Non solo corsa | A casa con yoga, ginnastica postulare e pilates

Yoga, pilates, ginnastica posturale. Sembrano attività lontane dalla nostra amata corsa ma in realtà sono molto utili per chi corre. Provale e quando tornerai ad allenarti vedrai la differenza. Parola di ambassador e coach!

antigravity pilates
Donna che fa pilates, IStock

Lo stop forzato dei corridori di sta prolungando, ma non dobbiamo mai perdere di vista il nostro obiettivo: quello di tornare a correre tutte insieme e in forma nei parchi e lungo le strade delle città. Nel frattempo, esistono valide alternative da mettere subito in pratica. Dobbiamo mettercela tutta per lasciarli coinvolgere e travolgere da altre discipline utili alla corsa e non abbassare mai la guardia. Non solo corsa. A casa con yoga, ginnastica postulare e pilates.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Mini circuito energizzante da fare a casa | Allenati con noi!

Consigli | Guarda oltre la corsa

leggins per corsa
Corsa (Pixabay photo)

Potete seguire innumerevoli workout su YouTube e il fiatone è assicurato, tra HIIT (High Intensity Interval Training), tabata, ripetute per le scale e circuiti. Ma l’allenamento cardio non è l’unico training che potete fare in queste settimane per tenervi in forma. Ci sono moltissime attività alternative che sono complementari alla corsa ma ugualmente importanti perché migliorano alcuni aspetti fondamentali di una buona performance, come la forza del core e la postura, che spesso tendiamo a trascurare mentre corriamo.

Una disciplina che richiama a tutto ciò è sicuramente il Pilates. Il Pilates si fa a corpo libero, non serve alcun tipo di attrezzo, avrete bisogno solo di un tappetino. Gli esercizi delle sedute sono ideali per risvegliare i muscoli e vanno eseguiti in modo lento e controllato. Da non confondere con lo stretching perché i movimenti base del Pilates si concentrano molto sugli addominali, che devono restare sempre in tensione e che sono fondamentali per garantire la giusta postura, che vi servirà anche per assumere una posizione corretta durante la corsa che riprenderemo non appena questa situazione si sarà sbloccata.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Impariamo il metodo Pilates e iniziamo a praticarlo

La disciplina Pilates lavora anche sui muscoli delle gambe che spesso, nei corridori, sono forti, tosti ma poco elastici. Allungandoli infatti se ne traggono due benefici fondamentali: riuscirete ad avere una corsa fluida, bella da vedere e riuscirete a mantenere in salute le articolazioni evitando problemi di muscolo tendinei.

Tra gli esercizi base, c’è il cosiddetto roll down che fa lavorare la colonna vertebrale e ne migliora la mobilità: consiste pro- prio in uno “srotolamento” della schiena in avanti da fare in piedi, a gambe leggermente aperte, una vertebra alla volta, con la testa e le braccia rilassate, fino a toccare terra con le dita.

Yoga, pilates, ginnastica posturale

yoga
Lo yoga è una connessione tra corpo e mente | Gli strumenti (AdobeStock photo)

Un altro aspetto molto importante del Pilates è la respirazione. Infatti, la respirazione non è mai casuale ma viene cadenzata e ritmata attraverso dei movimenti che vengono eseguiti. Per quanto riguarda invece lo yoga si può praticare con pochi e semplici esercizi che si basano su lavori di equilibrio e propriocezione, anche questi servono ad avere o  meglio, a stabilire un appoggio corretto e una spinta ottimale. Migliori sono le asana che mettono alla prova la stabilità e sono quelle dell’albero e dell’aquila.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Posizioni yoga | 10 asana base e i sconosciuti loro effetti benefici

Tra le discipline molto utili e efficaci possiamo includere tutti gli esercizi che fanno parte della ginnastica posturale, ad esempio, eseguire una serie di squat tenendo sopra la testa a braccia tese il manico di una scopa è molto efficace per farsi che le spalle mantengano una posizione ben aperta e far diventare questa un’abitudine.

È possibile anche utilizzare un coperchio niente e ci si posiziona in modo statico e cioè supini con i piedi ben piantati sul pavimento il sedere sollevato e le braccia distese per terra. Il movimento sta nel prendere il coperchio e passarlo sotto il nostro arco della schiena da una mano all’altra, in questo modo si sta obbligatoriamente in tensione e e si concentra la forza al livello addominale.

Migliora la corsa!

Le caviglie, per chi corre, sono veramente fondamentali. Esse, devono essere forti ma anche abbastanza mobili e al contempo stabili. La mobilità delle caviglie è molto importante anche nell’esecuzione degli squat, quindi è bene dedicare diversi esercizi mirati per agevolarle. Tra i tanti esercizi c’è sicuramente l’affondo che prevede una delle due gambe in avanti c’è un asciugamano sotto l’altra gamba, possiamo appoggiare le mani sulla ginocchio è in avanti mantenendo il busto ben dritto e spostare il bacino fino a che non si sente la parte bassa del polpaccio sinistro che si allunga coinvolgendo così anche la caviglia.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Sostituzione delle attrezzature di allenamento a casa | Guida completa

Stretching
Stretching e rullo per massaggio | Completa il tuo allenamento (Pixabay photo)

Detto ciò siamo riuscite a capire quanto tre delle tante altre discipline possano esserci miracolosamente di aiuto, per riuscire ad ottenere degli ottimi risultati pre, durante e post corsa. Inoltre, queste, sono delle discipline che ci aiutano di molto con l’elasticità dei nostri muscoli e la riuscita di determinati esercizi.

 

Da leggere