Gli 11 passi per riacquistare la fiducia in se stessi

Avere fiducia in se stessi è molto importante per vivere al massimo delle proprie potenzialità. Ecco i passi da compiere per riacquistare la fiducia persa nel tempo.

Donna sicura di se
Donna sicura di se – Fonte: Adobe Stock

La fiducia in se stessi è qualcosa che si sviluppa fin dall’infanzia e che con il tempo dovrebbe crescere in modo sano e strutturato in modo da rendere le persone consapevoli delle proprie possibilità. Avere fiducia nelle proprie capacità si fonda sull’autostima e sulla consapevolezza di valere almeno quanto gli altri. Eppure, sempre più persone si trovano a sperimentare una scarsa fiducia in se. Sensazione decisamente spiacevole che porta a sentirsi spesso insicuri e a volte persino inferiori agli altri.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Bassa autostima: le sei cose che non ti aiutano a migliorare

La fiducia in se stessi, come l’autostima, è qualcosa che andrebbe alimentata ogni giorno e che una volta persa andrebbe riacquistata il prima possibile. Senza, infatti, la vita di tutti i giorni acquisisce dei limiti che alla lunga possono rovinare la qualità della vita. Senza la fiducia in se stessi si corre il rischi di non dire ciò che si pensa, di non agire in tempo davanti ad una data situazione e di non mettersi in gioco. Tutti blocchi che possono influenzare la riuscita dei progetti personali, impedendo alla persona di evolvere nel modo corretto.
Oggi, quindi, scopriremo quali sono i passi fondamentali per ritrovare la fiducia in se stessi.

I 10 passi da compiere per riacquistare la fiducia in se stessi

aumentare autostima in sette mosse
Donna sicura di se al tramonto – Fonte: Istock Photos

Prima di parlare di come muoversi per tornare ad avere fiducia in se stessi è bene capire il perché nel corso della vita ci si trova a perderla.
I motivi possono essere diversi. Spesso sono legati ai modelli educativi dell’infanzia e a quanto genitori e insegnanti sono riusciti ad infondere la giusta fiducia nelle capacità di ognuno.

Tra i fattori che portano alla mancanza di fiducia ci sono però anche errori commessi nel corso della vita e che hanno portato a conseguenze difficili da gestire. In quel caso, specie se non provvisti della giusta autostima, può accadere di iniziare ad aver timore prima di agire e questo, con il tempo, porta ad un crollo della fiducia nelle proprie capacità.

Ma quali sono esattamente i sintomi della scarsa fiducia in se stessi? Questi possono variare da persona a persona ma i principali indizi, generalmente sono:

  • Paura di prendere decisioni importanti
  • Lentezza nel decidere su come agire
  • Paura dell’opinione altrui
  • Ansia fuori misura davanti a situazioni improvvise
  • Scarsa capacità di trovare soluzioni rapidamente
  • Insicurezza
  • Paure immotivate
  • Pessimismo su tutto ciò che ci si appresta a fare
  • Difficoltà a confrontarsi con gli altri

I segnali di una scarsa fiducia in se stessi sono ovviamente molti di più. Spesso, però, basta riconoscersi tra questi per poter scegliere di agire al meglio, al fine di cambiare la propria situazione.

donna forte
Donna che si sente sicura di se – Fonte: Adobe Stock

Avere fiducia in se stessi, infatti, è davvero importante perché solo così si potrà contare su una vita ricca di possibilità da cogliere per ottenere ciò che si desidera. Per fortuna, la fiducia è qualcosa sulla quale è possibile lavorare. Scopriamo quindi quali sono i passi da compiere per riacquistare la giusta fiducia in se stessi e riappropriarsi così della propria vita.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Autostima: una marcia in più nel mondo del lavoro

Fare pace con il passato. Il primo passo da compiere riguarda il passato. È bene infatti far pace con gli eventuali errori commessi e con le persone che si considerano colpevoli per la situazione attuale. Porsi nel ruolo della vittima, anche quando si è davvero subito qualcosa, è altamente nocivo e porta ad una perdita dell’autostima. Per tornare ad avere fiducia in se stessi è necessario chiudere ogni problema irrisolto con il passato, individuare e sconfiggere i propri demoni e fatto ciò, rimboccarsi le maniche e guardare al proprio futuro partendo solo dalla prospettiva presente. Ciò che è stato è stato ma è oggi che è possibile cambiare la propria vita.

