Coronavirus | 18enne Mattia dimesso | “Nato una seconda volta”

Coronavirus, il 18enne Mattia che aveva detto alla madre che non l’avrebbe lasciata sola, è stato dimesso dall’ospedale di Cremona.

ospedali coronavirus
Ospedali da Covid-19 – Foto Instagram da https://www.instagram.com/protezionecivileit/

Mattia, il 18enne che stava combattendo contro il coronavirus, è stato dimesso questa mattina dall’ospedale di Cremona. Una notizia che rincuora tutti e che è stata annunciata con grandissima gioia dalla mamma come scrive Sky Tg24 che riporta anche le prime parole di Mattia.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Coronavirus | Bambini e mascherine come e quando usarle

Coronavirus, il 18enne Mattia è stato dimesso: “è stata una lotta, ho avuto paura”

Coronavirus
Coronavirus | Arriva un anticorpo contro il virus dall’Olanda (Unsplash photo)

Mattia può tornare finalmente a casa e riabbracciare la sua famiglia. Il 18enne che aveva commosso l’Italia scrivendo un ultimo messaggio alla madre prima di essere intubato, ha vinto la sua battaglia contro il coronavirus. Il ragazzo, come scrive TG Sky 24, ha ammesso di aver avuto “paura” quando i medici hanno dovuto intubarlo.

Il 18enne, inoltre, parlando del coronavirus, spiega che “all’inizio lo avevo sottovalutato e non pensavo arrivasse a questo livello”.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Coronavirus | Un caso in pediatria a Battipaglia, chiuso il reparto

“Mattia è nato una seconda volta” sono invece le parole della mamma che ha ringraziato tutto il personale sanitario per averlo curato e per essersi occupato di lui trattandolo come un figlio. Mamma Ombretta, inoltre, come fa sapere Sky Tg24, è convinta che a proteggere il suo Mattia sia statasua sorella che è morta cinque anni fa ed è stata il suo angelo custode insieme ai medici e gli infermieri”.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Benvenuti Covid e Corona, perchè la mamma li ha chiamati così?

La signora, inoltre, ha spiegato di aver ricevuto tanto affetto in questo periodo e di aver tirato un sospiro di sollievo solo lo scorso 29 marzo quando, pur non potendo vedere Mattia, ha avuto la possibilità di ascoltare la sua voce.

coronavirus ospedali
Coronavirus | Ospedali

“Gli hanno messo vicino all’orecchio il cellulare. Si è messo a piangere e poi a ridere”, ha raccontato la donna nel giorno in cui il coronavirus si è portato via lo scrittore Luis Spulveda che si è spento a 70 anni.

Da leggere