Alessandro Borghi “Diavoli” | “Vi spiego perché ho deciso di non doppiarmi”

Alessandro Borghi nella serie Diavoli, al fianco di Patrick Dempsey, recita in inglese e, nella versione italiana, non ha voluto doppiare se stesso. Perché? Ce lo spiega lo stesso attore.

Alessandro borghi diavoli
Foto da Instagram @alessandro.borghi

il miglior esordio di sempre per una serie Sky Original.

Ecco come Diavoli, appena uscito, è già entrato nell’Olimpo delle serie tv. Del resto non c’è da stupirci: con un’accoppiata come Patrick Dempsey e Alessandro Borghi 637mila spettatori non potevano che rimanere incollati allo schermo.

La serie pare esser avvincente. Ambientata a Londra, racconta i retroscena della crisi finanziaria europea attraverso la storia di Massimo de Ruggero (Alessandro Borghi), trader italiano che ha raggiunto a fatica e solo con le proprie forze una posizione di potere nell’olimpo della finanza ma che ha deciso di seguire i consigli di Dominic Morgan (Patrick Dempsey), direttore di una delle più potenti banche del mondo, la New York-London Investment Bank (NYL). Proprio seguendo il suo mentore, Massimo si troverà suo malgrado al centro di una guerra economica intercontinentale e dovrà decidere se difendere gli interessi del proprio Paese o allearsi con l’uomo che lo ha guidato verso il successo.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Sulla mia pelle, il film su Stefano Cucchi. Trama, attori e streaming

Chi ha iniziato a seguire le avventure di Alessandro Borghi avrà però notato qualcosa di strano: la voce non è la sua.

Eh già, l’attore, che ha per l’occasione recitato in inglese in un cast totalmente internazionale, non ha poi doppiato se stesso per la versione italiana. Come mai? Ci risponde lo stesso Alessandro Borghi.

Alessandro Borghi Diavoli: “non ho voluto doppiarmi”

diavoli serie tv
Foto da Instagram @alessandro.borghi

Circa due mesi fa l’attore ha pubblicato su Instagram il primo trailer della nuova serie.

L’occasione è stata perfetta per anticipare una domanda che senza dubbio fan e giornalisti gli avrebbero posto di lì a breve: perché non ti sei doppiato?

Ecco come ha spiegato il tutto Alessandro Borghi.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Serie tv Netflix | 5 telefilm perfetti per trascorrere la quarantena

“Questo è il primo teaser di DEVILS, ed è in inglese.
È in inglese per la grande emozione che provo nel ricordare la paura che avevo di non farcela e di non essere all’altezza, dal primo incontro con Nick al primo abbraccio con @patrickdempsey (I’m talking about the first time we met, my friend), con Guido e Jan, i miei amici meravigliosi, che erano lì, pronti a difendermi da qualunque cosa.

Questo per dirvi che la mia voce italiana, nei DIAVOLI, non sarà la mia.

Già, ho deciso alla fine di non volermi doppiare.

Perché?
Direte voi.

Ci sono un po’ di pensieri dietro, ma provo a condividere con voi quelle che sono secondo me le ragioni principali.”

Una decisone dello tesso attore dunque, non una scelta della produzione o una decisione imposta, cosa che rende il fatto ancor più curioso e interessante.

Borghi aveva però le sue buone ragioni per decidere tutto ciò e le elenca in due punti molto precisi.

“1- Mi piacerebbe sapervi tutti davanti alla tv a selezionare la modalità “lingua originale con sottotitoli”, quello che farei io, per poter apprezzare davvero, o magari no, il lavoro che è stato fatto in questa serie, fatta di parole chiave, sfumature, cose piccole, finanza sì, ma soprattutto tanto cuore, tutto fortemente connesso alla lingua in cui è stata girata.

2- Non sono un doppiatore, c’è chi questo lavoro lo fa in maniera eccellente, molto meglio di come avrei potuto fare io, come il mio amico Andrea Mete, soprattutto in un contesto dove tutti gli attori, essendo stranieri, sarebbero stati doppiati da chi questo mestiere lo fa sul serio.
Avrei sentito la differenza, e l’avreste sentita anche voi.

Quindi, potete scegliere, se fare un piccolo sforzo e ascoltare la mia voce, o vederla in italiano e godervi comunque un grandissimo lavoro.”

SULLO STESSO ARGOMENTO: Pc sul letto per guardare le serie tv? Attenti ai rischi

Il post si conclude poi con un ringraziamento a chi gli ha concesso di vivere questa nuova e appassionante esperienza lavorativa, oltre naturalmente a un invito a seguire la serie. Invito a quanto pare accolto da molti.

“Tra poco DEVILS sarà vostra.
Sono emozionato e fiero di aver avuto la possibilità di far parte di un gruppo come questo, per una storia come questa.

Grazie @skyatlanticit e @luxvide
E grazie a tante altre persone che mi sono state accanto in questi lunghi mesi.

Grazie per la fiducia, il rispetto e la gentilezza.

Esco da questa storia con tanti amici in più.
Sono tanto felice.

GET READY, THE DEVILS ARE COMING”

serie tv
serie tv quale guardare in base alla personalità (Istock)

Ecco svelato dunque l’arcano, il perché, in italiano, non potremo sentire la voce di Alessandro Borghi.

Un’alternativa a quanto pare però rimane: seguire Diavoli in inglese. Chi accetta la sfida?

Da leggere