Cambiare modo di parlare a se stessi. Durante il giorno capita spesso di trovarsi a ripetere frasi demotivanti. Ci si dice di essere stanchi, di non potercela fare, di non essere all’altezza di qualsiasi situazione, etc… Le parole, però, hanno un peso e a forza di dirsi qualcosa succede che si finisce con il crederci. Un passo indispensabile per iniziare ad riavere fiducia in se è quindi quello di cambiare modo di parlarsi. Spronarsi di continuo a far meglio, incitarsi e dirsi che si, ce la si può fare, aiuterà inevitabilmente a sentirsi meglio e più carichi e pronti che mai.

Porsi obiettivi ragionevoli. Spesso la scarsa fiducia in se stessi nasce per le troppe volte in cui ci si è posti obiettivi che non si è poi riusciti a raggiungere. Ciò avviene quando, ad esempio, ad ogni nuovo anno si stila la famosa lista degli obiettivi che 12 mesi dopo è ancora intatta e per niente realizzata. Il giusto modo di procedere per non abbattersi ma trarre vantaggio dai propri obiettivi è quello di porsene di semplici e possibilmente uno alla volta. In questo modo, una volta raggiunto il primo, si inizierà già ad avere più fiducia in se e ci si sentirà più pronti per il secondo.
Procedendo in questo modo la fiducia in se stessi non potrà che aumentare dando un senso di benessere sempre più grande.

Mettersi alla prova a piccoli passi. Spesso, come già detto, la scarsa fiducia in se stessi nasce dagli errori commessi in passato. Per bilanciare le cose è quindi importante darsi la prova di saper ottenere dei risultati positivi anche in quelle situazioni che si considerano di forte disagio. Il trucco è quello di uscire dalla propria comfort zone ma a piccoli passi, ponendosi di volta in volta un obiettivo sempre più grande. Superare le proprie piccole paure è un modo per sentirsi fieri di se e per dimostrarsi al contempo che volendo ci si può spingere ben più in la di quanto si pensi. Per riuscire nell’intento, però, è necessario iniziare davvero da qualcosa di piccolo e non aver paura di sbagliare e ritentare. Perché spesso è attraverso gli errori che si impara come vivere.

Non inventare scuse. Spesso chi ha poca fiducia in se, tende ad accampare scuse di ogni genere per non agire. In realtà a spingere verso il non prendere decisioni ed i restare immobili davanti al mondo che cambia è solo frutto della paura. Una cosa della quale si è consapevoli e che, di conseguenza, non è affatto d’aiuto. Molto meglio iniziare a prendersi subito le giuste responsabilità perché in questo modo ci si sentirà più adulti, maggiormente padroni di se stessi e, di conseguenza, più consapevoli e fiduciosi nelle proprie possibilità.

donna forte
Donna sicura di se – Fonte: iStock photo

Saper sbagliare. E parlando di errori è importante ricordarsi che ogni primo passo comporta in se un tentativo con annessa possibilità di sbagliare. Succede quando da bambini si muovono i primi passi, quando si va a scuola e in tutto ciò che comporta un inizio nella vita. Commettere errori fa parte del gioco e per vincerlo è indispensabile saperli riconoscere, accettarli ed elaborarli al fine di trasformarli in nuovi punti di partenza. È inoltre importante sapersi prendere in giro e mettere da parte le manie di perfezione che spesso sono una delle principali cause di insicurezza.

