Arte ai tempi del Coronavirus | Le visite culturali diventano virtuali

Tutto è cambiato. Tutto tornerà come prima? Che fine farà l’arte amata e fruita con tanto ardore da tutti gli appassionati se non potranno recarsi ai musei? Un breve e chiaro quadro della situazione. 

Arte ai tempi del Coronavirus | Le visite culturali diventano virtuali
Arte ai tempi del Coronavirus (Pixabay photo)

Parliamo un po’ di come sarà possibile godere dell’arte ribaltando un pochino gli schemi tradizionali attraverso smartphone e tablet. Arte ai tempi del Coronavirus. Le visite culturali diventano virtuali

SULLO STESSO ARGOMENTO: Covid-19 farmaco, dagli Usa una scoperta che potrebbe cambiare tutto

Dall’impatto visivo al virtuale

Dall'impatto visivo al virtuale
Dall’impatto visivo al virtuale (Pixabay photo)

Un enorme interrogativo ci affligge. Cosa ne sarà della fruizione artistica ai tempi del Coronavirus? se cittadini non possono recarsi nei musei l’arte riuscirà ad entrare nelle loro case attraverso pc, smartphone, iPhone e tablet? Il virus ha di fatto ha attaccato e intaccato qualsiasi cosa ma i musei italiani rispondono adoperandosi per una nuova tipologia di fruizione dell’arte. Questo dimostra quanto la tecnologia e le competenze specialistiche possono enormemente integrare e far fronte alle difficoltà.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Le nostre vite dopo il virus | Ricostruire la società

Restare a casa è ciò che ripetiamo dall’11 marzo 2020, un hashtag (#iorestoacasa) che ha invaso ogni quotidiano e tutta la panoramica dei social. Amò, ancora ad oggi limitati, possiamo uscire esclusivamente per le spese indispensabili e per le visite mediche che non possono essere rimandate, portare fuori il cane, al massimo fare un po’ di jogging nei pressi di casa.

In questo momento il paese ci appare in sospeso nell’attesa che questa enorme epidemia venga in qualche modo contenuta. Chiusi le attività commerciali, i ristoranti, le scuole e le università e, chiusi anche i musei. In questo momento così complicato, come è possibile mandare avanti la gestione di un museo d’arte? Come è possibile riuscire a permettere la fruizione delle opere presenti in nuove collezioni che non hanno avuto modo di essere avviate o in quelle permanenti?

L’iniziativa dei musei italiani

Arte e web
Arte ai tempi del Coronavirus | Le visite culturali diventano virtuali (Pixabay photo)

Molti musei italiani stanno cercando di tenere attiva la fruizione delle proprie opere d’arte attraverso i social network a, in questo momento si stanno rivelando una preziosa risorsa poiché permettono una comunicazione artistica anche se virtuale. Si era già sviluppata da qualche tempo una certa sensibilizzazione verso la comunicazione digitale in ambito museale, infatti, anche presso diversi corsi di laurea specifici, si era parlato di digital media in questo campo.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Le nostre vite dopo il virus | Ricostruire la società

Di recente, moltissimi volumi sono stati redatti in merito all’argomento, quindi, comunicare il museo ai tempi d’oggi attraverso il digitale. Mai come in questo momento così difficile utilizzare i social network in maniera consapevole cosciente e formativa è un bene per sentirsi ancora vicini seppur distanti a ciò che più arricchisce la nostra cultura.

Sono partiti da diverse settimane moltissimi corsi di formazione online e in questo senso anche i musei vogliono fare la loro attraverso una comunicazione costruttiva ed edificante,  per quanto ancora non sia ancora molto sviluppata questo tipo di soluzione. Di fatto che, oggi, oltre a seguire le stories e le dirette di Chiara Ferragni o della De Lellis, possiamo fare delle scelte interessanti, grazie a numerose iniziative di istituzioni museali che stanno abbracciando il mondo social contro il Coronavirus, arricchendo e intensificando le loro attività sul web.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Leggere ci rende vivi | Una lista di libri tutta per voi

In molti stanno partecipando all’iniziativa arte online. C’è anche Le Scuderie del Quirinale con un video dedicato alla mostra più attesa dell’anno “Raffaello 1520-1483” in cui Mario de Simoni e Matteo Lafranconi raccontano tutto ciò che è stato fatto per allestire l’esposizione di questa mostra e pubblica una suggestiva passeggiata alla mostra.

Altre gallerie si attivano sui social

Attive sia su Instagram che su Facebook ci sono anche le Gallerie Nazionali d’Arte antica “Barberini-Corsini” che aderiscono alla campagna #iorestoacasa.  Anche la Pinacoteca di Brera dice la sua sul proprio canale YouTube, ha dato vita agli “Appunti per una resistenza culturale” un programma afferma il direttore che delle due istituzioni James M. Bradburne, in cui tutti i dipendenti del museo leggono mostrano illustrano tutti i quadri presenti.

Anche il Modern Art Museum di Milano rende fruibile la mostra di Canova, “Canova: i volti ideali”,  ricca di fotografie, approfondimenti e cinque sezioni tematiche.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Cinema e Coronavirus | Drive-in in Texas e in Italia?

Arte virtuale
Arte ai tempi del Coronavirus | Le visite culturali diventano virtuali (Pixabay photo)

Godere del patrimonio artistico è possibile grazie a queste preziose iniziative, le proposte sono davvero tante, ed è quindi giunto il momento di iniziare ad immergervi in questo nuovo mondo fatto di arte, in base alle vostre passioni e ai vostri gusti, vi basterà navigare in Internet per scoprirne la vastità.