Primo Maggio | Il concertone cambia format: la piazza diventa telematica

Il Primo Maggio, per la prima volta in 31 anni, avrà un format diverso. La Festa dei Lavoratori vedrà ugualmente lo svolgimento del tradizionale concerto della Capitale, anche se non in Piazza San Giovanni.

Il Concerto del Primo Maggio cambia pelle
Il Concerto del Primo Maggio cambia pelle (Getty Images)

Se ce l’ha fatta l’Eurovision Song Contest a salvarsi (essendo un evento di ampia portata e risonanza), allora forse la musica è chiamata ad un salto di qualità per salvare il salvabile. Durante l’emergenza Coronavirus, i cantautori non si fermano (per così dire): niente concerti live, il palco diventa il proprio divano e la cassa di risonanza lo streaming collettivo della Rete. In una sorta di gigantesca esibizione lungo la fibra ottica, cordone ideale di speranze, sogni e suggestioni in un futuro incerto.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Perchè ascoltiamo sempre la stessa musica?

L’Eurovision Song Contest, dunque, non si annullerà – come annunciato da qualche tempo – ma cambierà solo pelle e conformazione: gli artisti in gara (per l’Italia concorre Diodato con “Fai Rumore”) si esibiranno da casa propria con un contributo video che sarà trasmesso in diretta su diverse piattaforme ed emittenti televisive. Internet e tivù che si fondono insieme per un’esigenza maggiore: quella della condivisione.

Primo Maggio: il concertone in piazza (telematica) dopo 31 anni

Dopo 31 anni il Concerto del Primo Maggio presenta un format nuovo
Dopo 31 anni il Concerto del Primo Maggio presenta un format nuovo (Getty Images)

Stesso intento che definisce e caratterizza il Concerto del Primo Maggio: l’evento, come ogni anno, fa da collante alla Festa dei Lavoratori. I sindacati – CIGL, CISL e UIL – non hanno voluto far mancare il proprio apporto nemmeno in tempi di Coronavirus, dove (se possibile) tornare a parlare di lavoro e pari opportunità diventa essenziale. La questione concerto, in un certo qual modo, è stata risolta: niente palco allestito, come accadrà per l’Eurovision Song Contest, ma Piazza San Giovanni prenderà vita idealmente con l’aiuto del Web.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Musica | “Amies”, il coro che aiuta le donne vittime di tratta a ritrovare sé stesse

Il fine ultimo è realizzare un concerto in streaming dove gli artisti selezionati canteranno collegati da casa propria o da luoghi isolati scelti e concordati in precedenza: musica che unisce, nonostante la distanza e le restrizioni per favorire la prudenza. Le note (musicali), anche stonate, possono infrangere ogni barriera e superare qualunque distanza: non a caso, il Primo Maggio – in riferimento sempre al concerto – per la prima volta in 31 anni cambia collocazione.

“Il lavoro in sicurezza: per costruire il futuro”, questo il claim principale che contestualizzerà la serata di inizio mese con una diretta-non diretta che andrà in onda su Raitre. Numerosi gli intervalli fra le diverse canzoni, per lasciare spazio ad altri contributi inviati da artisti e fan ad autori e organizzatori. Al lavoro – è il caso di dirlo – come ogni anno, ma stavolta la grinta è maggiore: la situazione lo richiede, perchè talvolta una canzone (non importa dove e come venga suonata) può riconciliare l’anima. Ora più che mai ce n’è bisogno.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Le cose non si possono fermare. La musica è presente ovunque! Grazie a tutti per averci seguito, domani scopriremo i vincitori di Primo Maggio Next! ❤️

Un post condiviso da PrimoMaggioRoma (@primomaggioroma) in data:

SULLO STESSO ARGOMENTO: Musica | Il mistero di Liberato, l’ultima trovata del cantautore napoletano

 

Da leggere