Fare sport. Sebbene possa sembrare strano, allenarsi è un buon modo per acquistare fiducia in se stessi, specie se si parte da zero. L’allenamento fa bene al corpo ma anche allo spirito e consente di raggiungere di volta in volta obiettivi diversi. Fare sport per tonificarsi, allenare il respiro, dimagrire o semplicemente sentirsi meglio è sempre un’ottima scelta per riacquistare fiducia in se stessi. Inoltre non va dimenticato che l’allenamento aiuta a centrarsi, impone resistenza fisica e mentale e rappresenta quindi un’ottima scuola per allenarsi ad aver fiducia in se stessi.

Prendersi cura di se. Un altro aspetto fondamentale per accrescere la fiducia in se stessi è quello di prendersi cura del proprio aspetto e dell’ambiente in cui si vive. Sentirsi carichi di autostima quando si è in disordine o si vive nel caos è infatti decisamente difficile. Iniziare ad aver cura del proprio aspetto, della propria salute e dell’ambiente circostante è quindi una buona base sia per l’umore che per l’autostima.

Prendersi cura degli altri. A volte la scarsa fiducia in se stessi porta a chiudersi e a creare un muro tra se ed il mondo esterno. Ciò, porta ad uno stato di isolamento che, ovviamente, non fa che accrescere le proprie paure e l’incapacità di agire davanti alle più svariate situazioni. Una buona soluzione può essere, quindi, quella di prendersi cura degli altri. Aiutare una persona anziana a fare la spesa, dare conforto ad un amico che si sente particolarmente giù di morale, fare un favore… I modi per agire sono davvero tanti e tutti utili sia per stabilire un rapporto migliore con gli altri che per sentirsi più sicuri di se ed invasi dall’emozione positiva che nasce quando si sa di aver fatto qualcosa di buono per qualcun altro. D’altro canto, poche cose possono ripagare l’animo quanto il sorriso grato di qualcuno.

Credere prima di tutto a se stessi. Spesso la mancanza di fiducia in se stessi nasce da un’eccessiva importanza che si tende a dare agli altri. A volte lo si fa per paura di non essere accettati, altri per semplice mancanza di forza di volontà ed altre ancora per la classica paura di sbagliare. La verità, però, è che non c’è alcun motivo per cui l’opinione altrui debba essere più importante di quella personale. Certo, bisogna sempre essere aperti al confronto e darsi la possibilità di rivedere le proprie idee ma è bene ricordare sempre che, la propria opinione conta ed è giusto ascoltarla. In particolar modo se si parla di opinioni sulla propria persona. Ognuno di noi si conosce più a fondo di quanto possano fare gli altri e pertanto è scorretto che l’idea che qualcuno si fa su di noi possa superare la propria idea personale. E questo è un punto importante da non dimenticare mai.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Autostima: Cos’è e come influisce sulla nostra vita

Essere positivi. Infine, è bene imparare ad essere positivi. Con la positività, infatti, si può costruire sempre qualcosa di meglio che producendo pensieri negativi. Volersi bene e trattarsi in modo positivo è indispensabile per crescere come persone ed aumentare la propria autostima. E farlo aiuterà sicuramente ad alimentare la fiducia che si ha in se stessi. Per quanto i pensieri negativi abbiano la prerogativa di attecchire con più facilità, lavorare su quelli positivi è sempre un buon modo per stare bene con se stessi, ottenendo una condizione in cui pensare in modo propositivo è certamente più semplice. Ciò non significa vedere le cose in modo diverso da come sono ma non affossarsi da soli e darsi sempre la possibilità di trovare un punto di luce anche negli immaginari più neri. E poi, essere positivi porta più facilmente a sorridere e i sorrisi fanno bene alla salute.

quando andare in terapiaAvere fiducia in se stessi è importante per poter contare su una vita di successo e ricca di tutte le possibilità che ognuno di noi si merita. È quindi importante decidere di lavorare su questo aspetto. A volte, però, compiere semplicemente dei passi può non essere sufficiente. In tal caso chiedere aiuto ad un esperto per avere le giuste indicazioni e capire da dove iniziare può essere il modo migliore per fare il primissimo passo verso una vita ricca di soddisfazioni e della quale andar fieri.

Da leggere