Allerta alimentare | Passata di pomodoro ritirata

Sono stati trovati frammenti di vetro in una nota passata di pomodoro. Tutto quello che c’è da sapere.

Passata di pomodoro
Passata di pomodoro in bottiglia – Fonte: Adobe Stock

La passata di pomodoro è uno degli alimenti più utilizzati. Si tratta di un’ingrediente molto amato dagli italiani perché presente in preparazioni diverse come la pasta, il riso o la tanto amata pizza del Sabato sera.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Allerta alimentare: Nuove bacche di goji ritirate dal mercato

Per questo motivo ci teniamo a divulgare un richiamo alimentare effettuato dal Ministero della Salute. Richiamo che riguarda una passata di pomodoro abbastanza diffusa.

Passata di pomodoro ritirata dal mercato. L’annuncio del Ministero della Salute.

Passata di pomodoro
Passata di pomodoro – Fonte: Adobe Stock

Prestare attenzione agli alimenti che consumiamo ogni giorno è estremamente importante per mantenerci in salute e per assicurarci di fare sempre le scelte giuste in campo alimentare.
Oltre a controllare ingredienti e scadenze, è necessario tenersi sempre informati perché alle volte possono esserci dei problemi per i quali alcuni cibi vengono ritirati dal mercato.

È il caso della passata di pomodoro di Iper Montebello, recentemente ritirata dal Ministero della Salute per la possibile presenza di vetro al suo interno.

A seguire i dati precisi per poter riconoscere il prodotto qualora lo si fosse acquistato.

  • Nome: Pomodoro datterino – Salsa Pronta
  • Marchio: Iper Montebello S.P.A.
  • Produttore: Bottega di Sicilia
  • Sede dello stabilimento: C.da Capraro – 97019 Vittoria (Rg)
  • Il lotto di produzione della passata di pomodoro è il D304/19
  • Data di scadenza 31/10/22 e/o 31/12/22
  • La confezione è quella da 330 grammi

Come sempre accade in questi casi, qualora si fosse acquistato il prodotto lo si potrà restituire al negozio e ricevere un rimborso o un altro prodotto.
Dato il particolare momento si può telefonare per avvisare di avere in casa la salsa e programmare la restituzione per quando è in programma la prossima spesa. In questo modo si eviterà di uscire più volte.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Cinque usi alternativi del pomodoro

Sempre in questi giorni pare siano stati ritirati anche degli spinaci. In questo caso si tratta però di un prodotto surgelato e venduto in Germania. Per gli italiani che vivono lì, rendiamo noto che si tratta di una crema di spinaci surgelata della quale non è ancora stato reso il nome in quanto il tutto è ancora in corso di verifiche. Il problema reso noto dal RASFF sarebbe di possibili frammenti di plastica al suo interno.

Come sempre ricordiamo l’importanza di controllare gli alimenti acquistati e di segnalare immediatamente eventuali anomalie evitando ovviamente di consumarli. La prevenzione e la giusta attenzione per ciò che si mangia sono sempre la migliore strategia.

Da leggere