuparsi ancora di più “.

Se tu stesso sei ansioso e hai notato di avere difficoltà a parlare  di questo argomento, non esitare a lasciare a un altro membro della famiglia questo compito.

Sincerità è la parola d’ordine da adottare nelle nostre spiegazioni. Quindi non ha senso assicurare a tuo figlio che le persone che muoiono vanno in paradiso se non credi nel paradiso, i bambini sono astuti e  “se la risposta non lo convince, farà di nuovo la domanda”, ha ricordato lo specialista. Per quanto riguardail fatto di andare in cielo: ” Ognuno dovrebbe rispondere secondo le proprie convinzioni, suggerendo al contempo che le supposizioni sono disparate. Possiamo parlargli dei diversi punti di vista specificando che non siamo sicuri di nulla. Perché non trarre ispirazione da diverse religioni? Dopotutto, questi sono stati creati in parte per rispondere alle nostre ansie sulla morte. “

Quando l’ossessione del bambino per la morte diventa troppo grande

Come dovremmo comportarci nel caso in cui l’ossessione del bambino per la morte diventa troppo grande? “Devi iniziare a preoccuparti quando gli senti dire che desidera morire per unirsi a suo nonno in paradiso, per esempio. A quel punto, potrebbe essere necessario approndire l’argomento per assicurarsi di aver compreso la natura irreversibile della morte e di mostrargli che si possono risolvere i propri problemi anche senza lasciare la vita … “

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Come rispondere agli infiniti “perché”dei bambini | Istruzioni per genitori

Libri per parlarne meglio

come spiegare la morte ad un bimbo, il ruolo dei genitori (Istock)

Secondo lo specialista esistono dei libri che aiutano i genitori a trattare questo argomento, li aiutano a comprendere meglio l’interesse dei bambini per la morte, a trovare le parole giuste in caso di morte di una persona molto vicina ed adottare un atteggiamento adeguato alle loro domande.

Allo stesso modo esistono anche dei libri che aiutano i bambini a fornire delle risposte a domande quali: sta dormendo, è malato? è morto? Un primo elemento di risposta alla domanda: che cos’è la morte? così come libri che raccontano cosa accade nel caso della morte di un membro della famiglia.

come spiegare la morte ad un bambino (Istock)

Scopri tutti i nostri articoli nella sezione Maternità e scopri come relazionarti almeglio con il tuo bambino e come prenderti cura di lui seguendo i consigli degli esperti.

Da leggere