Paura del brutto tempo? Forse soffri di pluviofobia

Ci sono paure apparentemente immotivate che possono influire negativamente sulla vita delle persone. Scopriamo la pluviofobia e come guarirne.

Donna che ha paura dei tuoni
Donna che ha paura dei tuoni – Fonte: Adobe Stock

Quando si parla di fobie, l’elenco è così esteso che è davvero difficile tenerle a mente o conoscerle tutte. Dalla paura del buio, a quella per gli insetti o a quella di restare da soli in casa, ce ne sono infatti molte altre meno conosciute ma non per questo meno innocue.
Uno degli aspetti negativi delle fobie, dopotutto è la sensazione di solitudine che ci si trova spesso a sperimentare e che raramente trova sollievo parlandone perché spesso chi non vive una determinata situazione può fare davvero fatica a comprenderla.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Trasforma la tua paura in qualcosa di positivo

Tra le tante paure, una che molti pensano di vivere da soli ma che invece riguarda tante persone è la pluviofobia, ovvero la paura di fenomeni atmosferici legati alla pioggia, come possono essere i tuoni o il vento.
Si tratta di una paura difficile da trattare perché i fenomeni atmosferici non sono ovviamente evitabili. L’unica cosa che si può fare è quindi capire meglio di cosa si tratta e capire cosa fare per risolvere il problema alla base.

Pluviofobia: di cosa si tratta e come risolverla

Bimba che ha paura dei tuoni
Bimba che ha paura dei tuoni – Fonte: Adobe Stock

Chi soffre di una fobia sa bene come controllarla sia spesso difficile. Si tratta di reazioni molto forti che esulano la ragione e che per questo motivo sono difficili da prevenire e da controllare.
Provarle è così pesante che spesso una delle più grandi paure è legata proprio al timore di vivere ancora una volta quelle spiacevoli sensazione. Eppure, le stesse sembrano destinate a ripetersi ogni qual volta il fattore scatenante si presenta.

Nel caso della pluvifobia (nota anche come ombrofobia), la paura è verso la pioggia e gli altri fenomeni atmosferici ad essa legati. A fare paura sono quindi anche i tuoni, i fulmini e il vento. Una fobia davvero difficile da controllare e che si presenta spesso, specialmente in inverno, cosa che può rendere la vita di chi la prova davvero difficile.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Quarantena: Come tenere lontani ansia e attacchi di panico

Soffrirne a lungo, tra le altre cose, può portare a problemi di ansia che nel peggiore dei casi possono scaturire in veri e propri attacchi di panico.
Per questo motivo è più che mai importante imparare a riconoscere la pluviofobia e capire come uscirne al fine di vivere una vita migliore e non costantemente con l’ansia del brutto tempo.

Pluviofobia: i sintomi

Donna che ha paura
Donna che si nasconde il volto perché ha paura – Fonte: Adobe Stock

Iniziamo quindi con il cercare di capire quali sono i sintomi più comuni della pluviofobia. Quelli che quindi si presentano quando piove o c’è vento o quando il tempo minaccia di peggiorare portando così a lampi, tuoni, fulmini, vento, pioggia e grandine.

  • Iperventilazione
  • Tachicardia
  • Difficoltà a respirare
  • Nausea
  • Mal di testa
  • Senso di oppressione al petto
  • Mal di pancia
  • Problemi gastrointestinali

Si tratta di sintomi comuni a quasi tutte le fobie ed in grado, quindi, di rendere davvero difficile la vita di chi li sperimenta. Specie se il motivo è impossibile da prevedere o gestire come avviene nel caso degli eventi atmosferici legati alla pioggia.
È bene inoltre ricordare che questi sintomi tendono ad aumentare in base all’entità del problema.

Pluviofobia: Come risolverla

donna pioggi
Donna infastidita dalla pioggia – Fonte: iStock photo

Quanto ai motivi, questi sono spesso da ricercare nel passato di chi soffre di questa fobia perché tante volte riconducibili ad eventi traumatici vissuti e ai quali si è collegato per qualche motivo un evento atmosferico che ogni volta che si presenta fa scattare una reazione di paura.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Ansia da risveglio: Cos’è e come contrastarla

Per questo motivo l’unica strada percorribile è quella della terapia. Rivolgendosi ad un professionista, infatti si potrà analizzare a fondo l’origine del problema e procedere con una delle tante soluzioni possibili.

Tra queste, le più utilizzate sono quelle legate alla ricostruzione delle cause all’origine della paura e l’esposizione a situazioni in grado di scatenare l’ansia a livelli minori per imparare a gestirla e dare gli giusti strumenti per affrontare anche la pluviofobia.

Donna che ha paura – Fonte: Thinkstock

Ciò che conta è che una soluzione c’è e visto che la pluviofobia è una tra le fobie più difficili con le quali convivere, il consiglio è quello di non perdere tempo e di non isolarsi inutilmente con il proprio dolore. La cosa più giusta da fare è infatti quella di impegnarsi a trovare una soluzione. Solo così, infatti, si potrà contare su una vita più serena e vivibile al 100% e senza paure.

Da leggere